Dicembre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

‘Non c’è niente di più magico’: il teatro risorto fa rivivere l’antica Grecia | Archeologia

Fo quasi due millenni, il Piccolo Teatro di Epidavros giaceva sottoterra. I suoi sedili incisi, concentrici ea gradini, appartenevano a un mondo di radici; in questo caso le radici di un uliveto di proprietà di Christos Zafiris, un contadino locale. “Dicono che se non fosse stato per i maiali che scavavano nel terreno, non avremmo mai saputo della sua esistenza”, afferma il professor Vassilis Lambrinoudakis. “Fino alla comparsa delle pietre nel 1970, il teatro è stato un segreto nascosto sotto terra per 18 secoli.”

L’archeologo classico, famoso per il suo lavoro all’Università di Atene, ha speso più di quattro decenni per assicurarsi che la possibilità di trovare non andasse sprecata. Gli scavi non hanno deluso. Le iscrizioni rinvenute nel sito, alle pendici di una penisola a picco sul mare, hanno fatto luce sulla storia di coloro che potrebbero aver commissionato il teatro. Prove di più fasi di costruzione, a partire dalla metà del quartosecolo aC, hanno ulteriormente illuminato l’antica città di Epidavros che un tempo circondava il gioiello architettonico.

Scavi al Teatro Piccolo Epidavros. Fotografia: Vassilis Lambrinoudakis

Per coloro che affollano il festival del teatro risorto ogni luglio, la sede, a circa 95 miglia a sud-ovest di Atene, rivaleggia con la sorella leggermente più giovane ma molto più famosa, l’antico teatro da 12.000 posti a soli 10 miglia di distanza, considerato il miglior teatro della Grecia acusticamente ed esteticamente.

“È tra i nostri primi 10 20°reperti del secolo”, dice Lambrinoudakis, un vivace ottuagenario indicando i livelli superiori del Piccolo Teatro. “Più di ogni altro residuo del passato, i teatri antichi ci parlano. Contengono un messaggio di vita che la società moderna ha sete di condividere. È nostro dovere riportarli in vita”.

In un paese culturalmente ricco come Grecia, le arene antiche, come altre antichità, non sono estranee all’abbandono e al degrado. Budget eccessivi, una burocrazia ingombrante e un controllo pubblico sono stati tutti accusati di rovine cadute vittime delle devastazioni di trascurare E tempo. Ma i funzionari ora sono in missione per far rivivere i monumenti. E, con l’aiuto della sponsorizzazione privata e dei fondi dell’UE, si stanno facendo progressi.

A sud della piccola Epidavros, lo scorso anno sono stati avviati i lavori di restauro dell’antico teatro di Sparta da 17.000 posti. A Larissa, ricostruzione della Grecia centrale il più grande antico a cielo aperto il teatro sta per essere completato. Con il progredire degli scavi, le autorità hanno riportato alla luce migliaia di iscrizioni e centinaia di sculture.

Più a nord, in Epiro, una delle regioni più povere d’Europa, i piani sono in corso rendere cinque antichi teatri greci il fulcro di un percorso culturale di 214 miglia che abbraccia 2.500 anni di storia. L’UE fornirà l’80% dei 24 milioni di euro che il progetto dovrebbe costare.

Il Piccolo Teatro Epidauro.
Il Piccolo Teatro Epidauro. Fotografia: Vassilis Lambrinoudakis

“L’atteggiamento nei confronti dei teatri antichi è cambiato”, afferma Stavros Benos, ex ministro della cultura socialista e la forza dietro Diazoma, una ONG costituita per promuovere la valorizzazione dei monumenti. “Negli ultimi anni sono stati condotti lavori in circa 40 teatri. Hanno ricevuto una ventata di nuova vita”.

Benos si batte da tempo affinché le antiche reliquie vengano considerate non come pezzi da museo, “o cose morte”, ma “organismi viventi” che dovrebbero essere integrati nella vita di tutti i giorni. Se collocati al centro dei percorsi del patrimonio culturale e dei parchi archeologici, i teatri, ritiene, contribuiranno ad aumentare il profilo culturale della Grecia migliorando al contempo il miglioramento.

