Giugno 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Nickel Town Nostalgia: Brian Septelli parla di Little Italy fin dove arriva

Contenuto dell’articolo

È del tutto possibile scrivere un intero libro sulla storia dello sport a Little Italy su Copper Cliff.

Annunci

Contenuto dell’articolo

Dai leggendari fratelli Tobazzini – sia Zilio che Jerry hanno giocato nella National Hockey League – al calciatore Gene Septelli, che ha gareggiato sia nella NFL che nella Major League Soccer, ed è sceso in mezzo a centinaia di ragazzini che giravano intorno al divertimento, il quartiere sopra La collina era un alveare per l’attività fisica.

Brian Septelli non è mai arrivato ai ranghi professionisti, ma l’uomo che ha continuato a fare assolutamente la sua eredità di allenatore mentre era al St Charles College ricorda ancora le radici del suo viaggio.

“Sono stato davvero fortunato e privilegiato ad essere cresciuto a Copper Cliff”, ha detto l’insegnante di oltre tre decenni, tutti trascorsi a Sudbury. “Fuori dalla Sudbury Arena, eravamo uno dei pochi ad avere una pista di pattinaggio al coperto. Siamo cresciuti con quella pista, due campi da baseball e un club di curling. Ricordo il grande brivido con la Legion Baseball League ai tempi in cui erano formare squadre.

“Tutte queste scatole sono piene di magliette colorate – ero così entusiasta di vedere per quale squadra giocherai”.

Ora 74enne, Ceppetelli ammette, come fanno tutti, quanto sia cambiato il panorama di com’era essere un bambino. Solo per semplice necessità, i bambini a quei tempi erano più indipendenti – ei genitori erano più che bravi a farlo. C’era un sentimento collettivo di prendersi cura l’uno dell’altro, prevalente a Little Italy, ma anche nelle città e nei paesi da costa a costa.

READ  La principale associazione italo-americana Rockford nomina la Hall of Fame 2021

“Mio padre aveva diversi lavori e mia madre era impegnata a casa o come volontaria in chiesa o al club italiano, quindi non hanno avuto il tempo di venire a vedermi giocare”, ha detto. “Ricordo di essere uscito di casa alle 7 del mattino, diretto allo Stanley Stadium, sempre all’ora di cena. Oggi ci sarà un bollettino da tutti i punti per cercare il bambino. “

Annunci

Contenuto dell’articolo

“I genitori non avevano paura o ansia quando ero in città – è proprio quello che dovevi fare.”

Serpeggiando mentre si allontanava dalla Copper Cliff Public School, dopo aver terminato le lezioni, per controllare sua cugina Jane e gli studenti delle scuole superiori agli allenamenti e alle partite di calcio, Septelli non era del tutto felice quando sua madre, la devota cattolica qual era, decise di rinunciare mandando il figlio maggiore alla scuola superiore locale per il St. Charles College, situata in Pine Street.

Fortunatamente, ha fatto rapidamente amicizia, presentandosi a artisti del calibro di Ray Lamothe, Mike Jacobo e Gary Crotto, con lo sport come filo conduttore.

“Improvvisamente, sono entrato in una situazione in cui mi alleno ogni giorno e poi mi preoccupo di trovare un modo per tornare a casa”, ha detto Septelli. “Andiamo in bicicletta dietro l’angolo in aula, di solito, guidiamo abbastanza velocemente”.

Ceppetelli stava gareggiando in un momento in cui gli era perfettamente permesso di giocare sia a Copper Cliff Minor Hockey che a hockey del liceo, godendosi solo un anno da cardinale junior (ha pressato in due stagioni di calcio), prima di finire di nuovo il grado 13 con l’allenatore rivale Burt McClelland e Cooper Cliff Braves.

“Hanno insistito perché lasciassi l’hockey nano per giocare al St. Charles College”, ha detto Septelli.

READ  MotoGP 2022, Gran Premio d'Italia, Mugello, Francesco Bagnaia, Fabio Quartararo, Ducati, Yamaha, analisi, risultati

Non volerebbe, soprattutto considerando che il giovane blueliner è nato con una vena testarda che ammette ancora oggi. Stava già lavorando nelle miniere all’inizio dell’autunno quando l’amico di Cooper Cliff, Dennis Hannah, suggerì che valeva la pena provare il suo ultimo anno al liceo nella sua città natale.

Annunci

Contenuto dell’articolo

Ceppetelli, che ironicamente è passato da alcune delle sue prime ossessioni per Bepi Polano e alla fine ha stretto un’amicizia per tutta la vita, insieme a gran parte della tradizione dell’allenamento delle case di carte del gioco dell’hockey, ha detto.

“Eccomi qui, a 3.400 piedi nella miniera di Creighton, e ho finito per vincere un campionato di hockey del liceo in Ontario”.

Mentre l’hockey stava ancora procedendo bene, Ceppetelli ha continuato a giocare per alcuni anni con i Laurentian Voyageurs, guidando la squadra nella sua ultima stagione nel campus, l’equilibrio tra atletica e accademici non era certo un punto di forza. Suo padre è morto quando era ancora molto giovane e il “ragazzo perduto”, come diceva lui, era grato per alcuni dei principali legami di hockey che è stato in grado di formare.

“Sono stato fuori dai binari tanto quanto uno studente”, ha ammesso Septili. “Ero in libertà vigilata accademica e Jack (Porter, allenatore) ha parlato molto bene con me. Lui e Burt (Mccleland) rimarranno per sempre nel mio cuore e nella mia mente, proprio per quello che hanno fatto per me”.

Fortunatamente, Ceppetelli si è fatto strada con successo verso la punizione, ottenendo un diploma universitario per i suoi insegnanti e accettando un’offerta presso la scuola elementare cattolica di St. Raphael.

In qualche modo, la porta dell’SCC è rimasta aperta.

“Padre Jerry Lalonde mi ha fatto entrare in quella porta e il resto è storia; si è rivelata una carriera incredibile”.

READ  John Barillaro minaccia di citare in giudizio il comico di YouTube

Adesso c’era l’opportunità di restituire – e l’allenamento era il modo naturale.

Annunci

Contenuto dell’articolo

“Secondo me, mi sono allenato principalmente mentre gioco”, ha detto Septelli. “Stavo per creare questi scenari nella mia mente. Penso di essermi sempre aspettato di passare dal gioco all’allenamento”.

Per quanto St. Charles abbia avuto un grande successo sotto la sua sorveglianza, l’uomo che ha trascorso anni dietro la panchina con artisti del calibro di Bob Palmero, Mike Fox e Rob Zanata è ancora orgoglioso di mantenere una prospettiva sana.

“Se c’erano 10 attaccanti o 11 attaccanti, bisognava trovare un modo per far sentire tutti parte della squadra. I ragazzini sanno tutti che alcuni dei giocatori migliori giocheranno di più, ma nessun ragazzo capisce mai che deve mettere il suo culo in panchina e fai un turno ogni periodo”.

Le lezioni di Little Italy erano chiaramente radicate. E come sai all’inizio, continua a condividere finché è divertente.

“Mi sono davvero divertito”, ha detto Septili – e questo dice tutto.

Nickel City Nostalgia va ogni due settimane al The Sudbury Star.

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione attivo e civile e incoraggiare tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti possono richiedere fino a un’ora per essere moderati prima che vengano visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche e-mail: ora riceverai un’e-mail se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che stai seguendo o se si tratta di un utente che stai seguendo. abbiamo visitato Linee guida comunitarie Per ulteriori informazioni e dettagli su come impostare un file E-mail impostazioni.