Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Networking Sisters: i monasteri italiani cercano di comprendere meglio i bisogni della società

Circa 80 suore italiane di vari ordini e congregazioni si sono recentemente incontrate a Roma per valutare i bisogni amministrativi e finanziari delle comunità e condividere pensieri e idee per generare entrate.Suor Chiara Lacchini ha detto che le suore pregano ma devono anche guadagnarsi da vivere.

Scritto da Salvatore Cernosio

In attesa di un aiuto che venga da “più in alto” – non dal cielo ma dal governo italiano che li “esclude” da qualsiasi premio fiscale, incentivo e sussidio, o da istituzioni ecclesiastiche con le quali a volte faticano a trovarne di più “costruttive”. e Dialogo Creativo – Le suore di tutta Italia hanno deciso di rimboccarsi le maniche e fare da sole.

O meglio, lo fanno da anni. Ma ora, con l’avvicinarsi dell’inverno e della crisi energetica, con edifici di oltre 10.000 mq a rischio di essere lasciati al freddo e con difficoltà nell’acquisto di prodotti per l’igiene e alimentari, c’è bisogno di creare una “rete” per dare voce più forte a questa fascia di popolazione, che, nonostante la crisi della formazione professionale, è ancora molto significativa.

Scambio di buone pratiche

Dalla Sicilia a Trento, quasi 80 clarisse, cistercensi, benedettine, carmelitane e tanti ordini monastici diversi si sono incontrati a Roma all’inizio di novembre per “conoscere meglio le loro esigenze in termini di gestione economica, amministrativa e finanziaria delle comunità monastiche”. e per condividere le migliori pratiche su come realizzare profitti.

Siamo legalmente un ente riconosciuto dalla Santa Sede e dalle Province. Ai fini dell’esenzione fiscale o della possibilità di ottenere contributi, ecc., afferma la francescana suor Chiara Lachetti, promotrice dell’incontro, che si tiene a Roma ormai al secondo anno.

Con una voce che ricorda quella di una speaker radiofonica, la suora non vuole lamentarsi né suscitare polemiche mentre parla al telefono durante la pausa.

READ  Non sarà facile convincere la Russia a pagare per la ricostruzione dell'Ucraina

Indica semplicemente un dato di fatto: la verità dell’intero sistema che deve provvedere a se stesso con se stesso e con il proprio lavoro.

Dice: “Spieghiamo”. “Il bisogno di lavoro nasce dal bisogno di ‘salute mentale’ perché il lavoro aiuta a mantenere l’equilibrio di potere, dirige l’energia e sviluppa la creatività che ognuno di noi coltiva come dono di Dio”.


Le religiose italiane condividono le loro esperienze

Ora et labora

Certo, anche il lavoro è una necessità: “il lavoro del guadagnare”, spiegano i francescani. “La nostra vita è preghiera, sì, ma anche bollette da pagare, cure mediche, formazione, case da gestire. E le nostre case non sono 90 metri quadrati, ma 2.000 o anche 10.000. Per questo è molto importante che noi avere un reddito”.

E se ora pensiamo alla questione del riscaldamento con alti prezzi dell’energia, allora questo è un grosso problema.

“Proprio come tutti gli altri, abbiamo visto triplicare le nostre bollette energetiche, anche durante i mesi estivi e non abbiamo ancora acceso tutto il riscaldamento! Alcuni stanno cercando di andare avanti il ​​più a lungo possibile”. [without] o quote. Ma pensiamo alle nostre suore di montagna o alle comunità che hanno suore anziane o malate».

L’idea è quella di costruire un “cartello” in cui tutte le comunità si uniscano per negoziare con un fornitore per controllare i prezzi dell’energia: “Speriamo per il meglio, o avremo freddo per un po’”.

Costosa manutenzione dell’edificio

Su questo e su molti altri argomenti hanno parlato le suore di Roma.

“Ci siamo incontrati soprattutto per scambiare pratiche di fundraising e networking. Insieme abbiamo cercato di capire se le nostre comunità, e soprattutto i nostri patrimoni, avevano accesso ai fondi del Pnrr”; beni di grande valore storico e architettonico, che “oggi sono quasi vuoti e hanno alti costi di manutenzione. Molte società non possono più mantenerlo. La necessità di capire come funziona il fundraising nasce principalmente da questo”.

READ  WestJet Dreamliner effettua il primo volo per Roma

Religiose lavoratrici

Allo stesso modo, le sorelle hanno messo in comune le loro diverse esperienze lavorative.

Le trappiste della Viturciana Serena, ad esempio, hanno parlato di un laboratorio di cosmesi e dell’azienda agricola con cui producono prodotti per la vendita.

Nel frattempo, dal convento di Potensa, è arrivata l’esperienza di una cooperativa di panificazione, ereditata da una delle suore.

I benedettini di Sant’Anna di Bastia Umbra hanno spiegato di aver recentemente iniziato a utilizzare i terreni della loro proprietà o intorno all’abbazia per raccogliere olive e coltivare orzo, grano e altri cereali.

«Sono riusciti a individuare le aziende che acquistano il prodotto coltivato e lo immettono sul mercato», spiega suor Chiara. “Lavoriamo molto, ma quando andiamo in saldo;

Nel caso delle monache benedettine è stato istituito anche un marchio, Bottega delle Monache (La bottega delle monache).

“Non identificano nessuna suora. L’idea è che altre, che hanno anche la possibilità di realizzare prodotti simili, possano unirsi sotto lo stesso marchio. Non è più una cosa mia ma nostra”.

Per i francescani questa è la chiave della stessa vita consacrata: “Sinergia!”, perché altri possono aver trovato in precedenza altre soluzioni che potrebbero diventare un patrimonio comune.Inoltre, almeno in Italia, i nostri numeri stanno rapidamente diminuendo, e quindi più piano piano ci stiamo rimpicciolendo, stare insieme è di grande aiuto.

Presupposti corretti sugli aiuti di Stato

Per quanto forti, uniti e capaci siano i religiosi, hanno ancora bisogno di sostegno.

Così si appellano al governo italiano. “Ci siamo resi conto di essere al di fuori di qualsiasi incentivo fiscale o legge sulla ricompensa. Chiediamo che forse possano stabilire standard che includano esperienze come la nostra, in modo che non tutto sia solo frutto di donazioni”.

READ  Da Microsoft e IBM ad Adani Group e ITC: grandi aziende desiderose di fare affari in Bengala

Le suore chiedono alla Chiesa un dialogo costruttivo: “Molti vivono nel mito:” Ma non accettate 8xmilioni“(Parte della dichiarazione dei redditi annuale per l’Italia)”? No, non riceviamo supporto diretto. Certo, non manca l’aiuto della Cei (Conferenza episcopale italiana), né l’interesse dei singoli vescovi, ma diciamo che a volte c’è una consapevolezza più ampia, altre volte un po’ meno».