Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

McAuliffe e Youngkin in corsa per il governatore

Le gare serrate del sovrano si sono svolte in Virginia E il New Jersey martedì in ritardo con i candidati democratici poco più avanti dei loro rivali repubblicani negli Stati Uniti Presidente Joe Biden È stato facilmente preso più di un anno fa.

Verso mezzanotte, le elezioni erano ancora molto presto. Con l’avanzare del conteggio dei voti, entrambe le gare sembravano essere dure.

In Virginia, il democratico Terry McAuliffe si è rivolto ai suoi sostenitori nella periferia di Washington, promettendo di “contare tutti quei voti”.

Terry McAuliffe, il candidato democratico alla carica di governatore della Virginia, parla durante un evento notturno elettorale a McLean, in Virginia. (Bloomberg)

Kristen Davison, assistente del repubblicano Glenn Youngkin, è apparsa sul palco in un evento separato e ha affermato che la sua campagna continuerà a tenere traccia dei voti in arrivo, ma è soddisfatta di come le cose sembrano andare.

Nel frattempo, nel New Jersey, il governatore Phil Murphy stava cercando di vincere la rielezione contro Jack Ciatarelli, un ex deputato repubblicano, in una gara che era troppo presto per indire.

In caso di successo, Murphy sarà il primo democratico ad essere rieletto governatore dello stato in 44 anni.

Tuttavia, i risultati della serata possono alla fine essere interpretati come un giudizio anticipato per Biden, che ha conquistato la Virginia lo scorso anno con un comodo margine di 10 punti e ha vinto facilmente il New Jersey.

La vicinanza delle razze del sovrano indica quanto siano cambiate le sorti politiche del suo partito in un breve periodo.

Campagna di banner accanto a uno stand durante un evento notturno elettorale per Glenn Yongkin.
Campagna di banner accanto a uno stand durante un evento notturno elettorale per Glenn Yongkin. (Bloomberg)

La Casa Bianca è stata scossa negli ultimi mesi dal caotico ritiro delle forze statunitensi dall’Afghanistan, una ripresa economica a volte lenta nel mezzo della pandemia e un’agenda legislativa che rischia di bloccarsi a Capitol Hill.

La perdita in Virginia, che ha virato verso i Democratici per più di un decennio, acuirà in particolare il senso di ansia all’interno del partito che si avvia alle elezioni di medio termine del prossimo anno, quando è in gioco il controllo del Congresso.

Ma Biden ha espresso ottimismo durante la serata, riconoscendo che “l’anno è sempre inaspettato”.

“Penso che vinceremo in Virginia”, ha detto Biden in una conferenza stampa in Scozia, dove stava partecipando al vertice internazionale sul clima.

“Non posso credere – e non ho visto alcuna prova di – se sto facendo bene o male e se la mia agenda è passata o meno avrà un impatto reale sulla vittoria o sulla perdita”.

Altrove, il democratico Eric Adams ha vinto le elezioni per il sindaco di New York, sconfiggendo una votazione promossa dai principali progressisti nazionali a Minneapolis.

Segni di sostegno dell'ultimo minuto per il governatore Glenn Yongkin sono collocati nel campus di Bayside di sesta elementare.
Segni di sostegno dell’ultimo minuto per il governatore Glenn Yongkin sono collocati nel campus di Bayside di sesta elementare. (AFP)

Ha cercato di rimodellare la polizia della città, dove l’uccisione di George Floyd lo scorso anno ha portato a vaste manifestazioni per la giustizia razziale in tutto il paese.

Ma nessun’altra razza ha ricevuto il livello di attenzione che ha avuto la campagna del governatore della Virginia.

Ciò è in parte dovuto al fatto che tali concorsi in molti stati hanno talvolta dimostrato la frustrazione degli elettori con un nuovo partito al potere, prefigurando un’importante svolta al Congresso l’anno successivo.

Nel 2009, durante il primo anno in carica del presidente Barack Obama, la vittoria del repubblicano Bob McDonnell in Virginia è stata un’anticipazione della disastrosa sessione di medio termine per i democratici, che hanno perso più di 60 seggi alla Camera l’anno successivo.

