Agosto 1, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Mentre Joe Biden e Vladimir Putin contemplano l’esito del loro vertice, sembra improbabile che il Cremlino o la Casa Bianca saranno invitati.

A volte un pareggio per 1-1 può essere divertente quanto un 5-0.

Un conflitto ristretto può tirare fuori il meglio dagli avversari, anche un po’ di rispetto, anche solo di invidia.

Questo è vero negli affari mondiali come lo è nello sport.

Quindi possiamo riportare il giusto esito nella grande resa dei conti a Villa La Grange, in Svizzera: democrazia 1, autocrazia 1.

Ancora meglio, se guardi oltre le difficili, pratiche, scorecard post-vertice che Joe Biden e Vladimir Putin hanno scritto per se stessi a Ginevra, c’è un’emozionante serie di partite tra Russia e America a venire.

“Hassan.” “positivo.” “Pragmatico”. “Non ha senso”. Nessuna ostilità. “Molto efficace.” “Obiettività.” Nessuno dei due uomini in questa coppia presidenziale ha letto a fondo il playbook per esagerare la diplomazia quando cercava di spiegare il tono delle loro conversazioni.

‘Audace’, ‘avventuroso’, ‘fresco’, ‘ottimista’ possono incarnare al meglio lo spirito di ciò che hanno cercato di ottenere.

Non commettere errori, Biden e Putin affrontano seriamente molti dei gravi problemi che il mondo deve affrontare: attacchi informatici che potrebbero sconvolgere l’economia e armi nucleari che potrebbero spazzare via miliardi di persone se non gestite con cura.

Tuttavia, entrambi si avvicinano a loro con un senso di responsabilità condivisa.

Forse le cicatrici e la cautela che derivano dall’accumulare 60 anni nella vita pubblica sono tra di loro. Ma è sorprendentemente diverso nel suo tono chiassoso tipo Donald Trump di picchi di “intrattenimento”, che ha elevato a forma d’arte con Kim Jong-un a Singapore, in Vietnam e al confine nord-sud.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, a sinistra, e il presidente russo Vladimir Putin, a destra, si incontrano all'inizio del vertice USA-Russia
Le due parti hanno detto che si aspettavano di incontrarsi per quattro o cinque ore, ma hanno trascorso meno di tre ore insieme.(

Afp: Dennis Balibos / Paul Photo

)

Un tocco di apparente umiltà è un buon punto di partenza per l’attuale gruppo al Cremlino e alla Casa Bianca per risolvere i loro problemi nei prossimi anni.

Una scintilla di speranza nei suoi occhi

A parte la brutta rissa tra i media russi e americani – istigati da guardie di sicurezza temprate che mancano del senso dell’occasione all’opportunità della foto di apertura – attraverso i numeri, Ginevra sembra aver tracciato una rotta per le relazioni al momento del regolamento.

L’incontro ufficiale, a cui hanno partecipato presidenti, ministri e consiglieri, è durato meno di 160 minuti, in due sessioni separate.

Sono stati formati gruppi di lavoro sulla sicurezza informatica, che Putin definisce “molto importante”, nonché un gruppo per il controllo degli armamenti nucleari e un terzo per un eventuale scambio di prigionieri.

E in un momento relativamente raro di scrutinio per un “tiranno”, Putin si è aperto a quasi un’ora di domande dai media russi e di lingua inglese dopo il vertice.

Vladimir Putin siede a una scrivania davanti alle bandiere cinese e russa, applaudendo e sorridendo.
La Russia ha detto in precedenza che non avrebbe tenuto conferenze dagli Stati Uniti, un paese che descrive come avente molti dei suoi problemi di diritti umani.(

Sergey Ilyin, Sputnik, Kremlin Pond, foto da The Associated Press

)

Le sue risposte sono state illuminanti.

Alla domanda se le relazioni con gli Stati Uniti, che hanno raggiunto una bassa scogliera, possano ora essere entrate in una nuova era dopo la stretta di mano di Biden, la risposta del presidente è stata tanto franca quanto desolante.

Tradotto approssimativamente dal termine russo, era il modo di Putin di dire nel lago di Ginevra: “Non andare a caccia delle cascate”. Atteniamoci ai corpi idrici a cui siamo abituati.

Tuttavia, non era del tutto entusiasta delle prospettive di alcuni rapporti di lavoro con Biden.

“Non è certo una sorta di fiducia familiare, ma penso che ci sia un barlume di speranza nei suoi occhi”, ha detto.

Ciò non significa che il presidente degli Stati Uniti sia confuso sulla strada da percorrere.

