Dicembre 5, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Nick de Vries: il pilota di riserva Mercedes dice “non per scontato” nella F1 del 2023

Nick de Vries ha parlato con Martin Brandel di Sky Sports Formula 1 delle prospettive di ottenere un posto in griglia e del suo impressionante debutto in Italia; Il 27enne è stato collegato alla guida di Alpha Tauri nella stagione di Formula 1 2023

Ultimo aggiornamento: 03/10/22 16:16



Utilizza il browser Chrome per un lettore video accessibile

Nick de Vries parla con Martin Brandl del suo “sogno” di debutto in F1 e delle sue speranze per un posto per il 2023

Nick de Vries parla con Martin Brandl del suo “sogno” di debutto in F1 e delle sue speranze per un posto per il 2023

Nyck de Vries insiste sul fatto che non c’è certezza sul fatto che otterrà un’auto di Formula 1 nel 2023, nonostante la sua forte associazione con uno dei pochi posti rimasti.

È ampiamente riportato che il campione di Formula E 2021 sostituirà Pierre Gasly – che dovrebbe unirsi alle Alpi al posto di Fernando Alonso, legato all’Aston Martin – all’Alpha Tauri insieme a Yuki Tsunoda il prossimo anno, e potrebbe arrivare l’annuncio davanti ai giapponesi questa settimana il gran premio

Il titolo di De Vries è stato ulteriormente rafforzato dal suo nono posto al suo debutto in F1 al Gran Premio d’Italia il mese scorso. Tuttavia, in un’intervista a Sky Sport L’analista Martin Brundle, pilota di riserva della Mercedes, ha insistito sul fatto che c’erano molti fattori intorno alla possibilità di guidare a tempo pieno.

De Vries ha pareggiato per un posto nell'Alpha Tauri per il 2023

De Vries ha pareggiato per un posto nell’Alpha Tauri per il 2023

“Non è un dato di fatto”, ha detto de Vries. Sky Sport F1. “La mia apparizione a Monza mi ha aiutato e in breve tempo ha accresciuto la mia reputazione, ma non spetta a me decidere se essere in macchina o meno.

“Spero che venga il momento per me e che si concretizzi in un’opportunità.

“Per avere una possibilità in Formula 1, tutto deve andare bene e ha molto a che fare con il tempismo e lo slancio.

“Non sono il primo ad andare a fare qualcos’altro e magari tornare per una possibilità o essere in disparte per un po’”.

Prima di fare il suo debutto in F1 a Monza, la precedente esperienza di de Vries in questo sport è stata l’allenamento per Williams e Mercedes rispettivamente in Spagna e Francia all’inizio di quest’anno.

Ha anche partecipato all’allenamento di venerdì per l’Aston Martin al Gran Premio d’Italia, ma la Williams lo ha portato in fretta per il resto del fine settimana quando Alex Albon è stato portato in ospedale per un’appendicite.

ha detto De Vries, ricordando quando ha ricevuto la prima telefonata sabato mattina a Monza dicendogli che era ricercato.

“Così mi sono precipitato alla riunione di ingegneria, mi sono preparato per le FP3 e mentre tutto questo è successo, sapevo che lo avrei fatto per il fine settimana.

De Vries dice che è stato un

Utilizza il browser Chrome per un lettore video accessibile

De Vries dice che è stato un “sogno” finire nono al suo debutto in F1 dopo aver sostituito Alex Albon alla Williams

De Vries dice che è stato un “sogno” finire nono al suo debutto in F1 dopo aver sostituito Alex Albon alla Williams

“Penso che sia stata una buona cosa che sia successo così velocemente, così inaspettato e così sorprendente, perché se sai una settimana prima di iniziare il tuo primo weekend di Gran Premio, lo stress e i nervi salgono.

“Ho dovuto metterli via molto rapidamente e concentrarmi su ciò che dovevo davvero fare”.

Nonostante si sia precipitato sul sedile caldo per la prima volta in un Gran Premio inaspettato, l’olandese ha fatto bene, iniziando a raggiungere il secondo round di qualifiche e assicurandosi 13°, prima di finire in rete per partire ottavo dopo l’applicazione delle penalità in griglia ai concorrenti.

Il suo nono posto il giorno successivo gli ha assicurato due punti nel suo arco di Formula 1, e mentre era soddisfatto dell’impatto alla sua prima partenza, de Vries sta tenendo i piedi per terra.

“Sono grato che sia stata un’ottima partenza, ma allo stesso tempo voglio essere umile e riconoscere che ci sono cinque penalità davanti a noi che ci hanno portato dalla P13 alla P8 in griglia”, ha detto.

“Ci sono stati dei ritiri, la safety car alla fine perché avevamo un problema con il freno anteriore destro, quindi sembrava che le All-Star fossero ben bilanciate, e questo lo capisco.

“Sono grato per questo, lo ammetto, ma abbiamo anche fatto il lavoro”.

READ  Monza riceve un finanziamento di 20 milioni di euro prima del Gran Premio d'Italia del 2022