Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Mettiamo ordine nei vivi

A priori, tutto è il meglio del meglio di tutti i mondi, e classifichiamo tutto. Basta rendere le scatole più grandi o più piccole e poi impilarle l’una dentro l’altra. Tutto più o meno corrisponde a ciò che i nostri occhi mostrano quando osserviamo il mondo che ci circonda.

Perché abbiamo bisogno di un sistema che parli di quartieri?

Prendiamo i ricci per illustrare questo punto. Se parliamo di un riccio che ha preso dimora nel suo giardino, stiamo parlando di un solo riccio. Quindi abbiamo bisogno di una parola che definisca tutti gli individui simili a questa persona, tutti i ricci conosciuti che sono o sono stati. Quindi abbiamo ragione nel fare scatole, e non solo per i ricci.

Ma è così semplice?

Non puoi immaginarlo! Sapevi, per esempio, che i falchi non c’entrano niente?

le aquile ? I falchi non sono imparentati con le aquile, ma sono una propaggine comune di pappagalli e passeriformi. Nello stesso modo,

talpe Dal Sud Africa non ha nulla a che fare con le talpe che si trovano nei nostri giardini. Oppure, la stella marina è più attaccata a te che a lei

lumacaUn fungo ti è più vicino di una pianta verde.

Queste stranezze sono dovute al fatto che le nostre scatole sono una traduzione di relazioni “genealogiche”, relazioni di parentela che a volte possono risultare controintuitive.

Se parliamo di casseforti?

Tutte queste scatole – ce ne sono migliaia – abbiamo dovuto metterle via e organizzare quel deposito in un armadio che le contenesse tutte. La domanda che allora sorge spontanea è: qual è la forma del tesoro? Questo è tutto il punto della scienza che oggi si chiama “sistematica”, la scienza delle classificazioni.

Aristotele vedeva la vita attraverso una serie, una “scala degli esseri” che sarebbe stata ancora più grande, risalendo a Democrito e

Platone Nel IV secolo a.C. Questa è un’analogia abbastanza semplice: la scala unisce tutti gli esseri viventi, dal più semplice, in fondo alla scala, al più complesso, cioè noi, in cima alla scala. Questa scala raggiunge ovest a

Epoca medievale. L’armadietto di Aristotele è verticale con scaffali stretti impilati con scatole.



55 minuti

Nella seconda metà del Settecento la tesoreria si fece più complessa, man mano che l’organigramma della natura si spostava da una scala all’altra. Sono salito per la prima volta nella forma della scala,

Il naturalista Georges Louis Leclerc de Buffon (1707-1788) predilige la carta del 1755 con la “Tavola dell’Ordine dei Cani” che funge da vera e propria carta geografica con una rosa dei venti per l’orientamento.

All’alba dell’Ottocento, alcuni tornarono all’immagine di una scala, una scala un po’ più complessa che assumeva la forma di un’asse: un armadio con, per così dire, più colonne. Nel 1798 giovane

Giorgio Coperto Pubblicare Tavola primaria della storia naturale degli animali.

Tuttavia, da poco più di cento anni, la conoscenza della biologia ha fatto grandi progressi nelle grandi esplorazioni: il numero dei bidoni si moltiplica e diventa chiaro che un’eccessiva visione lineare non è sufficiente per integrare tutto.




Se parliamo di alberi?

In effetti, la figura dell’albero ha fatto irruzione nell’ordine della natura nella storia naturale a partire dall’ultimo terzo del Settecento. A quel tempo, l’albero non aveva necessariamente un significato genealogico.

Fu solo nel 1809 che

Jean-Baptiste de Lamarck (1744-1829) incise la figura di un albero in una dimensione temporale. Ha preso a questo, con l’ulteriore vantaggio del disegno, un’idea coniata da Erasmus Darwin, Jed

Carlo, nel 1798, e l’Albero della Vita reca chiaramente un’espressione allegorica genealogica. Questa cifra non si riferisce a nessuna specie specifica, ma servirà come programma di ricerca per più di un secolo.

Tuttavia, la persona che pianterà gli alberi più belli è lo scienziato tedesco

Ernest Haeckel. Nel 1866 coniò il termine “filogenesi” e per primo disegnò un bellissimo albero con rami leggermente rachitici. Nel 1874 il suo albero divenne una possente quercia, ma in più piantò l’uomo in cima, sopra le grandi scimmie.

A partire dal 1966, sarà un altro tedesco, Willi Hennig, la fonte di una rivoluzione scientifica nella teologia sistematica. In estrema sintesi, Hennig costruisce un albero unendo i rami sulla base di caratteristiche comuni tra le specie piuttosto che sulla base delle differenze. Non dividere i suoi rami, ma uniscili.

Questo può sembrare un lavoro specializzato. Ma grazie a questo approccio possiamo ricostruire il nostro albero genealogico con i nostri cugini

NeanderthalE il

Denisova o Flores. A causa di questo approccio, le nostre classifiche sono state capovolte e le trote sono probabilmente più strettamente imparentate con te rispetto allo squalo, perché condividiamo un antenato con la trota non squalo.

Oggi la rappresentazione dell’Albero della Vita assume la forma di un cespuglio sferico, ma per riassumere:

Darwin L’ha descritto lui, l’ha fatto Hennig e passeremo dalla scala alla palla.



58 minuti

READ  Test PCR: Health Ontario Alliance denuncia la privatizzazione dei servizi