Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

LVMH delinea le ambizioni di formazione e occupazione in Italia allo Show Me Event – WWD

Milano – “I nostri cugini francesi sono sicuramente più bravi di noi a raccontare storie”, ha detto, “dobbiamo imparare da loro a raccontare il valore dell’artigianato”. Carlo Cabassa Presidente ItaliaLa stanza dei costumi alla fine dell’evento Show Me LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton Organizzato qui giovedì.

Nella sua seconda edizione in ItaliaL’evento ha fornito un aggiornamento sulle iniziative messe in atto dal Gruppo e dal suo Outstanding Institute, un programma di formazione professionale che mira a promuovere, valorizzare e garantire il trasferimento di conoscenze che coinvolgono l’artigianato, le capacità creative e le competenze commerciali. Il programma ha formato quasi 2.000 persone in sei paesi sin dal suo inizio nel 2014.

Inoltre LVMHI propri progetti mirano a mantenere questi posti di lavoro e formare nuove figure professionali, e il gruppo ha collaborato con la Camera Nazionale della Moda Italiana, o CNMI, e l’Associazione Confartigianato, per presentare un premio a sostegno dell’artigianato italiano. In particolare, ogni anno un marchio diverso del gruppo collaborerà con CNMI per premiare tre maestri artigiani, che riceveranno un premio in denaro di 10.000 euro e fino a tre sessioni di mentoring. Il primo brand ad aderire all’iniziativa è Fendi.

LVMHDirettore Generale del Gruppo Antonio Belloni Ha sottolineato l’importanza dell’ecosistema italiano nel sostenere la creatività, l’artigianalità e l’esperienza del cliente del gruppo, poiché il paese ospita sei dei suoi marchi, tra cui bvlgariE il Acqua di ParmaE il Loro PianaE il Emilia Pucci E il CovaOltre a Fendi.

“Gli artigiani sono la vera forza del nostro gruppo e sono in grado di creare prodotti che fanno sognare anche i clienti più esigenti in tutto il mondo”, ha detto Belloni. “Continuo a ripetere che la stella polare del nostro gruppo è sempre quella di coltivare il desiderio di avere le nostre case a lungo termine. Questo è molto importante. Beh, è ​​chiaro che i prodotti e le esperienze che offriamo ai clienti sono la pietra angolare di questo strategico approccio, da qui le carriere di eccellenza e il talento dietro di loro È quella che io chiamo una vera competenza di base che dobbiamo coltivare e continuare a coltivare per il futuro della nostra attività.

READ  L'italiano Herno acquista Montura, entra nel circuito Sportswear attivo - WWD

L’amministratore delegato ha anche riconosciuto ai partner del gruppo nel Paese, circa 5.000 piccole e medie imprese che impiegano più di 200.000 persone e che “portano al nostro gruppo non solo capacità produttiva di qualità ma anche innovazione, idee e conoscenza. Ci spingono a fare meglio e sono molto complementari a quello che facciamo”.

Questa filiera è una grande risorsa per il gruppo e per il Paese. E infatti, con le autorità pubbliche e le istituzioni educative, vogliamo davvero fare uno sforzo congiunto per continuare a perpetuare questo importante vantaggio competitivo e forza. Dico sempre che l’Italia è la seconda patria del Gruppo LVMH, e quindi qui faremo la nostra parte”, ha aggiunto Belloni.

Antonio Belloni all’evento Show Me di Milano.

Per gentile concessione di LVMH

L’impegno e l’ambizione del marchio di mantenere i posti di lavoro artigianali a livello locale è esacerbato dalla carenza di lavoratori qualificati nei settori della moda e dell’ospitalità. Secondo le aspettative della Luxury Goods Association FondazioneAltagammal’Italia impiegherà 346.000 lavoratori nei cosiddetti Métiers d’Excellence, di cui 94.000 nel settore della moda e della pelletteria e 36.000 professionisti nell’ospitalità di alto livello.

In un videomessaggio mostrato durante l’evento, Chantal Gambel, Executive Vice President Risorse Umane e Sinergie di LVMH, ha sottolineato “l’urgenza di attrarre nuove generazioni” in queste aree, sottolineando che ciò rappresenta una grande opportunità di carriera. In particolare, LVMH sta cercando di assumere più di 2.000 talenti per questi lavori in Italia entro la fine del 2024.

“C’è un’affinità naturale tra il Gruppo LVMH e l’Italia, perché la manifattura di alta gamma è un segno distintivo del tessuto industriale italiano. La mano e la creatività italiane non hanno eguali: hanno radici nelle aziende del Rinascimento e sono state sviluppate ed ereditate”. [those skills] “Attraverso le generazioni”, ha detto Belloni, “trovano la loro realizzazione in quelle realtà che sono le regioni italiane”.

In Italia, il Gruppo impiega 12.000 persone nei suoi sei marchi, ma anche in più di 250 negozi, otto hotel di lusso Belmond e 31 siti produttivi.

“Siamo in costante crescita”, ha detto Belloni, indicando attività quest’anno come lo stabilimento produttivo di Berluti in Emilia-Romagna che ha raddoppiato la capacità oltre a Nuovo calzaturificio Fendi a Fermo, nelle Marchee il suo Una fabbrica di accessori all’avanguardia a Bagno a Ripoli, a 30 minuti di auto da Firenze.

Belloni ha anche preso in giro alcuni nuovi progetti, tra cui il progetto di una pelletteria in Toscana per Givenchy e un progetto più vago ma “ambizioso” di Loro Piana per uno stabilimento produttivo. Come accennatoBulgari raddoppierà anche la capacità produttiva del suo stabilimento di produzione di gioielli a Valenza, che è stato presentato nel 2017.

Coprendo un’area di circa 189.000 piedi quadrati, la sede di Bulgari dovrebbe diventare la più grande gioielleria del mondo e sarà completata entro la fine del 2025. L’amministratore delegato di Bulgari Jean Christophe Papin Sottolinea che l’azienda dovrà assumere 750 nuove persone e istruire l’accademia interna esistente finalizzata alla formazione di nuovi dipendenti con un’altra scuola aperta anche a studenti esterni.

“Il [vacancy] Grande… Abbiamo anche bisogno di 400 lavoratori qualificati nei prossimi mesi per il nostro nuovo hotel a Roma e altri 150 lavoratori nei prossimi cinque anni per il laboratorio orafo dove produciamo alta gioielleria, sempre a Roma”, ha detto Babin.

Robert Koren, Belmond Senior Vice President, EMEA, ha sottolineato le sfide che il settore dell’ospitalità deve affrontare da quando “la pandemia ha spinto i professionisti di questo settore verso altre aree”. Per contrastare questo momento, l’hotel ha pensato a un approccio diretto e diretto, approfittando della bassa stagione per formare nuovi lavoratori nella sua struttura e prepararli all’inserimento nei sei-nove mesi di maggiore affluenza dell’anno.

Videomessaggio di Chantal Gambrel allo Show ME di Milano.

Videomessaggio di Chantal Gambrel allo Show Me di Milano.

Per gentile concessione di LVMH

durante l’evento, Alessandro BuckelHead of Development per il dipartimento Métiers d’Excellence di LVMH, ha dettagliato le fasi del “circolo virtuoso” di azioni che il gruppo mette in atto per preservare le conoscenze alla base di questo tipo di lavoro ispirando carriere, formando le persone e trasmettendo competenze al futuro generazioni.

Il punto di partenza è cambiare il modo in cui i giovani vedono queste situazioni attraverso un programma eccellente, rivolto ai ragazzi. Nel giro di un anno, l’iniziativa ha fatto conoscere questi mestieri a 700 studenti delle scuole medie in Italia grazie a collaborazioni con marchi come Bulgari, Berluti, Celine, Dior, Fendi e Loro Piana.

La seconda all’ordine del giorno del gruppo è fornire indicazioni sui corsi e informazioni su LVMH. L’anno prossimo, LVMH in Italia presenterà un tour “You and I” per far conoscere al pubblico i corsi di formazione dell’Institut des Métiers d’Excellence, ricevere consigli dalle risorse umane per i marchi del gruppo e scoprire le opportunità di lavoro in azienda. Il tour di reclutamento proseguirà a Firenze, Padova e Novara in Piemonte.

Dal suo lancio in Italia nel 2017, l’Institut des Métiers d’Excellence ha formato 400 studenti nel Paese. L’anno scorso, il 99 percento di tutti gli studenti ha conseguito la laurea e il 76 percento ora copre posti di lavoro nei campi in cui si è formato, principalmente presso LVMH o le sue aziende partner.

Per l’anno accademico 2022-23, ci saranno 186 studenti in 14 programmi dell’Institut des Métiers d’Excellence qui. Saranno inoltre avviati tre programmi di formazione, tra cui un programma dedicato all’occhialeria, sviluppato in collaborazione con Telio, Louis Vuitton, Certottica Optical Product Certification Foundation e ITS Cosmo Academy. Sarà inoltre disponibile un programma di ospitalità con Belmond e un altro dedicato alla pelletteria lanciato con Fendi in collaborazione con la Fondazione Altagamma School Adoption Initiative.

Secondo Boquel, anche garantire che i dipendenti migliorino durante la loro carriera è fondamentale. In primo luogo, verrà lanciata un’accademia di modelli di pelletteria.

Cyril Letellier, supervisore del design dei prodotti in pelle per uomo di Fendi, ha affermato che c’è un “disperato bisogno” di questo tipo di profilo, che sta diventando sempre più difficile da trovare.

“La soluzione è far crescere la nostra fabbrica di pelletteria e trasformarla in una stilista. Quindi un team di specialisti ha lavorato nove mesi per sviluppare questo nuovo programma che partirà a gennaio. La core class iscriverà nove persone.

Oltre ai dirigenti di LVMH e dei suoi marchi, i partecipanti a Show Me includevano artigiani, studenti e artisti che condividevano le loro esperienze personali. A conclusione dell’evento, 20 persone “virtuose” sono state premiate con una speciale spilla dorata disegnata da Al Chaumet Rappresentare l’eccellenza nei loro campi all’interno del gruppo, mentre i tirocinanti ricevono un certificato.