Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Meghan e il principe Harry hanno discusso di trasferirsi in Nuova Zelanda nel 2018, ha detto il governatore generale | Meghan, duchessa del Sussex

Il rappresentante della Regina in Nuova Zelanda ha affermato che il principe Harry e Meghan hanno discusso di trasferirsi nel paese del Sud Pacifico durante la loro visita del 2018, più di un anno fa. La coppia si è ritirata dai propri doveri reali e si trasferì negli Stati Uniti.

Il governatore generale Patsy Reddy ha dichiarato: “Ricordo che erano appena andati all’Abel Tasman National Park quando ci siamo seduti e abbiamo bevuto qualcosa, e hanno detto che potevano immaginare di vivere in un posto come questo e ci siamo chiesti se pensavamo che sarebbe stato possibile in teoria È anche possibile che abbiano un posto in Nuova Zelanda.

“Certo, abbiamo detto sicuro. Andrebbe bene. Ci sono molte opportunità di vivere in Nuova Zelanda, ma questo sarebbe qualcosa che avrebbero dovuto esplorare”, ha detto Reddy.

Reddy, 67 anni, lascerà il suo ruolo prevalentemente cerimoniale di regina in Nuova Zelanda a ottobre dopo un periodo di cinque anni. Reddy, un avvocato noto soprattutto per i suoi servizi nel campo delle arti e degli affari, ha firmato formalmente le fatture, ha presieduto a diverse cerimonie pubbliche e ha girato il paese.

Ha anche detto all’Associated Press in un’intervista che credeva che il monarca britannico dovesse rimanere il capo di stato della Nuova Zelanda e ha descritto le lettere scritte a mano che invia alla regina.

Harry e Megan visitato la Nuova Zelanda Nel 2018 alla fine di un frenetico tour reale di 16 giorni nel Sud Pacifico, Reddy ha menzionato la coppia come stanca.

Reddy ha detto che non vede il discorso sul trasferimento come una richiesta formale di aiuto, ma piuttosto come una discussione informale sulle speranze della coppia per il futuro. Ha detto che la coppia sembrava apprezzare l’accessibilità della vita all’aria aperta e la loro interazione con i neozelandesi.

Il principe Harry e Meghan, duchessa del Sussex, salutano il pubblico durante la loro visita al Te Papayaro Marai a Rotorua, in Nuova Zelanda. Foto: Kirsty Wigglesworth/AP

Tuttavia, la discussione mostra che la coppia stava valutando opzioni al di fuori della Gran Bretagna meno di sei mesi dopo il matrimonio e molto prima di trasferirsi negli Stati Uniti.
Attraverso Intervista ampiamente seguita con Oprah Winfrey Vicino alla casa della coppia in California all’inizio di quest’anno, il principe Harry e Meghan, la duchessa del Sussex, hanno riferito di aver offerto ai reali un passo indietro dalla vita reale in un paese del Commonwealth come il Sudafrica o la Nuova Zelanda.

Reddy ha detto di aver visto l’intervista ma di non voler commentare il funzionamento interno della famiglia reale. “Pensavo che fossero una bella coppia e spero che abbiano un futuro meraviglioso dove sono”, ha detto Reddy.

Ha detto che esprime regolarmente le sue opinioni confidenziali su ciò che sta accadendo in Nuova Zelanda alla Regina, come la risposta della nazione alla pandemia. Ha detto che la comunicazione è “vecchio in un modo molto commovente, tramite messaggistica”.

“Lei mi ha detto nelle volte che l’ho vista che trova interessante avere una prospettiva personale su quello che sta succedendo”, ha detto Reddy. “Come dici tu, mi piace sapere cosa succede tra le righe.”

Molte persone in Nuova Zelanda credono che il paese dovrebbe diventare una repubblica indipendente, ma Reddy ha detto che crede che la regina dovrebbe rimanere capo di stato perché l’accordo funziona e ha forti legami storici.

Ha detto che la Nuova Zelanda ha un legame speciale con la monarchia perché il suo documento fondatore, il Trattato di Waitangi, è stato firmato da Maori e dal rappresentante della regina Vittoria.

In risposta a una domanda sullo scenario futuro in cui il re potrebbe trasformarsi in un dittatore o autoritario, Reddy ha affermato che lo stesso scenario con un presidente eletto sarebbe probabilmente peggiore.

“Abbiamo visto come non funziona in altri paesi del mondo”, ha detto. “Ma in realtà, dal momento che il re è più un costrutto teorico, un prestanome piuttosto che un vero sovrano, penso che ci dia una misura di integrità e sicurezza costituzionale”.

Ardern ha nominato l’avvocato difensore dei diritti dei bambini Cindy Kerro come successore di Reddy. Kero, anche lei donna, è la prima donna aborigena ad essere nominata in questa posizione.

READ  Delhi e Mumbai hanno chiuso con infezioni giornaliere raddoppiate a 200.000 in 10 giorni