Gennaio 24, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Mancanza di forniture e incoraggiamento dei lavoratori: un’economia che cambia

I dipendenti di un fast food di Sacramento, indignati per aver lavorato in un ambiente troppo caldo per bassi salari, hanno chiesto più salari e un nuovo condizionatore d’aria, e hanno ottenuto entrambi.

Le richieste si sono riversate su un fornitore di auto italiano, che ha lottato per ottenere forniture sufficienti di tutto, dalla plastica ai microchip, per soddisfare la domanda.

La siccità a Taiwan ha amplificato la carenza globale di chip per computer, che sono così vitali per la produzione di automobili ed elettronica.

L’economia globale non vedeva nulla di simile da decenni. Forse mai.

Dopo anni di inflazione bassissima, i prezzi sono saliti alle stelle nel 2021: al supermercato, alla pompa di benzina, al parcheggio dell’usato e al negozio di mobili.

I lavoratori americani, che avevano lottato per anni per il guadagno economico, chiedevano migliori salari, benefici e condizioni di lavoro – ed erano disposti a smettere se non li ottenevano.

Le catene di approvvigionamento globali che operavano in modo efficiente da anni sono crollate mentre fabbriche, porti e cantieri navali sono crollati sotto il peso della crescente domanda.

Spinta da massicce infusioni di aiuti governativi e dall’ampia distribuzione di vaccini COVID-19, la ripresa economica globale è stata spettacolare quanto la caduta che l’ha preceduta. I politici sono rimasti sorpresi dalla velocità della ripresa e dalle nuove variabili COVID che la minacciavano.

Di ritorno dal baratro

Nella primavera del 2020, l’economia globale era sull’orlo del disastro. La diffusione di COVID-19 ha costretto i blocchi, spaventando le persone a vagare per casa e paralizzando la normale attività.

Nel giugno di quell’anno, il Fondo monetario internazionale prevedeva che l’economia globale si contraesse del 4,9% nel 2020.

Ma i governi delle nazioni più ricche, feriti dalla lenta ripresa dalla crisi finanziaria di poco più di un decennio fa, hanno investito denaro per salvare le loro economie. Gli Stati Uniti sono stati particolarmente aggressivi: hanno fornito $ 5 trilioni di aiuti legati al COVID.

READ  Finale Euro 2020: dove Italia e Inghilterra possono vincere o perdere

Lo stimolo ha contribuito a evitare il disastro. L’economia globale si è contratta nel 2020, ma solo del 3,1%. Il Fondo Monetario Internazionale prevede ora una crescita record del 5,9% per il 2021.

A partire da quest’anno, i vaccini hanno accelerato il ritorno a qualcosa di più vicino alla normale vita pre-pandemia.

Tuttavia, il virus stesso ha continuato a complicare il recupero. Ad esempio, i contagi verificatisi durante l’estate hanno causato il deterioramento dell’economia giapponese: da luglio a settembre si è ridotta a un tasso annuo del 3,6%.

Allo stesso modo, la ripresa degli Stati Uniti ha perso slancio dopo l’eruzione di una variante delta altamente contagiosa durante l’estate. La crescita è rallentata a un tasso annuo del 2,1% in luglio-settembre dal 6,7% nel trimestre aprile-giugno e dal 6,3% nel periodo gennaio-marzo.

Nel complesso, tuttavia, l’economia si è ripresa con una forza sorprendente. Nel giugno 2020, con l’economia ancora in difficoltà, la Federal Reserve ha previsto che la disoccupazione sarebbe stata in media del 9,3% negli ultimi tre mesi dell’anno e del 6,5% alla fine del 2021. Davvero? Il tasso di disoccupazione è sceso dall’11,1% di giugno 2020 al 6,7% di fine anno. Ora è del 4,2%.

confuso

In un certo senso, era un sacco di roba buona.

La forte domanda, in particolare per auto, elettrodomestici e altri beni fisici, ha sopraffatto i produttori globali. Le fabbriche non potevano ottenere abbastanza materie prime e parti. Porti e cantieri navali sono allagati.

I problemi della catena di approvvigionamento sono stati aggravati dall’imprevisto: una siccità a Taiwan che ha ridotto la produzione nelle fabbriche di chip per computer a base d’acqua, un grave congelamento a febbraio che ha paralizzato la produzione petrolchimica in Texas e un’enorme nave portacontainer bloccata nel canale di Suez. Spedizione tra Asia ed Europa.

