Settembre 29, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Non estranea alle epidemie, Venezia apre con cautela la Mostra del cinema | intrattenimento

Le scene in Segre – orribili allora, e ora normali – presentano teatri mezzi pieni per le anteprime di Hollywood, star del cinema mascherate, addetti alle pulizie in tute ignifughe e termometri remoti “blink, blink, blink” che misurano le temperature ai checkpoint dei festival. .

Il direttore del festival Alberto Barbera ha dichiarato martedì che spera che l’edizione 2021 del festival sarà una “riapertura, cosa che non è stata l’anno scorso”. Ma a differenza del Festival di Cannes, tornato in vita quest’anno in Francia dopo aver saltato il 2020, Venezia è ancora in piedi. Per rispettare le rigide restrizioni anti-COVID dell’Italia.

Ancora una volta, un’enorme barriera ha bloccato l’accesso del pubblico al tappeto rosso e le opportunità per i fan di prendere i taxi d’acqua VIP in arrivo al Lido sono limitate. Sono state allestite più di 10 stazioni di test e i frequentatori del festival devono mostrare prove negative di test, vaccinazioni o recentemente guariti dal COVID-19 per entrare negli spettacoli. Le mascherine sono obbligatorie all’interno.

In altre parole, continua Venezia — altre anteprime al festival cinematografico più antico del mondo includono il debutto di “Dunes” di Denis Villeneuve e Kristen Stewart nei panni della principessa Diana in “Spencer” — anche se l’Italia è alle prese con nuove infezioni guidate dalla formula.

Nonostante questo, per Venezia, non c’è nulla di veramente nuovo.

“La storia di Venezia è una storia che ci insegna come la nostra città, prima tra le capitali europee, abbia capito come gestire i virus”, ha affermato Simone Venturini, responsabile del turismo a Venezia. “Queste iterazioni sono studiate e ricordate di più oggi perché il modello di pistola è un paradosso dell’ancora in uso”.

READ  Ha trasformato lo scontro tra popoli indigeni e musei