Maggio 22, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Mercati in diretta, venerdì 11 marzo 2022

Le società tecnologiche hanno guidato le azioni al ribasso giovedì dopo un altro giorno di scambi volatili a Wall Street mentre i mercati globali hanno continuato a oscillare con l’incertezza sulla direzione dell’inflazione, sui tassi di interesse e sull’economia globale.

L’S&P 500 è sceso dello 0,4%, il quinto calo negli ultimi sei giorni. Il calo segna un’altra inversione per le azioni statunitensi, che solo un giorno fa sono balzate al loro più grande guadagno da giugno 2020, quando il calo dei prezzi del petrolio sembrava aver alleviato una certa pressione dall’impennata dell’inflazione globale.

I prezzi del petrolio hanno visto le proprie oscillazioni giovedì, poiché un barile di greggio statunitense è balzato del 5,7%, prima di oscillare tra guadagni e perdite. E si è attestato a 106,02 dollari USA, in calo del 2,5%. I recenti forti aumenti dei prezzi dell’energia hanno accresciuto il rischio che l’economia debba lottare con una combinazione tossica di crescita stagnante e inflazione persistentemente elevata.

Gli andirivieni del petrolio sono solo alcune delle ondate di rapporti che hanno colpito i mercati di tutto il mondo. La Banca centrale europea ha affermato che l’inflazione elevata la spingerà a porre fine al suo programma di acquisto di obbligazioni volto a rilanciare la sua economia più velocemente del previsto. Negli Stati Uniti, un rapporto ha mostrato che i prezzi al consumo sono aumentati del 7,9% a febbraio rispetto all’anno precedente. È il più grande aumento dal 1982, anche se la lettura è stata ampiamente all’interno delle aspettative.

L’invasione dell’Ucraina continua a scuotere i mercati di tutto il mondo che hanno difficoltà a far fronte all’incertezza del suo impatto sui mercati delle materie prime e sull’inflazione. credito:AP

Tutto sommato, le forze hanno innescato un’inversione di molte mosse di mercato rispetto al giorno precedente.

READ  Riapertura della residenza estiva papale ai visitatori

L’S&P 500 è sceso di 18,36 punti a 4.259,52. Il benchmark è ora inferiore dell’11,2% rispetto al massimo storico di inizio anno.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso di 112,18 punti, o dello 0,3%, a 33.174,07 punti, mentre l’indice high-tech Nasdaq Composite è sceso di 125,58 punti, o dello 0,9%, a 13.129,96 punti.

I titoli delle società più piccole hanno retto meglio del mercato più ampio. L’indice Russell 2000 è sceso di 4,62 punti, o 0,2 per cento, a 2011,67 punti.

Le azioni europee hanno subito un colpo maggiore, con il DAX tedesco che perde il 2,9% e il CAC 40 francese del 2,8%. Le azioni asiatiche sono aumentate principalmente.

Tali fluttuazioni sono diventate comuni nelle ultime settimane, non solo di giorno in giorno ma di ora in ora, dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha sollevato preoccupazioni per l’aumento dei prezzi del petrolio, del grano e di altre materie prime prodotte nella regione.

I mercati erano già in allerta prima della guerra, poiché l’inflazione elevata stava spingendo le banche centrali ad aumentare i tassi di interesse per la prima volta da anni e ad interrompere i programmi lanciati per sostenere l’economia globale dopo la pandemia. Molti investitori vedono una recessione ancora improbabile, ma affermano che i rischi di una recessione stanno aumentando.

“Finché gli investitori non riusciranno a chiarire alcuni di questi argomenti, continueremo ad avere mercati instabili”, ha affermato Charlie Ripley, analista capo degli investimenti di Allianz Investment Management.

Gli analisti hanno affermato che il rapporto sull’inflazione statunitense di giovedì, sebbene sorprendente, probabilmente non avrà un impatto significativo sui mercati. Il balzo del 7,9 per cento era esattamente quello che gli economisti si aspettavano e non includeva il recente aumento dei prezzi del petrolio e della benzina sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina. Se non altro, potrebbe aver fornito un po’ di sollievo poiché non ha raggiunto la soglia dell’8%, il che potrebbe essere peggio.

READ  Musei meno conosciuti in Italia

Molti investitori hanno affermato che il rapporto probabilmente non cambierà nulla per la Federal Reserve, che si riunirà la prossima settimana per votare sui tassi di interesse. L’aspettativa generale è che aumenterà il tasso di interesse chiave a breve termine di un quarto di punto percentuale, il primo dal 2018. Tassi più alti stanno rallentando l’economia e la Federal Reserve sta cercando di aumentarlo abbastanza per frenare l’inflazione, ma non tanto da provocare una recessione.

“In una certa misura, questo rapporto sull’inflazione non ha molta importanza”, ha affermato Brian Jacobsen, analista di investimento senior di Allspring Global Investments.

“È probabile che la Fed riconosca l’aumento dei costi alimentari ed energetici, ma riconosce anche che non c’è nulla che la politica monetaria possa fare al riguardo”, ha affermato mentre i prezzi del petrolio e del grano sono aumentati vertiginosamente dopo la decisione del presidente russo Vladimir Putin di invadere l’Ucraina. “La politica monetaria non può far tornare Putin”.

Il greggio Brent, il benchmark internazionale, è sceso dell’1,6% a 109,33 dollari al barile. Sia il greggio statunitense che il petrolio di riferimento statunitense sono aumentati di oltre il 40% per il 2022, sebbene siano ancora al di sotto del picco raggiunto all’inizio di questa settimana. Il prezzo del petrolio statunitense ha superato brevemente i 130 dollari.

Il rendimento dei Treasury a 10 anni, che misura le aspettative di inflazione e la crescita economica, ha subito fluttuazioni dopo la pubblicazione del rapporto sull’inflazione. È salito al 2% dall’1,94% di mercoledì in ritardo.

Il rendimento dei Treasury a due anni, che si muove maggiormente in base alle aspettative su ciò che la Federal Reserve farà con i tassi a breve termine, è salito all’1,71% dall’1,68%.

READ  Domande e risposte: The Kings of Comfort nel nuovo album e la chiave della longevità | Arte e spettacolo

A Wall Street, le perdite erano diffuse. Le grandi aziende tecnologiche erano tra i sollevatori di pesi più pesanti sul mercato. Le società di chip e software sono diminuite drasticamente. Micron Technology è scesa del 4,7% e Advanced Micro Devices del 4,1%.

La parte vincente è stata Amazon, che è cresciuta del 5,4% dopo aver annunciato un frazionamento azionario 20 per 1 e aver accettato un programma per riacquistare fino a $ 10 miliardi di azioni.

È probabile che la volatilità del mercato continui nei prossimi giorni con l’intensificarsi del conflitto in Ucraina.

“Sembra che i mercati si siano attenuti ad alcuni indizi leggermente meno cupi come scusa per un rally aggressivo”, hanno affermato gli economisti di ING in un rapporto dopo i salti delle azioni di mercoledì e all’inizio di giovedì. “La base di questo ottimismo è in realtà molto debole”.

AP