Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Nikolai Patrushev, un alleato di Vladimir Putin, afferma che la guerra non è tra Russia e Ucraina

Uno stretto alleato di Vladimir Putin ha affermato che Mosca non è in guerra con l’Ucraina ed è in uno “scontro militare” con la NATO e due paesi.

Nikolai Patrushev, segretario del Consiglio di sicurezza russo – una posizione simile a quella del consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti – sono amici dai tempi del KGB.

In precedenza si vociferava che sarebbe stato un’alternativa al presidente russo se fosse stato rovesciato, e ha una grande influenza sulla politica del governo.

Trasmetti in streaming le ultime notizie sulla guerra in Ucraina in diretta e su richiesta su Flash. Più di 25 canali di notizie in un unico posto. Nuovo in Flash? Prova 1 mese gratis. L’offerta termina il 31 ottobre 2023

Il 71enne – che una volta aveva promesso la vittoria nella guerra in Ucraina – ha sostenuto che la battaglia di 11 mesi non è tra la Russia e il suo vicino.

“Gli eventi in Ucraina non sono uno scontro tra Mosca e Kiev, è uno scontro militare tra Russia e Nato, e soprattutto Stati Uniti e Gran Bretagna con la Russia”, ha dichiarato in una lunga intervista al quotidiano moscovita Argumenti Facti.

“Non siamo in guerra con l’Ucraina, perché, per definizione, non possiamo provare odio per gli ucraini comuni. Le tradizioni ucraine sono vicine alla popolazione russa, così come l’eredità del popolo russo è inseparabile dalla cultura degli ucraini”.

Ha anche affermato nel post che l’obiettivo dei paesi occidentali, come Stati Uniti e Regno Unito, è “continuare a smembrare la Russia e alla fine cancellarla dalla mappa politica del mondo”.

READ  Decifrare il codice segreto dell'imperatore Carlo V cinque secoli dopo | Spagna

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha negato di aver affermato il suo desiderio di distruggere la Russia, ma ha avvertito in passato che avrebbe pagato un “prezzo pesante” per invadere il suo vicino.

I nuovi commenti potrebbero sollevare ulteriori timori per lo scoppio della terza guerra mondiale, poiché durante l'”invasione” altri paesi hanno fatto riferimento a un conflitto tra Russia e NATO.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov è stato interrogato in una conferenza stampa martedì sui commenti fatti dal signor Patrushev, in cui ha ripetuto dichiarazioni simili.

“De facto sono già diventati una parte indiretta di questo conflitto, pompando l’Ucraina con armi, tecnologie, intelligence e così via”, ha detto.

Non sembra esserci alcun segno della fine dei combattimenti tra Russia, Ucraina e Occidente, con gli alleati del paese devastato dalla guerra che continuano a fornire supporto militare.

La Germania e gli Stati Uniti si sono recentemente impegnati a continuare a sostenerla con più veicoli e armi, con questi ultimi che contribuiranno per quasi 50 miliardi di dollari in aiuti nel 2022.

Martedì il ministro degli Esteri tedesco Analina Berbock ha visitato la città ucraina di Kharkiv per mostrare solidarietà e parlare con la sua controparte a Kiev.

“Questa città è un simbolo della pura follia della guerra di aggressione della Russia in Ucraina e delle infinite sofferenze che le persone affrontano ogni giorno, specialmente qui nell’est del paese”, ha detto.

La signora Berbock ha notato che è anche importante notare la posizione dell’Ucraina all’interno dell’Europa e la continua spinta del paese ad aderire all’Unione Europea.

E la guerra continua, con le forze di Volodymyr Zelensky che fanno una parata di sfida nella città orientale di Solidar, che i soldati russi stanno prendendo di mira in modo aggressivo.

READ  L'Indonesia annulla la missione per salvare il sottomarino affondato KRI Naggala 402

Le forze ostili conquistarono gran parte della città dopo giorni di battaglia.

Il vice ministro della Difesa ucraino Hanna Malyar ha affermato che i pesanti combattimenti sono continuati e che la Russia ha ignorato le sue “pesanti perdite” e sta ancora combattendo disperatamente.

È la stessa area in cui i soldati ucraini hanno lanciato un attacco mortale a Capodanno e Almeno 89 soldati russi sono stati uccisi in prima linea a Bakhmut.