Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Nella nuova serie Netflix italiana ‘Zero’, un eroe nero fa dell’invisibilità il suo superpotere: NPR

Giuseppe Dave Zack (al centro) interpreta un supereroe che aiuta a salvare Netflix dal rafforzare il suo ambiente nella serie in lingua italiana. Zero. Questa è la prima serie televisiva italiana con attori principalmente neri.

Francesco Fordinelli/Netflix


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Francesco Fordinelli/Netflix

Giuseppe Dave Zack (al centro) interpreta un supereroe che aiuta a salvare Netflix dal rafforzare il suo ambiente nella serie in lingua italiana. Zero. Questa è la prima serie televisiva italiana con attori principalmente neri.

Francesco Fordinelli/Netflix

Roma – Serie in lingua italiana di Netflix Zero Una pietra miliare: la prima serie tv italiana con attori prevalentemente neri.

Una fantasia di supereroi incontra l’imminente storia della seconda generazione di italiani, Zero Si distingue nel ritrarre la crescente società multiculturale del paese.

Zero è il soprannome di Omar, il protagonista, un giovane addetto alla distribuzione nero italiano che è più o meno ignorato dalla comunità bianca che lo circonda. Ma la sua metafora invisibile diventa una forza magica quando scopre che può effettivamente rendersi invisibile. Diventa un supereroe, aiutando a rafforzare il suo ambiente da investitori avidi.

Nel panorama televisivo l’insensibilità razziale è diffusa, Zero Si distingue nel ritrarre la crescente società multiculturale italiana. L’attore protagonista Giuseppe Dave Zack afferma che la serie “apre una porta in Italia, aspettando che si apra”.

Netflix


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Netflix

Rilasciato ad aprile, la serie è stata scritta Antonio Dickel Destepano, Un autore di 28 anni che ha scritto sei romanzi. Nato da genitori angolani in Italia, DiStefano dice alla NPR che il suo obiettivo non è scrivere una dichiarazione contro il razzismo, ma creare qualcosa di globale.

“Volevo usare le emozioni che condividiamo tutti”, dice. “Risate e lacrime ci uniscono, non avendo il colore della nostra pelle o le stesse idee”.

La serie è stata girata a Milano, non solo nell’elegante centro città noto ai turisti, ma anche nei suoi pericolosi sobborghi operai, sede di molte delle comunità italiane in crescita della diaspora.

Il 10% della popolazione italiana è composta da stranieri. Migrazione in Italia Notevolmente aumentato In seguito ai disordini politici innescati dalla Primavera araba un decennio fa, in particolare dai paesi del Nord Africa.

Luce web

Il sentimento anti-immigrazione tra gli italiani ha raggiunto il picco nel 2018, con la vittoria elettorale del leader di destra anti-immigrazione del partito della Lega, Matteo Salvini.

Ma un persone anziane Dipende dai caregiver nati all’estero e dal Paese italiano Tasso di natalità molto basso, Molti italiani sanno che il futuro economico del Paese dipende dall’afflusso di nuovi lavoratori immigrati. Le nuove attività commerciali, ristoranti e negozi di alimentari che hanno aperto nelle città italiane negli ultimi anni riflettono cifre che cambiano e hanno trasformato molti quartieri in centri multiculturali.

Ora il mondo dello spettacolo è consapevole di un nuovo potenziale pubblico tra i giovani italiani di seconda generazione.

READ  Perché l'economia italiana ha smesso di crescere

“Cerchiamo storie che evochino empatia ed emozione”, afferma Ilaria Castiglioni, manager Netflix della serie italiana. “Per farlo, la nostra storia deve essere reale e globale allo stesso tempo”.

Dice che DiStefano sa esprimere un senso globale di insicurezza e invisibilità nelle storie di un’era futura.

“Antonio ha una voce forte”, dice. “Inoltre, ha un’esperienza di seconda generazione, che è davvero unica”.

Quell’esperienza è evidenziata dalla colonna sonora della serie, che include “Red Bull 64 Bar x Zero” Scritto da Marakash, uno dei rapper più popolari tra i giovani multiculturali italiani.

La colonna sonora e il dialogo – accompagnati dalle calunnie della seconda generazione di giovani italiani – indicano un miglioramento delle normali tariffe televisive italiane che coinvolgono eminenti artisti bianchi e trame.

Una scena dell’episodio di Zero. I commentatori hanno elogiato la serie per aver aperto nuovi ruoli agli attori neri.

Francesco Fordinelli/Netflix


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Francesco Fordinelli/Netflix

Una scena dell’episodio di Zero. I commentatori hanno elogiato la serie per aver aperto nuovi ruoli agli attori neri.

Francesco Fordinelli/Netflix

Netflix non ha fornito valutazioni, ma le recensioni erano buone. I commentatori hanno elogiato la serie per l’apertura di nuovi ruoli per gli attori.

“Molti [Black] Le attrici si sono lamentate di essere prostitute o partner di venditori o rifugiati a bordo». Angelica Besarini, Sociologo italiano di origine eritrea e somala, specializzato in questioni relative a razza, colonialismo e identità di genere.

Anche la maggior parte di quello che c’è sulla TV italiana Peggio – I gruppi comici pronunciano insulti razzisti e fanno gesti offensivi che deridono gli asiatici come un modo per deridere la correttezza politica e spesso una varietà di spettacoli Usa Blackface.

READ  Il produttore di Jimmy Dodgers e Wagon Wheels venduto a Ferrero, Italia

Zero Creando finalmente un precedente per i giovani neri italiani che non riflettono i loro mondi nell’intrattenimento di massa, Besarini afferma: “Questo è molto importante per i bambini e i giovani che guardano questa serie, e possono essere quell’uomo di colore, un giovane uomo di colore, un supereroe.”

Giuseppe Dave Zack, 25 anni, interpreta il ruolo principale. Questa è la sua prima esperienza di recitazione. Zach, nato da genitori congolesi, dice a NPR che la serie “apre una porta in Italia, aspettando che si apra”.

Giorni dopo ZeroRilascio, attore Accumulato da studenti delle scuole in cerca di autografi La serie è stata girata nella periferia di Milano.

Castiglioni afferma che l’obiettivo di Netflix è per lo più divertente. “Se creiamo un buon intrattenimento che crea una discussione, questo è un vantaggio”, dice, “innescare una conversazione perché, con il nostro spettacolo, abbiamo attaccato il Jeetgeist”.

Questo Zeitgeist si conclude con un cliffhanger. Ma è troppo presto, dice Castiglioni, per annunciare se è in corso una seconda stagione.