Le aziende soffrivano di una carenza di tutto ciò di cui avevano bisogno, in particolare i lavoratori.

READ  Il nuovo CEO del Gruppo Davines in Nord America è Alejandro López - WWD

In un ristorante Gotham a Manhattan, ad esempio, i clienti non possono trovare cioccolato artigianale, prendere un hamburger o ordinare ostriche. Gotham non riusciva a trovare abbastanza personale per fare il cioccolato, grigliare o sbucciare le ostriche.

Dall’altra parte dell’Atlantico, MTA, il produttore di componenti per auto che ha sofferto per la prima volta del blocco dell’Italia nel febbraio 2020, ha riaperto nel giro di una settimana e ha chiuso il 2020 con un’attività inaspettatamente sana. Ma la ripresa ha generato nuovi problemi.

Manca tutto”, ha affermato Maria Vittoria Falchetti, chief marketing officer dell’azienda. “Manca la plastica. Manca il metallo. Manca la carta. Microchip, non menzionarlo nemmeno.”

A sud di Shanghai, Kaixiang Electric Appliance Co., Ltd. Ltd., che produce luci e lampade a LED a Ningbo, pagherà il 20% in più nel 2021 per manodopera, materiali e complicazioni dovute a colli di bottiglia nella spedizione. “L’attuale ritardo nella consegna è di circa un mese o due”, ha affermato Susan Yang, CEO della società di 80 dipendenti.

I colli di bottiglia della catena di approvvigionamento stanno facendo aumentare i costi, contribuendo a un problema che la maggior parte dei paesi ricchi non ha dovuto affrontare da anni: l’inflazione elevata. Il Fondo Monetario Internazionale prevede che i prezzi al consumo nelle economie avanzate aumenteranno del 2,8% quest’anno. Questo sarà il tasso più alto dal 2008.

Il mese scorso, i prezzi al consumo statunitensi sono aumentati del 6,8% rispetto ai 12 mesi precedenti, il più grande aumento annuale dal 1982.

Alla stazione Mobil di Yonkers, New York, Mario Bowden, un project manager di un vicino centro commerciale, ha detto che costa $ 50, invece dei $ 35 a cui era abituato. “Cominci a pensare: devo andare a fare shopping? Lo riempi oggi?”, ha detto Bowden.

Carenza di manodopera made in America

Pur assorbendo prezzi elevati, i lavoratori, specialmente in America, stavano approfittando di un mercato del lavoro più ristretto che dava loro la leva per assicurarsi salari e benefici migliori.

READ  Il nuovo libro di Adam Toze documenta l'impatto economico della pandemia

Gli Stati Uniti, in particolare, hanno sofferto di una grave carenza di manodopera. Nel bel mezzo di una recessione pandemica nella primavera del 2020, i datori di lavoro hanno tagliato 22 milioni di posti di lavoro. Quando l’economia si è ripresa, si sono affrettati a chiamare i lavoratori licenziati o a trovarne di nuovi. A settembre e ottobre, i datori di lavoro hanno stabilito un record di 1,4 posti di lavoro per ogni americano disoccupato.

Al contrario, in Europa, i governi hanno essenzialmente spinto le aziende a mantenere i lavoratori sui loro libri paga, rendendo più agevole la riapertura delle economie in Europa perché le persone sono appena tornate ai loro vecchi posti di lavoro, ha affermato Jacob Kierkegaard del Marshall Fund tedesco per gli Stati Uniti.

I lavoratori americani hanno usato la loro influenza per spingere per salari più alti e migliori condizioni di lavoro. I lavoratori di Frito Lay hanno scioperato a luglio per protestare contro gli straordinari obbligatori. In Deere & Co. In autunno, migliaia di persone hanno partecipato e hanno vinto aumenti del 10%.

Al ristorante Jack in the Box a Sacramento, i lavoratori hanno lasciato il lavoro per protestare contro le condizioni di lavoro, compreso il condizionatore d’aria costantemente malfunzionante che li costringe a faticare nel caldo di 100 gradi. In risposta, il ristorante ha installato un nuovo condizionatore d’aria e ha aumentato i salari di 1,25 dollari l’ora.

“Ogni piccolo aiuto”, ha detto uno dei lavoratori, Leticia Reyes.

Gli scrittori di Associated Press Anne de Inocenzio, Mae Anderson, Kathy Bosowitz, Tom Krecher, Colin Barry, Joe MacDonald, Christopher Rogaber, David McHugh e David Koenig hanno contribuito a questo rapporto.