Dicembre 5, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Nintendo presenta un’accusa di violazione del sindacato a un tester di Smash Bros.

La statuetta di Mario nel Nintendo Store fa un salto di gioia.

immagine: Filippo Fong (Getty Images)

Nintendo, e un ex tester di giochi lanciato all’inizio di quest’anno, sembra aver raggiunto un accordo in a lavoro contestarlo Ha fatto accuse diffuse di cattive condizioni di lavoro Nel Mario Ufficio del produttore statunitense. Mackenzie Clifton, che ha lavorato su giochi come Gioco Super Smash Bros UltimoCome parte dell’accordo, verranno pagati $ 25.910, mentre Nintendo dovrà affiggere avvisi nei suoi uffici per informare i dipendenti del loro diritto a formare sindacati.

L’accordo transattivo è stato annunciato mercoledì sul sito web del National Labor Relations Board e ne è stata ottenuta una copia. Kotaku Attraverso una richiesta del Freedom of Information Act. $ 25.910 con interessi, Il pagamento sarà effettuato tramite Aston Carter, una delle agenzie di reclutamento utilizzate da Nintendo per rifornire il suo centro di test e altre divisioni a Redmond, Washington, con sede in Nord America. Nel frattempo, Nintendo dovrà anche pubblicare il seguente avviso fuori dall’ingresso principale della sezione di test del prodotto in cui piacciono i giochi Respiro della natura E il Splatoon 3 Vengono verificati gli errori prima di essere rilasciati:

Uno screenshot mostra il testo dell'Avviso sui diritti commerciali che deve essere affisso fuori dagli uffici di Nintendo.

immagine dello schermo: NLRB / Kotaku

L’accordo, che necessita ancora dell’approvazione della NLRB, arriva quasi sei mesi dopo che Clifton ha presentato un’accusa alla NLRB contro Nintendo of America, accusandola di rottura sindacale. Il tester aveva posto al capo Doug Bowser una domanda sui sindacati durante un incontro a tutti gli effetti ed è stato successivamente licenziato per un vago tweet sul loro lavoro sperimentale, Clifton stressato Asso In un’intervista di questo mese.

All’epoca, Nintendo affermò che la cessazione di Clifton non aveva nulla a che fare con l’attivismo sindacale, ed era invece dovuta a una presunta violazione dell’NDA. Ma hanno detto i dipendenti attuali ed ex Kotaku Non erano a conoscenza del fatto che qualcuno fosse stato licenziato per un reato minore come l’apparente tweet, che affermava semplicemente: “Nella build di oggi qualcuno da qualche parte deve aver cancellato ogni altra trama nel gioco perché ora è tutto rosso. Proprio come il rosso Pure. È così assurdo.”

Leggi di più: I tester di Nintendo of America affermano di aver affrontato anni di molestie sessuali

Tuttavia, il licenziamento di Clifton e la conseguente accusa NLRB hanno innescato una serie di segnalazioni di diffuso malcontento e frustrazione per le condizioni di lavoro in Nintendo of America che alcuni consideravano sfruttatrici. Invece di assumere tutti a tempo pieno, Nintendo appalta molto il servizio clienti e il lavoro di test dei prodotti A tariffe appena superiori al salario minimo locale di $ 15,75. I lavoratori sono anche costretti a prenderne due –Pause mensili alla fine di ogni contratto annuale e raramente aggiornate a tempo pieno. Clifton e altri si sono lamentati del fatto che i loro nomi non compaiono nei titoli di coda delle grandi edizioni su cui stanno lavorando, e ha detto a dozzine di Kotaku A volte si sentivano cittadini di seconda classe Lunghe ore e responsabilità di supervisione che hanno ricevuto.

Clifton ha detto in precedenza Asso Questo faceva parte della loro richiesta di compromesso Bowser si scusa personalmente, qualcosa che Nintendo ha rifiutato. Non è chiaro se questo continuerà. Nonostante i numerosi rapporti e discussioni su problemi in Nintendo of America, tra cui a Rapporto recente di Kotaku sulle molestie sessuali Presso la sede nordamericana, il La società non ha ancora riconosciuto pubblicamente i problemi. Nintendo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Record finali NLRB 2023 000105 di Ethan Gatch su Scribd

READ  Nvidia GeForce RTX 4080 12GB perde più della memoria