Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Mattia Binotto: il team principal Ferrari se n’è andato perché il secondo posto “non basta”, dice Stefano Domenicali

Mattia Binotto ha annunciato le sue dimissioni da caposquadra Ferrari dopo tre stagioni alla guida della squadra italiana. Binotto era sotto forte pressione dopo una deludente seconda metà della stagione 2022, con la Ferrari che è arrivata seconda di poco alla Red Bull

Ultimo aggiornamento: 01/12/22 08:26

Mattia Binotto si è dimesso da caposquadra Ferrari

Mattia Binotto ha lasciato la Ferrari perché finire secondo “non era abbastanza” per il team italiano, secondo il capo della F1 ed ex capo della Ferrari Stefano Domenicali.

La Ferrari ha annunciato martedì che il regno triennale di Binotto come manager della squadra più popolare della Formula 1 terminerà dopo che ha rassegnato le dimissioni, a seguito di molte speculazioni sul licenziamento del 53enne.

La Ferrari sembrava essere in lizza per porre fine alla sua lunga attesa per i titoli dopo un buon inizio della stagione 2022, ma non è riuscita a vincere nessuna delle ultime 11 gare della stagione a causa della perdita di prestazioni e ha concluso molto indietro al secondo posto della Red Bull. Campionato Costruttori.

“Quando sei secondo con la Ferrari, è qualcosa che non basta”, ha detto Domenicali a Sky Sports News.

“Non voglio entrare nella dinamica della squadra, voglio assolutamente augurargli il meglio per il suo futuro”.

Craig Slater di Sky Sports News sta valutando chi potrebbe sostituire il capo della Ferrari Mattia Binotto, che lascerà il team alla fine dell'anno.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

Craig Slater di Sky Sports News sta valutando chi potrebbe sostituire il capo della Ferrari Mattia Binotto, che lascerà il team alla fine dell’anno.

Craig Slater di Sky Sports News sta valutando chi potrebbe sostituire il capo della Ferrari Mattia Binotto, che lascerà il team alla fine dell’anno.

Binotto si dimetterà il 31 dicembre mentre il team prevede di nominare un sostituto per lui all’inizio del 2023, e Sky Sports News capisce che Frederic Vasseur, il capo dell’Alfa Romeo legato alla Ferrari, si unirà a loro.

Sebbene il team italiano alla fine non avesse il ritmo per competere con la Red Bull, la combinazione di problemi di affidabilità e frequenti errori strategici ha messo sotto pressione Binotto, con voci emerse prima della fine della stagione ad Abu Dhabi che sarebbe stato esonerato.

All’epoca, la Ferrari disse che le notizie secondo cui Binotto era stato licenziato erano “totalmente prive di fondamento”, ma meno di due settimane dopo quella smentita, il team rilasciò una dichiarazione che confermava la sua partenza.

“Sono stato nella stessa posizione per molti anni e gli auguro di rimanere concentrato e di credere in se stesso”, ha detto Domenicali, che è stato il team principal della Ferrari dal 2008 al 2014.

Con Mattia Binotto che si è dimesso dalla carica di team principal della Ferrari, dai un'occhiata ad alcuni dei più grandi errori strategici della sua squadra della stagione 2022 di F1

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

Con Mattia Binotto che si è dimesso dalla carica di team principal della Ferrari, dai un’occhiata ad alcuni dei più grandi errori strategici della sua squadra della stagione 2022 di F1

Con Mattia Binotto che si è dimesso dalla carica di team principal della Ferrari, dai un’occhiata ad alcuni dei più grandi errori strategici della sua squadra della stagione 2022 di F1

E ovviamente, d’altra parte, spero che la Ferrari trovi la soluzione giusta per rimanere in pista perché ha fatto un grande recupero da dove era due anni fa.

“Abbiamo bisogno che la Ferrari sia competitiva e abbiamo bisogno di una buona squadra, una squadra forte e piloti forti per lottare contro gli altri e questa è la realtà che spero di raggiungere”.

