Agosto 9, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

‘non ufficiali’ di Hong Kong che hanno consigliato alla Gran Bretagna l’estradizione – e sono stati ignorati | Hong Kong

ion Versioni ufficiali cinesi e britanniche di Hong Kong La storia, le scelte dei superpoteri occupano il maggior numero di pagine. Un po’ di spazio viene dato alle voci della gente di Hong Kong. Ma negli anni prima della consegna del territorio nel 1997, un gruppo di industriali locali ha cercato – e non è riuscito – di influenzare il corso della storia.

Erano chiamati gli “informali”, un gruppo di consiglieri locali ben collegati nominati dai governanti britannici nel gabinetto de facto per consigliare sulle politiche del Territorio. Per anni, questo gruppo di cinesi locali di Hong Kong è stato considerato il punto di riferimento per questioni complesse. E per molto tempo, i loro consigli sembravano avere una certa influenza sui governanti coloniali.

Ma il ruolo degli informali iniziò a cambiare quando alla fine degli anni ’70 emerse l’argomento più controverso. Nel marzo 1979, il governatore Murray McElhose, chiamato localmente Big Mac, iniziò a esplorare la “questione del 1997” con il leader supremo cinese Deng Xiaoping. Il governatore ha visto i problemi come una “fonte inevitabile di crisi” se lasciati irrisolti.

Il rapporto del Guardian sulla questione datato 3 febbraio 1991. Foto: Il Guardiano

Lascialo al buio

McClews viaggia per parlare con Deng a Pechino Non è andata beneSecondo gli storici che scrissero dell’incontro anni dopo. A quel tempo, la maggior parte dei suoi consiglieri senior, incluso Si Chung, l’ingegnere “non ufficiale” diventato politico, rimase perplesso su ciò che veniva discusso tra britannici e cinesi. Senza informazioni, molti a Hong Kong hanno continuato a credere che l’amministrazione britannica si sarebbe estesa oltre il 1997.

Per alcuni, la segretezza del governatore britannico sui dettagli dell’incontro con Deng ha rivelato un abisso tra gli interessi della corona e la popolazione della colonia. Come Chung, la maggior parte dei non ufficiali è stata lasciata fuori dall’episodio, dice Louisa Lim, autrice del libro Una città indelebile: saccheggi e sfida a Hong Kong. La loro forzata ignoranza non era casuale; era una strategia deliberata del governo britannico, ricordata in note diplomatiche.

All’inizio degli anni ’80, i dubbi sul futuro di Hong Kong prevalevano sul territorio. Essendo stato tenuto all’oscuro, c’era un senso di urgenza nell’informale; Dovranno combattere da soli, non contro Pechino, ma contro Londra.

Per tutto quel decennio, la questione dell’identità di Hong Kong ha continuato a emergere. Il Nationalities Act 1980 ha proposto un nuovo status per i residenti di Hong Kong come “cittadini di un territorio dipendente dalla Gran Bretagna”. Come riportato dal quotidiano Guardian, 7 marzo 1981Ciò ha portato alcuni a chiedersi se la Gran Bretagna avrebbe abbandonato i suoi obblighi nei loro confronti se l’estradizione avesse avuto luogo.

Chris Patten, il 28° e ultimo sovrano dell'Hong Kong coloniale, riceve la bandiera dell'Union Jack dopo che è stata abbassata per l'ultima volta alla Government House nel 1997
Chris Patten, il 28° e ultimo governatore dell’Hong Kong coloniale, riceve la bandiera dell’Union Jack dopo che è stata abbassata per l’ultima volta al Palazzo del Governo nel 1997. Foto: Emmanuel Dunand/AFP/Getty Images

Quindi, prima del dibattito parlamentare finale nell’ottobre di quell’anno, due funzionari non ufficiali si recarono a Londra per fare pressioni sul governo britannico per lo status nazionale britannico dei residenti di Hong Kong. Ma la risposta dei parlamentari britannici li ha scioccati.

“Ci hanno rassicurato tutti sul fatto che non era il tema della Hong Kong britannica che stavano cercando – erano Gibilterra e tutto il resto – ma hanno detto: ‘Non ci dispiace, ma di certo non voglio svegliare nessuno oggi e vai dal mio macellaio e dal mio farmacista per scoprire che i cinesi a Hong Kong li gestiscono”, secondo uno dei funzionari, il banchiere Lee Fuk Wu, che ha convocato questa copia qualche tempo dopo l’evento all’accademico britannico di Hong Kong Steve Tsang.

Furono umiliati e tornarono a casa. La frustrazione ha continuato a crescere. Significativamente, Chung disse a Margaret Thatcher in un incontro privato pochi mesi dopo che se il governo britannico non avesse potuto fidarsi dei suoi consiglieri locali, alcuni di loro avrebbero potuto non avere altra scelta che dimettersi.

“Gli informali erano in una posizione strana, contraddittoria e inefficace”, dice Lim. “Per Pechino, non c’erano anche se a volte cercavano le loro opinioni, mentre in Gran Bretagna venivano consultati e poi ignorati”.

Deng Xiaoping e Margaret Thatcher nel 1982 presso la Grande Sala del Popolo di Pechino durante uno degli incontri precedenti la firma della Dichiarazione Congiunta.
Deng Xiaoping e Margaret Thatcher nel 1982 presso la Grande Sala del Popolo di Pechino durante uno degli incontri precedenti la firma della Dichiarazione Congiunta. Foto: AFP/Getty

Preoccupazioni per il futuro

Durante i quasi venti round di negoziati tra Pechino e Londra all’inizio degli anni ’80, nessun funzionario non ufficiale, come Chung, fu autorizzato a partecipare. Gli inglesi pensavano che le loro opinioni sulla Cina fossero troppo “conflittuali”.

