Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Motivi di ottimismo (attenzione): La buona notizia della crisi climatica | Adam Morton

TNon mancano le cose da dire su ciò che va storto. L’entità dei danni causati da 1,2°C di riscaldamento globale dai livelli preindustriali si sta rivelando maggiore di quanto previsto dagli scienziati del clima non molto tempo fa.

Come discusso la scorsa settimanail disastroso esito di Inondazioni storiche in Pakistan Le ondate di calore e la siccità nell’emisfero settentrionale in estate stanno mostrando segni di escalation. Uno studio peer-reviewed ha rilevato diversi punti di svolta climatici catastrofici, tra cui il crollo della calotta glaciale della Groenlandia e il Correnti del Golfo nell’Oceano Atlantico, Ora potrebbe essere inevitabile.

Ma ci sono anche prove che l’azione per combattere la crisi climatica stia accelerando troppo tardi. Riconoscendo che ogni minimo grado di riscaldamento globale evitato fa la differenza, ecco alcune cose su cui essere positivi.

Basse emissioni in Cina

Mentre le emissioni dell’Australia sono aumentate negli ultimi dati, la Cina – il più grande inquinatore annuale di carbonio del mondo – ha registrato un calo dell’8% nel trimestre di giugno e del 3% anno su anno.

come tale segnalato da Analista Laurie Myllyverta in carbonio breve, il calo rispetto allo stesso periodo del 2021 è stato di 230 milioni di tonnellate, equivalenti a quasi la metà delle emissioni annuali dell’Australia e la più grande riduzione dell’inquinamento da carbonio cinese in almeno un decennio. È stato guidato da tendenze sia a breve che a lungo termine: la crisi immobiliare, le restrizioni legate al Covid, la debole crescita del consumo di elettricità e la continua espansione delle energie rinnovabili.

È troppo presto per dire se si tratta di un declino permanente – il pacchetto di incentivi recentemente annunciato potrebbe incoraggiare la costruzione e l’uso di energia pulita e sporca – ma questo è il quarto trimestre consecutivo in cui l’inquinamento è diminuito.

Nonostante tutti i discorsi sul fatto che la Cina continui a costruire centrali elettriche a carbone, la produzione di elettricità dalla combustione di combustibili inquinanti è diminuita del 4% nei primi sei mesi dell’anno. Come con la maggior parte dei tipi di infrastrutture, il paese sta costruendo più energia a carbone del necessario.

Questo può essere invertito, almeno temporaneamente: l’energia a carbone è rimbalzata nelle ultime settimane La capacità dell’acqua è diminuita a causa della grave siccità e del caldoL’impegno della Cina nei confronti delle Nazioni Unite è che le sue emissioni saranno tali Picco prima del 2030.

L’energia rinnovabile, in particolare l’energia solare, sta accadendo

Trovato un rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) Sempre più persone stanno lavorando nel campo dell’energia pulita (definito come comprendente le energie rinnovabili, i veicoli elettrici, le misure di efficienza energetica e l’energia nucleare) dall’industria dei combustibili fossili. Un piccolo problema: i posti di lavoro nel settore dell’energia pulita non pagano bene, in parte perché hanno meno probabilità di aderire ai sindacati. Ma l’argomento secondo cui non ci sono posti di lavoro nell’energia pulita è stato dissipato.

Gli investimenti nell’energia pulita sono cresciuti del 12% all’anno dal 2020, in parte a causa del maggiore sostegno pubblico e privato alla finanza sostenibile, in particolare nei paesi ricchi. L’energia rinnovabile, le nuove reti e lo stoccaggio di energia rappresentano oltre l’80% dell’investimento totale del settore energetico. L’Agenzia internazionale per l’energia stima ora la spesa per energia solare, batterie e veicoli elettrici A un ritmo in linea con il raggiungimento di zero emissioni nette globali entro il 2050.

In Europa, dove l’invasione russa dell’Ucraina ha aumentato le forniture di energia, c’è stato un significativo spostamento verso l’energia rinnovabile anche se i paesi forniscono sussidi a breve termine ai combustibili fossili per mantenere l’illuminazione e il riscaldamento. Il think tank britannico Ember ha scoperto che l’estate settentrionale record per la produzione di energia solare significava che il continente era in grado di farlo Evita di spendere 29 miliardi di euro (43 miliardi di dollari) per il gas. Nei 27 paesi dell’Unione Europea, l’energia rinnovabile ha fornito il 35% dell’elettricità, rispetto al 16% del carbone.

secondo Bloomberg NEF تحليل AnalisiLa produzione del polisilicio solare, il semiconduttore utilizzato nei pannelli fotovoltaici, sta avvenendo così velocemente che l’intera catena di approvvigionamento necessaria per fermare le emissioni è già in costruzione. Quasi tutto è in Cina – solo una delle tante potenziali complicazioni che David Fickling di Bloomberg delinea – ma dice qualcosa su ciò che può essere ottenuto.

