Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

mostra sulla salute mentale

Il COMSEP (Centro Maurizio per l’Organizzazione dei Servizi e l’Educazione Popolare) ha lanciato la sua mostra “Goldmine: Mental Health Not in Silos”, opere prodotte dai partecipanti all’Alfabetizzazione e all’Educazione Popolare dell’organizzazione, accompagnati da artisti.

Questo progetto annuale consente ai partecipanti al COMSEP di sperimentare nuovi modi di creare opere d’arte. È stato progettato con assemblaggio di palafitte, che ricorda rocce e miniere, ed evoca l’importanza della comunità durante i periodi difficili. Il suo scopo è sensibilizzare i visitatori sui problemi legati alla salute mentale.

“È con grande piacere che lanciamo il nostro nuovo progetto artistico e culturale, ogni anno, che mira ad essere per noi solido. Abbiamo sempre questa opportunità di provarlo con gli artisti, quest’anno sono stati André Anne Cartier e Sébastien Goyette Cournoyer”, ha affermato Sylvie Tardiff, Curatrice GENERALE DI COMSEP: “Grazie al Museo POP, partner principale di COMSEP, per la città di Trois-Rivieres, al team di alfabetizzazione e ai nostri numerosi partner che ci hanno permesso di realizzare il progetto esplodere.”

“Abbiamo iniziato il progetto con i tubi, che avrebbero dovuto essere il nostro strumento di animazione a maggio. Siamo partiti con quello e abbiamo terminato il nostro lavoro! Abbiamo messo il logo dei nostri partner sui tubi e abbiamo dato loro i tubi con due domande sulla salute mentale all’interno (Has la mia salute mentale è stata colpita durante la pandemia e ciò che significa l’ha migliorata) della mia salute mentale negli ultimi due anni.” Joanne Bergeron, operatrice comunitaria presso COMSEP, ha dichiarato:

Inoltre, il 99% degli intervistati ha affermato di essere stato colpito durante la pandemia, in termini di ansia, finanze, isolamento, paura, stress o anche in relazione alle vaccinazioni, tra gli altri. Riguardo ai principali mezzi per migliorare la salute mentale, mantenere i legami familiari, comunicare con gli altri, ricevere aiuto da organizzazioni e professionisti, oltre a mantenersi attivi spesso solo a turno.

READ  Scienza, genomica e medicina dello sport in Qatar: la ricerca nel mezzo di una rivoluzione

Maine d’Or è quindi un’installazione che esprime un desiderio collettivo di ricostruire nuove fondamenta nonostante il contesto di fragilità che ha turbato molti punti di riferimento tra le persone. Un totale di 25 partecipanti hanno reso possibile la creazione di quest’opera, con la guida degli artisti André-Anne Cartier e Sebastien Joyet-Cornoir, ovvero Lynn Bailargon, Manon Beauregard, Richard Béland, Sylvie Bouchard, Manon Broodur, Melanie Brunet, Lynne Chiason , Lenny Cloutier, Stephanie Demers, Jean-Simon Desjardins, Danny Jocelyn, Eric Gravel, Sophie Gilbeault, Gisselyn Hubert, Guillen LaCourcier, Natalie Lambert, Andre Lamy, Nicole Lavoie, Chantal Martell, Diane Martell, Gerald Mongrain, Johan Isebel e Liz Turcotta.