Quando la decisione di abbandonare Hong Kong nel 1997 è stata finalmente annunciata il 20 aprile 1984, ha portato ironicamente un senso di liberazione ai cancellieri. Incoraggiata, una delegazione di nove membri – guidata da Chung – si è recata a Londra per cercare di fare pressione sul governo.

Ma Londra era pronta. I giornalisti sono stati informati contro di loro prima del loro arrivo e le loro dichiarazioni sono state descritte come “intransigenti”. Le loro domande cruciali ai loro padroni coloniali erano: cosa accadrebbe se la Cina violasse la Dichiarazione congiunta sino-britannica? I residenti di Hong Kong potranno votare sulla dichiarazione congiunta? Se é cosi, come?

È stata anche una visita controversa a casa. I giornali pro-Pechino hanno accusato la delegazione di “diffondere oscurità a Hong Kong”, anche se l’indice azionario di Hong Kong è già sceso di 200 punti dall’annuncio del 20 aprile. “Siamo qui per cercare di riflettere le aspirazioni del popolo di Hong Kong”, ha affermato Selina Chao, membro della delegazione, come riportato da The Guardian in 13 maggio 1984. Chiediamo al governo britannico: come adempirai ai tuoi obblighi nei miei confronti? Come mi proteggerai da questi dubbi? “

Si Chung nel 1978
Si Chung nel 1978. Foto: South China Morning Post/Getty Images

Ma prima che potessero ricevere una risposta da Londra, furono espulsi, anche dal loro ex capo, McCleighhouse, che ora aveva ricoperto il grado di nobile a vita. Per Chong, è stato imperdonabile. Non dimenticherò mai le parole dei deputati che ci hanno criticato dicendo che i membri non ufficiali di entrambe le Camere non sono stati eletti, quindi come possono rappresentare Hong Kong? …Ho detto loro: come potete affermare di poter negoziare per nostro conto? Inoltre, non hai l’autorizzazione da parte nostra; “Non te l’ho mai detto”, ricorda in seguito Tsang.

In quanto sofisticato uomo d’affari che trattava spesso con la Cina, Chung avvertiva gli inglesi di non essere più creduloni dei cinesi. Ha anche esortato Londra a garantire che Pechino non mantenga le sue promesse. Aveva delle riserve sull’accordo proposto. Le sue preoccupazioni variavano dal fatto che i futuri governi di Hong Kong sarebbero stati effettivamente governati da Pechino, al fatto che la politica cinese sarebbe tornata all’estrema sinistra. “Guardando indietro oggi, erano tutti profetici”, dice Lim.

Fredda accoglienza a Pechino

Dal momento che le cose non stanno andando da nessuna parte con Londra, i funzionari hanno iniziato i loro incontri con Pechino stessi. Nel giugno 1984, Zhong guidò una delegazione di tre membri per vedere Deng nella Grande Sala del Popolo di Pechino.

Proprio come Londra li ha accusati di non avere il diritto di rappresentare il popolo di Hong Kong, i funzionari non ufficiali sono stati licenziati allo stesso modo. Secondo un rapporto del quotidiano Guardian circa 25 giugno 1984.

“Puoi dire quello che vuoi, ma devo sottolineare che la Repubblica popolare cinese aderisce fermamente alle sue posizioni, principi e politiche sulla questione di Hong Kong”, ha detto Deng al trio. “Abbiamo sentito molte opinioni diverse, ma non riconosciamo che queste opinioni rappresentino gli interessi di tutti i residenti di Hong Kong”, ha aggiunto, accusando Chung e i suoi colleghi di “[having] Nessuna fiducia nella Repubblica popolare cinese”.

La stampa di Hong Kong ha descritto l’incontro come una “umiliazione”. I non ufficiali, tuttavia, hanno assunto una faccia coraggiosa, descrivendo l’abito indossato dal leader cinese come “molto franco e completo”.

dice Tsang, che ora dirige il Soas China Institute di Londra.

The Guardian 27 maggio 1987
The Guardian, 27 maggio 1987. Foto: Il Guardiano

cambia fedeltà

Dopo alcuni anni di quegli umilianti viaggi in entrambe le capitali, Chung divenne una voce importante nel descrivere il piano elettorale diretto della provincia come “irrealistico”. Nell’aprile 1987Ha ribadito alla stampa che la Gran Bretagna avrebbe consegnato Hong Kong nel 1997 “alla Cina, non al popolo di Hong Kong”.

Poco prima del Natale del 1993, Chung andò a trovare Chris Patten, che aveva iniziato come ultimo governatore di Hong Kong un anno prima. Questa volta il suo ruolo è cambiato. “Forse, non essendo riuscito a influenzare il defunto potere coloniale, alla fine si è spostato dall’altra parte ed è ora uno dei consiglieri di Pechino”, scrisse Patten nel suo diario. pubblicato di recente.

Poche settimane dopo, i due uomini si incontrarono di nuovo. Patten ha ricordato lunedì 10 gennaio 1994: “È caduto con l’amo e la lenza ed è annegato a causa della versione cinese della fine dei colloqui. È triste e sorprendente. Era solito sostenere che dovremmo restare a Victoria Island e andare a prendere l’acqua per cisterna se necessario.”

Dopo il passaggio di consegne nel 1997, Chung è stato nominato da Tung Chee Hwa, il primo amministratore delegato del territorio, organizzatore informale del Consiglio Esecutivo. Si è spento nel 2018 all’età di 101 anni. La stampa locale lo ha soprannominato “il padrino della politica di Hong Kong” e “il maestro dei gentiluomini”.

READ  Justin Trudeau viene preso di mira dopo aver sbattuto contro le "bande anti-Vaxer"