Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Nessun cambiamento per i viaggiatori cinesi: PM – myGC.com.au

L’Australia continua a monitorare la crisi del COVID-19 in Cina, dopo che gli Stati Uniti e altri paesi hanno dichiarato che richiederanno ai viaggiatori in arrivo di sottoporsi a un test prima dell’arrivo.

Gli Stati Uniti si sono uniti a India, Italia, Giappone e Taiwan nell’imporre requisiti obbligatori di test per le persone che arrivano dalla Cina dopo la decisione di Pechino di allentare le sue rigide politiche sui virus.

“Continueremo a monitorare la situazione lì, come facciamo in tutto il mondo, e risponderemo in conformità con i consigli sanitari”, ha detto giovedì il primo ministro Anthony Albanese a Seven’s Sunrise.


L’articolo continua dopo questo annuncio


“Attualmente, non ci sono stati cambiamenti nei consigli di viaggio tra Cina e Australia”.

A partire da giovedì, il governo federale ha consigliato ai viaggiatori in Cina di esercitare un alto grado di cautela “a causa delle restrizioni locali COVID-19 in corso”.

Attualmente, i viaggiatori in arrivo sono tenuti a risultare negativi prima della partenza e possono essere soggetti a quarantena o monitoraggio domiciliare all’arrivo.

Ma l’8 gennaio, la Cina smetterà di richiedere ai viaggiatori in arrivo di entrare in quarantena, un passo importante verso l’allentamento delle restrizioni ai suoi confini, che sono stati in gran parte chiusi dal 2020.

Gli ospedali e le pompe funebri cinesi sono sotto forte pressione a causa dell’ondata crescente del virus.

Ci sono dubbi sull’accuratezza dei dati ufficiali della Cina, che hanno spinto dall’oggi al domani alcuni paesi a emanare nuove regole di viaggio per i visitatori cinesi. La Cina è anche accusata di non aver fornito accesso alla sequenza genetica dei ceppi virali circolanti nel Paese.

La Cina all’inizio di questo mese ha iniziato a smantellare il blocco più rigoroso del mondo e il regime di test approfonditi, avviandosi verso una riapertura completa il prossimo anno.

Ma ora, a partire dal 5 gennaio negli Stati Uniti, tutti i passeggeri delle compagnie aeree di età pari o superiore a due anni dovranno risultare negativi al test almeno due giorni prima di lasciare la Cina, Hong Kong o Macao, hanno annunciato mercoledì i funzionari sanitari.

Si teme che la rapida diffusione del virus in Cina porti all’emergere di una nuova variante più contagiosa.

La Cina ha nove vaccini sviluppati a livello nazionale approvati per l’uso, ma nessuno è stato aggiornato per colpire la variante Omicron altamente patogena. Allo stesso tempo, non ha ancora autorizzato vaccini mRNA stranieri.

Albanese ha affermato che è importante per gli australiani mantenere aggiornati i loro vaccini COVID-19.

“Faccio di nuovo un promemoria alle persone … se ti qualifichi per un booster, per favore prendilo”, ha detto su Nine Today.

“Ti aiutano, in primo luogo, a evitare di contrarre il COVID, ma in secondo luogo, se lo fanno, riducono l’impatto che può avere e questo è un messaggio molto importante.

“Non rilassarti. Il covid c’è ancora”.

L’Italia ha imposto i nuovi requisiti di test dopo che più della metà dei passeggeri su due voli dalla Cina all’aeroporto principale di Malpensa di Milano è risultata positiva.

© AAP 2022