Luglio 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Matildas vince la partita di apertura delle Olimpiadi di Tokyo contro la Nuova Zelanda dopo la sconfitta della USWNT contro la Svezia خسارة

Matilda ha iniziato la sua campagna olimpica con una splendida vittoria per 2-1 sulla Nuova Zelanda, dopo che la nazionale femminile statunitense ha perso 3-0 contro la Svezia.

I risultati di mercoledì mettono la Svezia in testa al Gruppo G, il più congestionato dalle donne nel sorteggio di calcio, con l’Australia al secondo posto, la Nuova Zelanda al terzo, i vincitori della Coppa del Mondo e gli americani all’ultimo posto.

Dopo alcuni risultati poco entusiasmanti in vista di questo, Matilda ha fatto una solida offerta per aprire il suo conto a Tokyo, con un solido inizio per finire con una vittoria.

I due gol dell’Australia sono arrivati ​​nel primo tempo, con Tamika Yallop e Sam Kerr, con la squadra di Football Fires che è arrivata sul tabellone al 91′ per determinare il recupero.

La squadra di calcio femminile australiana, Matilda, posa con una bandiera aborigena prima della loro prima partita alle Olimpiadi di Tokyo.
L’Australia è al nono posto nel mondo, ma è nello stesso gruppo del numero uno mondiale degli Stati Uniti e della Svezia al numero cinque.(

Afp: Ricardo ancora مازال

)

Matilda ha resistito, ma il finale nervoso era ben diverso da una prestazione dominante nel primo tempo.

Un errore difensivo è emerso al 20′ davanti a Kyah Simon, che ha stretto la palla a Kerr e un primo tocco pulito che ha portato Yallop in porta, con un tiro potente che ha trafitto le mani del portiere neozelandese Erin Nayler.

C’erano sentimenti contrastanti a casa, mentre la moglie di Yallop, l’ex calciatore Fern Kirsty Yallop, stava guardando con il loro nuovo figlio, Harley.

Caricamento in corso

Matilda ha poi segnato il 2-0 quando il calcio d’angolo di Steve Catley è stato perfettamente posizionato per Kerr per scavalcare Michaela Moore e colpire di testa la traversa, ponendo fine al periodo di cinque partite dell’attaccante.

Gli australiani hanno continuato a pressare, con le principali minacce di Catley, Kaitlin Faure, Emily van Egmond e Kerr, mentre Simon e Ford hanno avuto la possibilità di aumentare il vantaggio nella ripresa ma sono stati trattenuti da Nieler.

La Nuova Zelanda avrebbe potuto, e probabilmente avrebbe dovuto, segnare al 65′ su fallo di Lydia Williams.

Il portiere australiano è inciampato al limite dell’area di rigore quando ha cercato di spingere la palla nella sua zona, ma invece di cercare di sfondare la porta aperta da un’angolazione estrema, la neozelandese Hannah Wilkinson ha preso il cross, ed è stata raccolta da Eli Carpenter. Avvio per la palla per eliminare l’ostacolo.

Alla fine, Fern ha superato la Williams quando ha incoronato Gabe Rainey al suo debutto olimpico.

USWNT ha sorpreso la Svezia

Kristen Press, calciatrice statunitense, si tocca la fronte con la mano mentre si allontana dalla celebrazione degli svedesi.
L’USWNT era in una corsa imbattuta di 44 partite diretta alle Olimpiadi.(

Afp: Ricardo ancora مازال

)

In precedenza, il numero uno del mondo ha sconfitto la squadra nazionale femminile degli Stati Uniti (USWNT) 3-0 per iniziare il suo torneo olimpico.

Gli americani sono rimasti imbattuti 44 sulla strada per Tokyo, la loro ultima sconfitta quasi due anni e mezzo fa – 3-1 contro la Francia il 20 gennaio 2019.

Ma quel record non importava molto agli svedesi, al quinto posto nel mondo, che sembravano più eleganti del parco.

Stena Blackstein ha segnato gol in ciascuno del primo tempo, prima che la subentrata Lina Hurtig segnasse un terzo gol al 72′ per regolare il fantastico risultato.

È stata la seconda vittoria olimpica consecutiva della Svezia sugli Stati Uniti, dopo aver vinto ai calci di rigore nei quarti di finale del 2016 eliminandoli dai Giochi di Rio.

Le migliori due squadre di ciascuno dei tre gironi avanzano ai quarti di finale, con anche le due migliori terze classificate.

READ  Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti invita la Cina alla prima visita nel sud-est asiatico