La ONG ha mappato 140 antiche arene in tutta la Grecia. Venticinque sono in funzione, ospitano spettacoli e altri eventi; altri 20 sono in ristrutturazione. Istituito come movimento di cittadini nel 2008, un anno prima dell’inizio della debilitante crisi del debito in Grecia, Diazoma trae il suo sostegno da donazioni private e membri incoraggiati a contribuire ai “salvadanaio” adottando siti. Il modello ha avuto un successo fenomenale. Le fondazioni filantropiche in Grecia e all’estero hanno pesato; Così anche le società private, che consentono all’organizzazione di finanziare l’ingegneria e altri studi necessari al ministero della cultura per presentare richieste di finanziamento dell’UE.

“I teatri sono unici”, afferma Benos, che lo scorso anno è stato incaricato dal governo di centrodestra di sovrintendere alla rianimazione dell’isola di Evia devastata dal fuoco a causa del suo approccio olistico alla rigenerazione. “Dall’antichità, sono gli unici monumenti ad aver avuto lo stesso uso. A causa della loro armonia, della loro bellezza architettonica e del loro rapporto con l’ambiente naturale, le persone hanno una predilezione particolare per loro. È per questo che sono così simbolici”.

Professor Vassilis Lambrinoudakis al Piccolo Teatro di Epidavros.
Professor Vassilis Lambrinoudakis al Piccolo Teatro di Epidavros. Fotografia: Helena Smith/The Guardian

Indicativo dell’abbondanza archeologica del paese, il piccolo teatro di Epidavros è una delle sei antiche arene dell’Argolide, nel Peloponneso orientale. Dei tre ancora in uso, lo splendido teatro da 20.000 posti dell’antica Argo è il più grande.

Scavato nella roccia di una collina in vista della città moderna, il monumento ellenistico del III secolo a.C. è stato aperto al pubblico dopo anni di lavori di restauro nel 2004. Ora nella sede si tengono spettacoli teatrali e altri spettacoli, con il pubblico seduto i gradini inferiori – meglio conservati in quanto anch’essi ricoperti da terra – sebbene il teatro pieno abbia 89 file di sedili.

“Ma quando si apre un sito antico, ci sono sempre preoccupazioni costanti”, afferma Alcestis Papadimitriou, funzionario del ministero della cultura che dirige il dipartimento delle antichità della regione. “Ti preoccupi per la sicurezza delle persone e ti preoccupi che il monumento venga danneggiato”.

L’archeologo di formazione tedesca non crede che le antichità debbano essere necessariamente aperte. Piuttosto, dice, sono lì per costringere gli spettatori “a ricordare la storia, a ricordare loro il passato”.

Eppure, nelle calde notti estive, accetta anche che non ci sia niente di meglio che essere intrattenuta in un antico teatro greco. “Quando le luci si spengono, ti dimentichi del caldo soffocante e di quanto potresti essere a disagio e vieni riportato indietro nel tempo”, dice, meravigliandosi dell’antico sito. “Sei lì, seduto dove si sarebbero seduti gli antichi, e non c’è niente di più magico.”

Al Piccolo Teatro di Epidavros, il lavoro è tutt’altro che finito. Ci sono altri due livelli da ricostruire, gradini in pietra calcarea da consolidare e muri di sostegno per riabilitare entrambi i lati dell’arena.

Il professor Lambrinoudakis non ha idea di quanto tempo avrà bisogno della sua squadra. Quello che sa è che dopo così tanto tempo sottoterra, il sito ha ancora segreti da rivelare. “Ci vorrà tutto il tempo necessario”, sorride. “Qualche anno in più di ricerca e lavoro non è niente in confronto ai 24 secoli che questo teatro è esistito, in questo angolo di Grecia”.

READ  Joe Manchin è l'uomo del carbone con il destino del mondo nelle sue mani