Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Ministro degli esteri: la Nuova Zelanda è “a disagio” con l’espansione della giurisdizione “Five Eyes” della Nuova Zelanda

Il ministro degli Esteri neozelandese Nana Mahota ha affermato che il suo paese non provocherà né tratterà con la Cina attraverso la Five Eyes Alliance, indipendentemente dalle questioni di intelligence, in un’ampia comprensione delle preoccupazioni cinesi.

La Five Eyes Alliance è una rete di cinque paesi con idee simili – Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda – che condividono informazioni relative alla sicurezza.

Recentemente, i membri hanno chiamato la coalizione su questioni più ampie, come Hong Kong strisciava verso l’autoritarismo O il Abuso di uiguri Nello Xinjiang, in Cina.

Questo ce l’ha Funzionari cinesi arrabbiati, Che vedono il gruppo come un tentativo di limitare la sovranità della Cina.

L’anno scorso, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha risposto con rabbia a una dichiarazione su Hong Kong, dicendo: “Se hanno il coraggio di danneggiare la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo della Cina, dovrebbero stare attenti che i loro occhi vengano puntati e accecati”.

Parlando lunedì a una riunione del Consiglio Cina-Nuova Zelanda, Mahota ha affermato che la Nuova Zelanda non vuole vedere un’espansione della sua rete di intelligence. “Non siamo a nostro agio con l’espansione della giurisdizione dei Cinque Occhi”, ha detto. “Preferiamo di gran lunga cercare opportunità multilaterali per esprimere i nostri interessi”.

Mahota, che ha fornito il secondo importante titolo politico durante il suo mandato, ha detto che la mossa è stata un allontanamento dall’approccio del suo veterano predecessore Winston Peters.

Peters è stato Segretario di Stato durante il primo mandato di Jacinda Ardern, quando il Labour ha fatto affidamento sul suo partito populista “New Zealand First” per governare. Dopo essersi liberati da questa coalizione, Mahota e Labour hanno cambiato il loro approccio.

“La Nuova Zelanda è stata molto chiara, sicuramente in quel termine da quando abbiamo tenuto il portafoglio, per non chiamare i Five Eyes come primo punto di contatto sui messaggi su una serie di questioni”, ha detto.

“Esistono davvero al di fuori della giurisdizione di Five Eyes. Non ci piace questo tipo di approccio e lo abbiamo espresso a Five Eyes Partners”.

Questa mossa conferma l’indipendenza della Nuova Zelanda in politica estera. Negli ultimi decenni, Aotearoa ha percorso una rotta diversa verso l’Australia, con meno legami formali con gli Stati Uniti e un rapporto di lavoro più confortevole con la Cina.

Mentre la promessa dei Cinque Occhi di lunedì era una soluzione per il suo più grande partner commerciale, alcuni degli altri commenti di Mahuta erano meno accettabili.

Ha detto che la Nuova Zelanda cerca di ridurre la sua dipendenza commerciale da qualsiasi paese, il che può essere spiegato solo come diversità al di fuori della Cina, il suo più grande partner commerciale.

Mahota ha anche espresso Preoccupazioni per l’indebitamento nel PacificoPoiché alcuni paesi hanno accettato di prestiti dalla Cina per la costruzione di infrastrutture tanto necessarie.

“Non è un segreto che esiste un livello significativo di debolezza economica in tutto il Pacifico”, ha detto. “La certezza della Nuova Zelanda sta investendo nel Pacifico … attraverso sovvenzioni, non prestiti.

Se ci concentriamo davvero sulla stabilità e sulle opportunità regionali, dobbiamo raccogliere questa sfida. Spero che la conversazione si svolga con coloro che cercano di investire nella regione “.

Ha anche affermato che la Nuova Zelanda è stata e continuerà a sollevare le sue preoccupazioni in particolare con la Cina, sottolineando che Wellington vuole adottare un “approccio prevedibile, attraverso la diplomazia e il dialogo”.

“Domande come i diritti umani dovrebbero essere trattate in modo coerente e neutrale per il Paese.

“A volte, troveremo necessario parlare di questioni come gli sviluppi a Hong Kong, il trattamento degli uiguri nello Xinjiang e gli incidenti informatici.

A volte lo faremo insieme ad altri che condividono le nostre opinioni ea volte agiremo da soli. In ogni caso, prendiamo le nostre decisioni in modo indipendente, sulla base dei nostri valori e della nostra valutazione degli interessi della Nuova Zelanda “.

READ  Due genitori uccisi in un incidente in moto, lasciando orfane cinque ragazze