La carta più alta del repubblicano della Virginia presentava un uomo bianco in Mr.

Il sondaggio AP VoteCast, un sondaggio elettorale in tutto lo stato, mostra che circa la metà dei Virginiani ha opinioni positive su Youngkin, rispetto al 55% che ha affermato di avere opinioni sfavorevoli su Trump, suggerendo che il candidato repubblicano alla carica di governatore ha preso le distanze con successo. ex presidente.

Le bandiere degli Stati Uniti e della Virginia vicino al podio durante un evento notturno elettorale per Terry McAuliffe.
Le bandiere degli Stati Uniti e della Virginia vicino al podio durante un evento notturno elettorale per Terry McAuliffe. (Bloomberg)

Trump ha appoggiato Yongkin ma non è apparso con lui di persona, sebbene il partito sia ancora dominato dall’ex presidente.

Al contrario, McAuliffe ha fatto una campagna con le migliori star nazionali del suo partito, incluso Biden, la cui ultima visita in Virginia è arrivata una settimana prima del giorno delle elezioni.

VoteCast ha scoperto che Biden è sott’acqua, con il 48 percento degli elettori della Virginia che approva le sue prestazioni lavorative rispetto al 52 percento che disapprova, in particolare in uno stato in cui ha vinto così facilmente.

VoteCast ha anche scoperto che Yongkin stava facendo piccoli guadagni nei sobborghi, rimanendo competitivo con McAuliffe dopo che circa sei elettori su 10 nelle stesse aree hanno sostenuto Biden su Trump lo scorso anno.

Il candidato democratico alla carica di governatore Terry McAuliffe parla a un evento elettorale in Virginia.
Il candidato democratico alla carica di governatore Terry McAuliffe parla a un evento elettorale in Virginia. (AFP)

A Norfolk, lungo la costa atlantica dello stato, la ventinovenne Cassandra O’Gren ha dichiarato di aver votato per McAuliffe in parte a causa del suo sostegno ai diritti all’aborto e alla preoccupazione per le restrizioni recentemente emanate in Texas, dove una nuova legge spesso vieta la procedura.

Ma è stato anche guidato dai legami di Yongkin con Trump.

“Chiunque appoggi il presidente Trump non è qualcuno che voglio rappresentare”, ha detto O’Gren.

VoteCast ha scoperto che gli elettori in Virginia vedono l’economia come il problema numero uno della corsa, seguita dalla pandemia di coronavirus e dalle scuole.

L’importanza attribuita da molti elettori alle scuole sembrava una buona notizia per Youngkin.

Il suo impegno per garantire che i genitori abbiano più voce in capitolo su ciò che i loro figli imparano è stato una pietra angolare della sua campagna e potrebbe prefigurare argomenti simili che i candidati del GOP in tutto il paese utilizzeranno l’anno prossimo.

I sostenitori del candidato repubblicano per il governatore Glenn Yongkin si radunano a una festa notturna elettorale.
I sostenitori del candidato repubblicano per il governatore Glenn Yongkin si radunano a una festa notturna elettorale. (AFP)

Youngkin ha denunciato la “teoria critica della razza”, una struttura accademica che enfatizza l’idea che il razzismo è sistemico nelle istituzioni di una nazione e che lavorano per mantenere la supremazia bianca.

Negli ultimi mesi, è diventata una parola d’ordine politica generale per qualsiasi insegnamento scolastico sulla razza e la storia americana.

La questione ha guadagnato più peso dopo che il signor McAuliffe ha detto durante un dibattito: “Non credo che i genitori dovrebbero dire alle scuole cosa dovrebbero insegnare”.

Bennett White, 24 anni, un elettore a Yongkin, Norfolk, ha detto che non voleva che “la nostra prossima generazione di leader vedesse i loro coetanei in termini di razza”.

“Voglio solo assicurarmi che mia madre sia al sicuro in classe, che i suoi ideali e quelli di tutti siano protetti e che non ci rivolgiamo alle accademie per il lavaggio del cervello”, ha detto White, la cui madre è un’insegnante.

READ  Bombe di escrementi Alla donna britannica, ad Amanda Lee è vietato defecare in pubblico