Maggio 22, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Metropolitana di Roma Linea C, Italia

La Metropolitana Linea C è il primo grande sistema di trasporto pubblico senza conducente di Roma. Credito: METRO C ScpA

Il progetto prevede la realizzazione della parte superficiale e sotterranea. Credito: METRO C ScpA

Lungo la linea sono state installate barriere antirumore per ridurre l’impatto del rumore di esercizio. Credito: METRO C ScpA

Presso la stazione di Graniti è presente un deposito di manutenzione e riparazione. Credito: METRO C ScpA

La linea C della metropolitana di Roma è in costruzione in Italia come prima grande infrastruttura di trasporto pubblico senza conducente della città.

La prima tratta della linea è entrata in esercizio nel novembre 2014 mentre la seconda tratta è stata aperta al pubblico nel giugno 2015. La terza tratta è in costruzione da marzo 2013.

La lunghezza totale della linea sarà di 25,6 km, di cui circa 9 km in pendenza e 16,5 km in sotterraneo. ATAC, società italiana di proprietà pubblica, è l’operatore della linea metropolitana.

Importanza metropolitana linea C di Roma

La linea C è gestita e controllata a distanza da un sistema completamente automatizzato.

La linea tecnologicamente avanzata dovrebbe servire da modello per i futuri sistemi di metropolitana. Una volta completata, sarà la linea metropolitana più nuova d’Italia.

Il progetto metterà Roma alla pari con altre grandi città europee in termini di infrastrutture di trasporto pubblico.

Metropolitana di Roma Linea C e sue stazioni

Indicata in verde, la metropolitana linea C effettuerà la corsa tra la stazione Pantano, a Montecompatri, e il quartiere Prati, nei pressi di Piazzale Clodio.

Attraverserà i quartieri storici della città Centocelle, Alessandrino, Pigneto e Appio.

La linea presenta tre estensioni funzionali, che sono i tratti tra Monte Compatri/Pantano-San Giovanni, il tratto San Giovanni-Fori Imperiali e il tratto Fori Imperiali-Clodio Mazzini.

Attualmente la linea C opera tra la stazione di Monte Compatri/Pantano e la stazione di San Giovanni. Serve 22 stazioni mentre la lunghezza operativa è di circa 19 km. Il numero totale di stazioni dovrebbe raggiungere le 30 quando la linea sarà completata.

READ  Il nuovo ambasciatore italiano elogia la Russia come un importante partner economico - il mondo

È entrato in servizio il primo tratto tra la stazione di Monte Compatri-Pantano e la stazione del Parco di Centocelle. Segue il tratto tra il Parco di Centocelle e la stazione di Lodi, che si estende in metropolitana per 5,4 chilometri e aggiunge sei nuove stazioni alla rete metropolitana.

Giardinetti è l’ultima stazione di superficie prima della metropolitana. Il settore della metropolitana dopo Giardinetti comprende dieci stazioni, ovvero Torre Maura, Torre Spaccata, Alessandrino, Parco di Centocelle, Mirti, Gardenie, Teano, Malatesta, Pigneto e Lodi.

La linea ha quattro incroci, tra cui Ottaviano e San Giovanni con la Linea A, Colosseo/Fori Imperiali con la Linea B, e Pigneto con la ferrovia regionale FL1 (ex FR1).

Il tratto T3 tra San Giovanni e Fore Imperiale è lungo 3,6 km e comprenderà due stazioni e due pozzi di ventilazione.

Design e caratteristiche della metropolitana di Roma linea C

La stazione di San Giovanni è stata concepita come un museo, in seguito alla scoperta di antiche strutture durante gli scavi nell’ambito del progetto.

La stazione del museo dispone di un’ampia sala dedicata all’attualità. Comprende 30 metri di strati di terreno per fornire agli occupanti un resoconto storico del sito. Nel museo è stata collocata anche una collezione di oggetti scoperti durante gli scavi.

La stazione di Pantano dispone di due parcheggi di cui uno su più livelli e l’altro situato al piano terra.

Lungo la linea sono state installate barriere antirumore per ridurre l’inquinamento acustico dovuto alle operazioni ferroviarie.

I treni forniscono una protezione avanzata attraverso il sistema di controllo automatico dei treni, che consiste in ATS (Automatic Train Supervision), ATP (Automatic Train Protection) e Automatic Train Operation (ATO).

Un sistema SCADA (Supervisory Control and Data Acquisition) consente la trasmissione di messaggi informativi sullo stato del treno a un controllo centrale del traffico.

