Maggio 22, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Mentre Barbados celebra la sua trasformazione in una repubblica, questo è ciò che significa per l’Australia

Pierre ha detto a SBS News che il paese caraibico è un “buon esempio” per l’Australia, dimostrando che è possibile passare a una repubblica mantenendo relazioni “amichevoli” sia con la monarchia britannica che con il Regno Unito.

“Vediamo [Australia becoming a republic] Allo stesso modo, accogliamo con favore il cambiamento il prima possibile e vorremmo poterlo fare anche quando la regina Elisabetta è ancora sul trono, in modo da poterla ringraziare per il suo servizio mentre avanziamo come nazione completamente indipendente.

Barbados dichiara la propria indipendenza dalla monarchia britannica


L’Australia ha tenuto un referendum sull’opportunità di diventare una repubblica nel 1999, con il 45,13 percento che ha votato “sì” per interrompere i legami con la monarchia britannica e il 54,87 percento che ha votato “no”.

Pierre ha affermato che il movimento per una repubblica australiana “ha visto riemergere il sostegno” negli ultimi anni.

“[Australians are] Vedono che il regno della regina Elisabetta sta volgendo al termine, e guardano al futuro e lo guardano [a future] King Charles, e sta pensando che possiamo fare di meglio come nazione.

Il principe Carlo partecipa a un incontro con l'allora governatore delle Barbados Sandra Mason.

Fonte: GT


Il difensore nazionale australiano della monarchia costituzionale David Flint ha affermato che il movimento repubblicano “non dovrebbe cercare conforto in ciò che è accaduto alle Barbados”.

Invece, dovrebbero mantenere la promessa di svelare il loro modello per la Repubblica australiana quest’anno. Ci stanno seduti sopra da 22 anni.

Caro Moret Miranda, docente associato di afrodiscendenti e storia africana presso l’Australian National University, ha dichiarato a SBS News che in quanto cubana era “molto felice che un’isola caraibica come Barbados sia stata in grado di ottenere la sua repubblica”.

READ  Il ponte di Pittsburgh crolla poche ore prima della visita programmata di Biden per parlare delle infrastrutture

Il dottor Moret Miranda ha affermato che la mossa delle Barbados è “incredibile, non solo per i Caraibi, ma soprattutto in termini di significato che ha per le comunità nere e la popolazione nera delle Barbados”.

Per saperne di più

La nazione insulare di quasi 300.000 persone lotta ancora con l’eredità del colonialismo britannico, inclusa una brutale storia di 200 anni di schiavitù.

Il dottor Maurit Miranda ha affermato che l’abbraccio dell’indipendenza della nazione ha avuto “un significato per il resto delle monarchie parlamentari” in tutto il mondo, inclusa l’Australia, e ha rappresentato una “nuova fase” per l’Impero britannico.

Il Dr. Karu Moret Miranda insegna storia africana e africana all'Australian National University.

Fonte: anu.edu.au


Il dottor Murit Miranda ha affermato che la lotta per l’indipendenza delle Barbados ha avuto anche differenze chiave con il movimento repubblicano in Australia a causa del ruolo centrale svolto dalla popolazione nera del paese, molti dei quali discendono direttamente dagli schiavi.

“Che cosa sta succedendo [in Australia]Non sto dicendo che non sia così importante, ma è sicuramente un po’ diverso. Perché quando guardiamo alle Barbados, vediamo ancora che c’è un tipo di connessione molto stretta tra i momenti coloniali, la lotta per la libertà e quando cambiamo rotta, ci connettiamo immediatamente con la schiavitù”.

“La pretesa di Barbados è così legata al luogo, così legata al patrimonio, e questo è qualcosa che mi manca nell’affermare che [the republic movement in] L’Australia sta cercando di imporsi qui.

“Questo recupero della memoria e del patrimonio, è qualcosa che penso dovrebbe essere più presente nel caso dell’Australia”.

READ  La madre di Boris Johnson, Charlotte Johnson Wahl, muore all'età di 79 anni

Il dottor Maurit Miranda ha affermato che è “importante” che il principe Carlo partecipi alla cerimonia di martedì in modo che “una parte della corona britannica sia presente” per celebrare questo momento simbolico.

La signora Sandra Mason (a sinistra) è la prima donna di colore a ricoprire un incarico nei Caraibi.

Fonte: Agenzia di stampa Francia


È stato anche significativo, ha detto, che le Barbados siano diventate il primo paese caraibico ad avere una donna nera come capo di un paese caraibico, con l’ex governatore generale Sandra Mason che ha sostituito la regina Elisabetta II come capo di stato delle Barbados.

Quello che accadrà nei Caraibi dopo la massiccia trasformazione delle Barbados sarà “molto importante da studiare per gli storici”.

Mentre altre nazioni caraibiche come la Giamaica sono rimaste attaccate alla monarchia britannica, il dottor Maurit Miranda ha affermato: “Nel caso delle Barbados, sarebbe una novità, avevano deciso di diventare una repubblica con tutte le conseguenze”.

“Volevano abbracciare questa completa indipendenza. Ma volevo ancora sapere come l’avrebbero risolto [key issues]soprattutto questioni economiche.