Maggio 23, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Monica Vitti, “Regina del cinema italiano”, è morta a 90 anni intrattenimento

ROMA (AFP) – È morta Monica Vitti, poliedrica protagonista de “L’Aventura” di Michelangelo Antonioni e di altri film di alienazione italiani degli anni Sessanta, e poi protagonista della comica. Aveva 90 anni.

La sua morte è stata annunciata mercoledì su Twitter dall’ex ministro della Cultura Walter Veltroni, che ha affermato di essere stato invitato a denunciare la sua morte dal marito fotografo Roberto Rosso.

“Addio alla regina del cinema italiano”, ha scritto in una nota l’attuale ministro della Cultura, Dario Franceschini.

Viti è stata fuori dai riflettori per anni, vivendo tranquillamente a Roma con il marito. Secondo quanto riferito, soffriva di una qualche forma di demenza.

Nei suoi giorni illustri negli anni ’60, era nota soprattutto per i suoi ruoli da protagonista in “L’Aventura”, “La Notte”, “Eccles” (“Eclipse”) e “Il deserto rosso”, tutti film diretti dal suo amante Antonioni presso l’epoca, i due dei quali erano un bersaglio costante dei paparazzi.

“L’Aventura” ha attirato l’attenzione internazionale e la lode per il suo ruolo di donna gelida che è coinvolta in una relazione con l’amante del suo amico scomparso. In Red Desert, l’ultimo ciclo, interpreti una donna profondamente nevrotica e sfuggente mentre lotta per affrontare un mondo industriale in evoluzione.

I capelli biondi e gli occhi azzurri di Vitti la distinguono dalle classiche star del cinema mediterraneo come la bionda Sophia Loren.

Lo stesso Antonioni ha elogiato la sua interpretazione in una mostra speciale al Museum of Modern Art di New York nel 1999, segnando il completamento di un progetto di restauro cinematografico italiano.

“La protagonista, Juliana, sta attraversando una profonda crisi personale a causa della sua incapacità di adattarsi”, ha detto, in un commento letto dalla moglie, Enrica.

READ  38a parata annuale del giorno di San Patrizio a cinque punti a sud

Dopo la fine della relazione di Vitti con Antonioni, non hanno più lavorato insieme fino al 1980. A quel punto, ha cambiato bruscamente il suo obiettivo e ha iniziato a fare commedie, lavorando con i migliori registi e alcuni dei principali attori italiani, tra cui Alberto Sordi, un tragico comico, in film i cui personaggi incarnano spesso i punti di forza e di debolezza degli italiani.

Sebbene molti dei film non abbiano ottenuto distribuzione o consensi internazionali, le sue interpretazioni hanno avuto successo a casa.

Nel 1970, Vitti ha recitato con Marcello Mastroianni nella commedia romantica di Ettore Scola “Dramma della gelosia” (“Il triangolo della pizza”). Nel 1974 ha vinto l’equivalente dell’Oscar italiano, il David di Donatello come migliore attrice nel “Polvere di Stelle” di Sordi, uno dei cinque premi della sua carriera.

Ha recitato in Le Fantome de la Liberte (Il fantasma della libertà) di Luis Buñuel nel 1974, una cura surreale per l’ipocrisia della classe media, considerato il suo ultimo film importante.

La sua versatilità l’ha distinta dalle altre attrici nel suo periodo di lavoro.

In una scena memorabile di “Amore mio aiutami” (“Aiutami, amore mio”), lei e Sordi si rotolano in uno scambio di sabbia e pugni. In uno dei suoi unici due film in lingua inglese, si è ritrovata in una parodia di spionaggio con Terence Stamp e Dirk Bogard nel film del 1966 The Humble of Belize.

Vitti nasce Maria Luisa Ceciarelli a Roma nel 1931. Da adolescente si esibisce in produzioni teatrali amatoriali, poi studia come attrice all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma. Il suo primo ruolo è stato nel film di Scola “Ridere Ridere Ridere” (“Laugh Laugh Laugh”) nel 1954. Il più recente è stato “Scandalo Segreto” nel 1989, che ha scritto, diretto e interpretato.

READ  "Doctor Strange in the Multiverse of Madness" di Benedict Cumberbatch trapela online, cade preda della pirateria prima della sua uscita ufficiale in India | Notizie di film in inglese

La sua vita solitaria ha portato a molte speculazioni sulla sua salute. Nel 1988, il quotidiano Le Monde ha riferito che è morta per un’overdose di barbiturici. Era molto popolare in Francia e i suoi fan erano arrabbiati.

L’ultima apparizione pubblica qui è stata nel 2002 per la prima di “Notre Dame de Paris”.

Nel 1995 il Festival del Cinema di Venezia le ha conferito il Leone d’Oro per i suoi successi in carriera.

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi Vetti è stata ricordata come “un’attrice di grande ironia e di straordinario talento, che ha conquistato generazioni di italiani con il suo spirito, il suo coraggio e la sua bellezza. Ha portato il prestigio del cinema italiano in tutto il mondo”.

———

Victor L. si è ritirato. Simpson di The Associated Press nel 2013. Colin Barry ha contribuito da Milano.

Copyright 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.