READ  La polizia italiana ha sballato un falso schema di permessi sanitari su Telegram

Inoltre, le operazioni della C-Line sono supportate da un Sistema di Supporto alle Decisioni Operative che assicura che vengano prese decisioni corrette durante la guida dei treni a guida autonoma.

darija

Ogni treno senza conducente è lungo 109,4 m. È dotato di sei auto collegate a temperatura controllata che possono ospitare fino a 1.200 passeggeri.

Può trasportare 24.000 passeggeri all’ora in ciascuna direzione. Le vetture sono realizzate in alluminio e predisposte per ospitare portatori di handicap. Hanno anche aree designate per le biciclette.

I treni possono circolare ad una velocità massima di 80 km/h e una velocità di servizio di 35 km/h.

Ogni treno è dotato di 12 telecamere e 12 video monitor per un monitoraggio continuo per segnalare eventuali malfunzionamenti del servizio. Dispone inoltre di un sistema informativo audio/video per i passeggeri.

Infrastruttura della linea C

La linea della metropolitana è gestita in remoto dall’ufficio centrale di spedizione dei treni presso la stazione di Granite. Dispone di 115 scale mobili e 82 ascensori in tutte le stazioni.

C’è anche un’officina/magazzino di 220.000 m² presso la stazione di Granitei. Serve alle esigenze di manutenzione, alloggio e riparazione dei treni che circolano sulla Linea C.

Le stazioni sono dotate di porte automatiche a zanzariera per separare la piattaforma dai binari per migliorare la sicurezza dei passeggeri.

I sistemi di rilevamento del percorso sono installati nelle stazioni per facilitare il movimento dei passeggeri.

I subappaltatori coinvolti nella metropolitana di Roma linea C

Responsabile della realizzazione del progetto è Metro C ScpA, consorzio di Astaldi, Hitachi, Vianini Lavori, Cooperativa Muratori e Braccianti di Carpi (CMB) e Consorzio Cooperativa Costruzioni.

Astaldi e Vianini Lavori detengono ciascuna il 34,5% nel consorzio mentre Hitachi, CMB e Consorzio Cooperativa Costruzioni possiedono rispettivamente il 14%, 10% e 7%. Metro C ScpA funge da general contractor per il coordinamento delle attività relative ai progetti.

READ  L'ultimo virus Corona: la Francia apre le vaccinazioni per tutti gli adulti due settimane fa

Hitachi ha fornito 13 treni Hitachi Railroad of Italy (HRI) indipendenti in una configurazione a sei carrozze per la linea metropolitana.

Sisgeo è responsabile della fornitura di tutte le apparecchiature di monitoraggio stazionarie per la metropolitana C per monitorare le infrastrutture sotterranee e le strutture fuori terra, compresi gli edifici storici e il patrimonio culturale. Ha fornito più di 7.000 strumenti per vari usi, compresi i passaggi ferroviari e le relative infrastrutture.

Steer Group, una società di consulenza aziendale globale, è stata incaricata di fornire sistemi di rilevamento dei percorsi delle stazioni e informazioni sui passeggeri per la linea C della metropolitana.

Salcef, società di ingegneria strutturale con sede in Italia, si è aggiudicata un appalto per i lavori di costruzione relativi alla tratta T3. L’oggetto contrattuale prevede la realizzazione di circa 5.600 metri di binario, l’installazione di sei deviatoi e un raccordo, nonché la fornitura di un sistema di binari in lastre di cemento, giunti, rotaie e paraurti. L’azienda fornisce anche servizi di fresatura di rotaie.

ATAC ha collaborato con Fusolab 2.0 per eseguire lavori tecnici nelle stazioni lungo la Linea C.

Webuild, una società italiana, è stata incaricata di eseguire gallerie a binario singolo utilizzando macchine perforatrici (TBM), pozzi di ventilazione e stazioni sotterranee.

Inoltre, l’appalto comprendeva i lavori relativi al magazzino/officina.

Lo Studio Geotecnico Strutturale (SGS) ha condotto indagini al suolo, valutazioni di parametri geomeccanici e sviluppato il modello geotecnico della Linea C. Ha inoltre fornito il progetto di gallerie e tre stazioni.

TK Elevator (ex thyssenkrupp elevator) si è aggiudicata un contratto per l’installazione di 30 scale mobili e 14 ascensori in due stazioni, Amba Aradam/Ipponio e Fori Imperiali, per la Metropolitana di Roma Linea C nell’agosto 2019.

Argomenti in questo articolo: