Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’USOPC sostiene di esplorare se i russi possono competere come neutrali

Il Comitato Olimpico e Paralimpico degli Stati Uniti sostiene il Comitato Olimpico Internazionale e altre organizzazioni sportive olimpiche cercando modi per gli atleti russi e bielorussi di tornare, come atleti neutrali, alla competizione nei Giochi Olimpici.

Presidente del consiglio di amministrazione dell’USOPC Susan Lione Ha affermato che l’USOPC faceva parte dell’approvazione unanime dell’idea da parte dei massimi funzionari sportivi olimpici che hanno partecipato a un vertice presso la sede del CIO a Losanna, in Svizzera, la scorsa settimana.

Gli invitati al vertice Comprendeva, tra gli altri, membri di alto rango del Comitato Olimpico Internazionale, presidenti di importanti federazioni sportive internazionali e leader di tre Comitati Olimpici Nazionali: Stati Uniti, Cina e Russia.

L’USOPC non ha ancora affermato che gli atleti russi e bielorussi dovrebbero essere autorizzati a competere ai Giochi di Parigi del 2024, o a qualsiasi altra competizione sportiva internazionale, in veste imparziale.

“Non eravamo d’accordo sul ritorno degli atleti”, ha detto lunedì Lyons, che ha partecipato al summit. Facendo eco ai suoi commenti di settembre. “Abbiamo concordato che ora ci sarebbero state esplorazioni e consultazioni con le parti interessate per vedere se potesse esserci un percorso per questi singoli atleti per tornare neutrali”.

Lyons ha affermato che esiste “un accordo assoluto” sul fatto che se gli atleti in Russia e Bielorussia verranno reintegrati, ci sarà “una neutralità più rigorosa” rispetto alle precedenti competizioni, quando gli atleti russi gareggiavano in modo indipendente a causa delle sanzioni statali contro il doping. In quei casi, i russi hanno gareggiato senza la loro bandiera nazionale e l’inno, ma a volte con colori patriottici come “Atleti olimpici dalla Russia” o “Comitato olimpico russo”.

READ  Sia il Chelsea che il Real Madrid hanno impressionato il difensore italiano dopo la sua brillante stagione all'Europeo

“Le sanzioni sono molto specifiche”, ha detto Lyons. “Non possono essere i colori. Non può essere il nome del paese.”

È notevole come sia possibile ri-partecipare gli atleti russi alle qualificazioni olimpiche in corso. Al vertice della scorsa settimana, il capo del Consiglio olimpico dell’Asia si è offerto di consentire agli atleti russi e bielorussi di partecipare alle competizioni nel loro continente. Il Comitato olimpico internazionale intende esplorare questa possibilità.

Nel febbraio di quest’anno, il Comitato olimpico internazionale ha invitato le federazioni sportive a vietare agli atleti russi e bielorussi di partecipare a competizioni internazionali in vista dell’invasione dell’Ucraina. Ma il capo del Comitato Olimpico Internazionale Tommaso Bach Egli ha detto Almeno da settembre che gli atleti russi che non hanno sostenuto la guerra potessero essere ammessi nuovamente negli sport internazionali e ha distinto tra le sanzioni del CIO contro Russia e Bielorussia e la sua raccomandazione che le federazioni internazionali escludano gli atleti.

“Non so come possano davvero sapere se un atleta sostiene o meno l’azione del governo, ma almeno c’era accordo”. [at the summit] “Vogliono avere atleti che non hanno sostenuto attivamente la lotta”, ha detto Lyons. “Sarebbe impossibile sapere come monitorarlo”.

Bach ha affermato che dopo l’invasione e prima del divieto, alcuni governi si sono rifiutati di rilasciare visti ad atleti russi e bielorussi per competere, e altri governi hanno vietato agli atleti di competere contro atleti russi e bielorussi. Questo, insieme ad azioni governative più simili, ha portato il CIO a raccomandare l’esclusione degli atleti dalla Russia e dalla Bielorussia, che la maggior parte delle federazioni sportive internazionali ha promulgato.

“La partecipazione alle competizioni sportive non dipende più dai vantaggi sportivi, ma da decisioni puramente politiche”, ha affermato Bach. “Quindi abbiamo dovuto agire contro i nostri stessi valori e la nostra missione, che è quella di unire il mondo intero in una competizione pacifica. In effetti, dovevamo proteggere questa complessa integrità delle competizioni.

READ  La squadra canadese di pallanuoto lucida Tokyo prima della finale della World League League

“Quello che non abbiamo mai fatto, né abbiamo mai voluto fare, è vietare agli atleti di partecipare allo sport solo a causa del loro passaporto”.

Uno degli accordi iniziali del vertice, ha detto Lyons, era quello di sostenere l’Ucraina ei suoi atleti.

Ha detto: “Sono solidale con la difficile situazione del popolo ucraino che, non per colpa sua, gli ha inflitto questa farsa”. Detto questo, penso che la conversazione [about Russia and Belarus athletes] In realtà era più a livello concettuale su quello che è, prima di tutto, il nostro ruolo come movimento. Abbiamo sempre detto che il nostro ruolo è cercare di creare pace e unità nello sport”.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.

OlympicTalk è attivo Novità Apple. Abbiamo preferito!