“So che c’era un sacco di clamore intorno a questo incontro, ma è molto chiaro per me – non c’è alcun sostituto per incontri faccia a faccia tra i leader, niente”, ha detto.

Biden ha concluso che: “C’è un reale potenziale per migliorare drasticamente le relazioni tra i nostri due paesi senza compromettere una sola cosa basata sui nostri principi e valori” e ha dichiarato: “Ho fatto quello per cui sono venuto”.

Il leader americano è più interessato alle basi del suo rapporto di lavoro con Putin che a progetti specifici consegnati a funzionari della sicurezza nucleare e allo scambio di prigionieri online.

Joe Biden indossa un abito nero e sorride davanti alla bandiera americana.
A marzo, Biden ha convenuto in un’intervista che Putin era un “assassino”.(

Afp: Fabrice Cuvrini

)

A suo avviso, se si devono fare progressi su questi tre progressi, devono essere compiuti entro mesi.

Restano i rischi di un congelamento più profondo nelle relazioni

Nei loro colloqui più rapidi del previsto, durati più di due ore e mezza, Biden ha insistito sul fatto di non aver fatto “nessuna minaccia” a Putin, perché i russi capiscono molto bene che: “Evidentemente non è nell’interesse di nessuno, del tuo paese o mio, essere in grado di essere in una nuova guerra fredda.”

Tuttavia, secondo il resoconto generale di Biden, i pericoli di scivolare in un congelamento più profondo sono sempre presenti.

In virtù delle “linee rosse” che traccia sulle tensioni lungo i confini meridionali e non della Russia, che insiste per non essere attraversate, il presidente si lascia nella stessa posizione dettata dalla politica estera di Barack Obama in Medio Oriente — credibilità americana e poi smette di usare il suo potere quando le linee vengono attraversate.

Almeno in termini di attacchi informatici dilaganti e criminali che lanciano furti di ransomware, la volontà di esercitare il potere americano è chiara piuttosto che implicita.

“Gli ho segnalato che abbiamo grandi capacità informatiche e lui lo sa”, ha detto.

“Lui non sa cosa sia esattamente, ma è importante.

“Se effettivamente infrangono le regole di base, risponderemo online, lo sa”.

In altre parole: possiamo litigare di merda come fate voi, se davvero volete andarci.

Putin dovrebbe già sapere, dopo gli attacchi informatici statunitensi, che abbiamo familiarità, almeno, con l’Iran e la Corea del Nord.

Aree riservate

Anche i russi hanno le loro “linee rosse” e i diritti umani non sono negoziabili.

Nonostante abbia concesso una lunga – e controversa nei circoli dei media russi – intervista alla rete statunitense NBC prima di Ginevra, far capire agli americani il suo pensiero sulla libertà di parola e sulle libertà politiche sarebbe stato impossibile per Putin.

Ad ogni domanda sul leader dell’opposizione in carcere Alexei Navalny, Putin risponde che il suo potenziale rivale ha sfacciatamente infranto la legge e che gruppi come lui hanno il sostegno degli Stati Uniti.

Un uomo di mezza età con una camicia blu si mise la mano destra sulla testa
Washington ha criticato Mosca per il trattamento e l’avvelenamento di Navalny e dice che dovrebbe essere rilasciato.(

Afp: Alexander Zemlanichenkolan

)

Per aiutare i non russi a capire, ha persino fatto un confronto con l’assedio di gennaio del Campidoglio degli Stati Uniti o con i movimenti di protesta Black Lives Matter dell’anno scorso, in modo che gli occidentali possano capire le conseguenze del lasciare liberi i dissidenti canaglia.

Chi vince?

Un po’ come una coppia tornata a casa dal primo appuntamento, sui voli per Washington e Mosca, i due presidenti devono pensare “cosa succede dopo?” Domanda.

Le telefonate sono ponderate. Gli inviti alla Casa Bianca o al Cremlino non lo sono.

Caricamento in corso

Putin sarebbe tornato a casa indossando gli occhiali da sole da aviatore di alta qualità realizzati nel Massachusetts che Biden ha regalato al suo collega presidente in quella giornata calda e appiccicosa a Villa La Grange.

Biden è visto indossarne un paio quasi ogni giorno.

Buono per tutti i riflessi a 10.000 piedi. Ma, per un “tiranno”, probabilmente non aiuta vedere il mondo nel modo in cui lo vede il suo avversario democratico.

READ  L'Egitto conferma la perdita della città d'oro trovata a Luxor durante la missione di Tutankhamon