Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Nessun tempo extra per molti operatori sanitari questo fine settimana

Molti operatori sanitari in una dozzina di regioni del Quebec non hanno fatto gli straordinari obbligatori (OST) questo fine settimana, e il fatto che ciò non dovesse causare interruzioni è la prova che “quando vogliamo, possiamo”, crede la FIQ.

“Dimostra che quando il lavoro viene svolto a monte, aiuta”, afferma Patrick Guay, vicepresidente delle relazioni sindacali di FIQ. Non c’è stata alcuna interruzione del servizio, quindi questa è la prova che funziona”.

Il sindacato ha avviato un movimento che incoraggiava i suoi membri a rifiutare il TSO il sabato e la domenica, fino alle 23:59. quando dovere Ho chiamato un rappresentante della FIQ domenica pomeriggio, solo una cinquantina di persone hanno fatto OST in tutta la contea. “Di solito questo è il numero che abbiamo in un istituto durante il fine settimana”, afferma Patrick Guay.

Spiega che al momento il Tribunale amministrativo del lavoro non è intervenuto.

Molti datori di lavoro hanno collaborato con i sindacati locali, riferisce FIQ. I piani di emergenza vengono attuati, ad esempio, per modificare l’organizzazione del lavoro o aumentare le proporzioni. Patrick Guay descrive: “In un piano, invece di avere quattro infermiere, nominerebbero tre infermiere e un assistente infermieristico”. Ma i piani di emergenza non dovrebbero essere la norma, proprio come TSO”.

Venerdì la FIQ ha anche inviato un avviso ufficiale per costringere il ministro della salute, Christian Dube, a porre fine all'”uso arbitrario” di TSO entro il 15 novembre.

Il ministro, da parte sua, ha sottolineato di voler eliminare TSO, ma venerdì ha sostenuto sulla stampa che una delle soluzioni per far sì che ciò accada è assumere personale.

READ  Covid-19 e Israele: l'onda delta e il vaccino

“È un passo nella giusta direzione, dice, ammette Patrick Guay. Ma vogliamo un fermo impegno da parte del Segretario che il TSO non sarà più un metodo di gestione”.

Guarda il video