Domenicali, che ha appena completato la sua seconda stagione come amministratore delegato di F1, si dice ottimista che la Ferrari possa far parte di una lotta per il titolo a tre con Red Bull e Mercedes la prossima stagione.

“Questo è il sogno”, ha detto Domenicali. “Non è un sogno, è più un sogno, credo che accadrà.

Naomi Schiff afferma che il presunto malcontento di Charles Leclerc nei confronti di Mattia Binotto non avrebbe avuto un ruolo nella partenza del team principal dalla Ferrari

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

Naomi Schiff afferma che il presunto malcontento di Charles Leclerc nei confronti di Mattia Binotto non avrebbe avuto un ruolo nella partenza del team principal dalla Ferrari

Naomi Schiff afferma che il presunto malcontento di Charles Leclerc nei confronti di Mattia Binotto non avrebbe avuto un ruolo nella partenza del team principal dalla Ferrari

“Sono sicuro che ci saranno più squadre a lottare per il primo posto e anche per altre posizioni.

“L’obiettivo e la speranza è che sarà l’ultima gara con la lotta giusta, la giusta lotta sportiva e tutte le condizioni sono a posto.

“Sono sicuro che tutti stanno aspettando la prima gara in Bahrain”.

Häkkinen dubita dell’influenza di Leclerc sulla partenza di Binotto

L’ex campione del mondo Mika Häkkinen ha detto di dubitare che una disputa personale tra il pilota della Ferrari Charles Leclerc e Benotto abbia portato alla partenza di quest’ultimo.

Si è ipotizzato che Leclerc, che sembrava essere in lizza per il campionato all’inizio della stagione prima che la sua sfida a Max Verstappen svanisse, voglia eliminare Binotto.

Mika Häkkinen sospetta che Charles Leclerc abbia avuto un ruolo nella partenza di Mattia Binotto dalla Ferrari

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

Mika Häkkinen sospetta che Charles Leclerc abbia avuto un ruolo nella partenza di Mattia Binotto dalla Ferrari

Mika Häkkinen sospetta che Charles Leclerc abbia avuto un ruolo nella partenza di Mattia Binotto dalla Ferrari

Tuttavia, Häkkinen, che ha vinto i campionati del mondo nel 1998 e nel 1999, afferma che rispettare il lavoro di qualcuno è molto più importante che continuare a farlo.

“Non lo so”, ha detto Hakkinen. Sky Notizie Sportive. “Ho sempre pensato quando correvo, non è una questione se ti piace qualcuno, è una questione di quanto sono bravi, quanto sono impegnati, quanto sono intelligenti, quanto sono intelligenti – questo è ciò che conta.

“Non importa se ti piacciono o no, non interferisce con il tuo successo.

“Devi lavorare in una squadra, devi rispettare il talento delle persone, le loro conoscenze, il loro impegno per lo sport, quindi dubito che sia una storia vera.

Häkkinen afferma che i regolamenti dello sport offriranno l'opportunità ad altri piloti di sfidare Max Verstappen nel 2023

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

Häkkinen afferma che i regolamenti dello sport offriranno l’opportunità ad altri piloti di sfidare Max Verstappen nel 2023

Häkkinen afferma che i regolamenti dello sport offriranno l’opportunità ad altri piloti di sfidare Max Verstappen nel 2023

“È molto triste, penso che lui (Binotto) sia un grande personaggio, un bravo ragazzo.

“La Formula 1 è uno sport molto complesso, ci vogliono tre o quattro persone di grande talento per dirigere una squadra e raggiungere il successo. Non è possibile che un solo uomo o una donna gestisca una squadra.

“Ci vogliono un certo numero di persone, personalità diverse e talenti diversi per essere in grado di aggiungere e contribuire al successo di una squadra”.

READ  Calcio in diretta: come vedere le migliori partite del weekend, tra Inter e Atalanta, Arsenal e Tottenham