Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Non c’è niente di povero in questa cucina povera italiana | Arte e spettacolo

La cucina povera, come in gran parte della cucina italiana, viene spesso tradotta letteralmente: cucina povera. Ma questo non è un riflesso del cibo o delle persone che lo preparano. Si tratta più di rendere delizioso tutto ciò che accade intorno a te.

È il caso della zuppa toscana detta ribollita, un robusto piatto contadino che valorizza due degli ingredienti più umili: i fagioli e il pane avanzato. Il nome significa “bollito” perché questa zuppa derivava originariamente dal riscaldamento della zuppa di fagioli e dall’aggiunta di pane. Ma in questa ricetta tratta dal nostro libro Milk Street Tuesday Nights, partiamo da zero e in poco più di mezz’ora riusciamo comunque a portare in tavola una deliziosa cena.

Storicamente, il pane raffermo veniva sbriciolato e mescolato alla zuppa, trasformandolo quasi in porridge. Alcuni italiani dicono che questo “stufato” dovrebbe essere abbastanza denso da essere mangiato con una forchetta. Ma noi abbiamo preferito tostare i cubetti di ciabatta o altro pane di campagna nell’olio d’oliva e usare il pane tostato ottenuto come guarnizione in modo che il pane mantenga meglio la sua consistenza.

Sebbene qualsiasi varietà di verdure dure funzioni, abbiamo adorato la bietola rossa per il colore che ha aggiunto e i suoi gambi croccanti, che abbiamo saltato con cipolle e peperoni per aggiungere consistenza e sapore. I grandi fagioli nordici hanno mantenuto bene la loro forma, ma sentiti libero di usare invece i cannellini. Se vi piace, servire guarnendo con parmigiano grattugiato.

READ  Taranto: il tesoro nascosto del sud Italia