Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Medaglia d’argento dell’amica di Jesse Owens Luz Long all’asta

Nell’arena delle aste c’è una delle più importanti medaglie olimpiche mai assegnate: la medaglia d’argento vinta nel 1936 dal tedesco Luz Long, il saltatore in lungo che passò il braccio attraverso il campo con Jesse Owens per celebrare le loro vittorie mentre Adolf Hitler osservava dagli spalti.

La famiglia Long decise Per vendere la medaglia all’asta E altri oggetti da collezione della Marcia volante tedesca. Long fu ucciso nella seconda guerra mondiale nel 1943.

La casa d’aste che vende la medaglia ha etichettato Long come “The Beacon of Hope”.

“Sembra che la storia di Jesse Owens non finisca mai”, ha detto la nipote di Long, Julia Kellner Long, in un’intervista telefonica dalla sua casa di Monaco. “Mio nonno è sempre stato un’ispirazione e un’influenza nel modo in cui scelgo di vedere il mondo, ed è qualcosa di cui credo che il mondo esterno abbia bisogno. Ora più che mai. Ci dà speranza”.

Si è affermato da tempo nella tradizione olimpica durante i Giochi di Berlino, quando è stato il primo a congratularsi con Owens per la sua vittoria nel salto in lungo. Più tardi hanno camminato insieme per lo stadio e Ho posato per le foto.

C’è anche una storia che Owens ha raccontato di Long che si è avvicinato a lui dopo aver saltato i suoi primi due tentativi di round preliminare. Con solo un altro tentativo di raggiungere la finale, Owens ha detto che Long gli ha suggerito di slogarsi il piede davanti al tabellone, per assicurarsi che non avrebbe perso il suo ultimo tentativo. Owens ha seguito questo consiglio e ha continuato a vincere il titolo – uno dei quattro prigionieri di guerra a Berlino – con un record olimpico di salto di 8,06 metri (26 piedi, 5 1/2 pollici).

READ  Le Ultime: L'Olanda vince il terzo posto consecutivo a Euro 2020 | Gli sport

Owens era nero e si diceva che il suo sensazionale successo in quelle Olimpiadi avesse sconvolto Hitler perforando il mito nazista della superiorità razziale ariana.

Il cameratismo tra Owens e Long, e il rapporto che si è sviluppato tra gli uomini e le loro famiglie, è spesso visto come il primo esempio di ciò che dovrebbero essere le Olimpiadi: un incontro pacifico tra persone di paesi e culture diverse. Le loro differenze da parte nello spirito di competizione.

Ci è voluto molto coraggio per fare amicizia con me”, ha detto Owens anni dopo. “Puoi sciogliere tutte le medaglie e le tazze che possiedo e non sarà un lamento per l’amicizia a 24 carati che ho sentito con Luz Long in quel momento. Hitler deve essere impazzito guardandoci abbracciare”.

La decisione di vendere è arrivata poco dopo la morte del figlio di Luz (e padre di Julia), Kay, all’età di 80 anni. Kellner Long ha affermato che la principale responsabilità di preservare i cimeli di suo nonno dovrebbe essere trasferita a un individuo, o un museo, che ha il tempo e le risorse per farlo. La famiglia voleva anche utilizzare la vendita per dare vita alla storia di Long e Owens.

“Anche 86 anni dopo, illuminare un faro di speranza è un valore importante e che fa riflettere, soprattutto in un momento in cui il razzismo, l’esclusione e l’odio sono in aumento”, ha affermato Kellner-Long.

La casa d’aste ha iniziato a fare offerte per la medaglia di Long a $ 50.000 e ha stimato il valore tra $ 500.000 e $ 1 milione. L’asta durerà fino al 15 ottobre. Il valore delle medaglie olimpiche sul mercato aperto varia notevolmente. Una delle quattro medaglie d’oro di Owens del 1936 ha guadagnato $ 1,46 milioni. La medaglia d’oro di Bill Russell alle Olimpiadi del 1956 è stata recentemente venduta per $ 587.500.

READ  Novak Djokovic apre le finali ATP sconfiggendo Casper Ruud

La medaglia riguarda Long, ma è anche “la storia del coraggio, dell’atleta e di ciò che ha fatto lì”, ha detto David Koehler di SCP Auctions, che sta effettuando la vendita.

Non visse abbastanza a lungo per vedere la sua eredità giocarsi. Fu ucciso nel 1943 nella battaglia di San Pietro nell’isola italiana della Sardegna. Poco prima, scrisse una lettera a Owens, aspettandosi che fosse “l’ultima lettera che scriverò”.

In esso, Long chiese a Owens di andare in Germania dopo la guerra e trovare suo figlio.

“Digli, Jesse”, scrisse Long, “quali erano i tempi in cui la guerra non era separata”. “Io dico: digli come possono essere le cose tra le persone su questa terra.”

Owens e Kai Long si sono incontrati molte volte nel corso degli anni, incluso allo Stadio Olimpico di Berlino nel 1966. Owens è stato in seguito il testimone del matrimonio di Kai.

___

Altri sport AP: https://apnews.com/hub/sports e https://twitter.com/AP_Sports