I ricchi stanno finalmente iniziando ad andare avanti (in qualche modo)

Non c’era accordo nei colloqui sul clima delle Nazioni Unite sul fatto che i ricchi avrebbero pagato per aiutare il mondo in via di sviluppo Affrontare le inevitabili perdite e danni causati dalle emissioni globaliMa i ricchi si stanno finalmente muovendo per guidare la transizione verso l’energia pulita in alcuni paesi che saranno importanti.

L’obiettivo è molto semplice: fornire alle grandi start-up il supporto finanziario e di altro tipo necessario per spostare la loro espansione economica lontano dai combustibili fossili. Un accordo modello è stato annunciato al vertice COP26 sul clima a Glasgow, quando il Sudafrica ha firmato la partnership tra Germania, Regno Unito, Stati Uniti e UE che promette 8,5 miliardi di dollari di capitale globale nei prossimi tre o cinque anni come Il Paese sta ristrutturando il sistema energetico a carbone.

A giugno, il Gruppo dei Sette ha confermato un obiettivo più grande: a Accesso fino a 600 miliardi di dollari in finanziamenti pubblici e privati Più di cinque anni per infrastrutture energetiche pulite in paesi come Indonesia, India, Senegal e Vietnam. Insieme ad altri passaggi, come I paesi del G20 si impegnano a smettere di finanziare la nuova energia a carbone all’estero E il Meccanismo di transizione energetica di ADB, può ridipingere ciò che è possibile. Garantire che le comunità locali non vengano sfruttate o lasciate indietro nel processo sarà vitale per il suo successo.

Gli Stati Uniti hanno sbarcato una balena bianca

Questo è probabilmente il motivo principale di ottimismo quest’anno. Dopo anni di tentativi e fallimenti, gli Stati Uniti – il più grande impulso storico – ce l’hanno fatta Approvata la legislazione chiave sui cambiamenti climatici attraverso il Congresso. L’analisi ha rilevato che l’Inflation Reduction Act (IRA) potrebbe portare il paese a ridurre le emissioni del 43% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005, un salto significativo da dove era diretto altrimenti. Se il suo sistema politico tiene insieme, dovrebbe mettere a portata di mano l’obiettivo nazionale di un taglio del 50% in questo decennio e tagli più grandi in seguito.

Un punto chiave da notare: la legge statunitense afferma che penalizzare le industrie dei combustibili fossili con il prezzo del carbonio, sebbene non morto, è obsoleto. L’IRA riguarda principalmente l’investimento – 370 miliardi di dollari – per aiutare le soluzioni pulite a usurpare il vecchio paradigma sporco. Molti di loro saranno disponibili solo per i prodotti fabbricati negli Stati Uniti. Gli esperti affermano che oltre a ridurre l’inquinamento domestico, può anche aumentare la concorrenza e ridurre i costi sui mercati internazionali.

L’Australia non è più completamente arretrata

Rispetto agli Stati Uniti, il La prima legislazione australiana sui cambiamenti climatici è stata approvata in un decennio È una notizia secondaria: è un paese più piccolo e Bolletta più modesta – ma è ancora indiscutibilmente una delle storie positive in questo momento.

Dopo anni passati a mettere tra parentesi l’Australia con Russia e Arabia Saudita come ritardo globale, il governo albanese riceverà elogi per il suo nuovo obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030 (riduzione del 43% rispetto al 2005) al principale vertice delle Nazioni Unite sul clima in Egitto a novembre.

Ma anche il governo laburista può Anticipare le domande. Il più rilevante sarà probabilmente lo stesso che riceve a casa: minerà davvero il suo nuovo impegno e il suo sforzo globale, Continuando ad espandere le esportazioni di combustibili fossili? Potrebbe aver bisogno di sviluppare una risposta migliore.

READ  Dettagli, risultati e numeri vincenti dell'estrazione di 10 milioni di dollari di Oz Lotto