Settembre 25, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’uomo di Sydney ha detto che è completamente vaccinato, nonostante non abbia preso un solo colpo di Covid | Vaccini e immunizzazione

quando Sydney L’autista dell’autobus Ke Hua si è recato la scorsa settimana al Royal Prince Alfred Hospital per una vaccinazione contro il Covid-19 e ha ricevuto alcune notizie sorprendenti.

Gli infermieri gli hanno detto che era già stato vaccinato.

Basandosi sull’Australian Immunization Register (Air), il database nazionale dei registri delle vaccinazioni, il personale ospedaliero gli ha detto di aver ricevuto la sua prima dose il 26 marzo e la seconda il 18 giugno.

C’era solo un problema: il record era completamente sbagliato. Non aveva pozioni.

“Sono andato il 24 luglio e hanno detto: ‘Oh a marzo, ne ho preso uno, e a giugno ne ho preso uno'”, ha detto Hua al Guardian. “Ho detto ‘Non l’ho mai fatto prima!’

Mentre Hua, 58 anni, è riuscito a convincere le infermiere a ignorare i registri e a fargli un’iniezione, era preoccupato per l’errore.

Chiama NSW SaluteE Medicare e persino la polizia locale, credendo che qualcuno potesse aver usato i loro dettagli in modo fraudolento.

è stato ignorato.

Hua stava cercando di avvertire il responsabile dell’errore che l’errore avrebbe potuto colpire anche gli altri.

Tali problemi, se diffusi, minerebbero notevolmente il lancio del vaccino.

“Questo è ciò di cui ero preoccupato”, ha detto. “Ecco perché li ho chiamati.”

Iscriviti per ricevere ogni mattina le notizie più interessanti da Guardian Australia

Alla fine, dopo le indagini del Guardian Australia, è stato convocato dalle autorità sanitarie, che hanno affermato che qualcuno deve aver inavvertitamente inserito le vaccinazioni di uno sconosciuto nel proprio registro.

La spiegazione non ha senso Hua.

“Come possono iscrivere qualcun altro nel mio registro?” Ha detto Hua. “Il registro indica il mio numero e il mio nome, e per inserirlo devono ottenere tutte le mie informazioni da inserire nel computer”.

Il sistema dovrebbe essere sicuro e progettato per impedire ai fornitori di servizi di inserire informazioni imprecise.

Services Australia, che gestisce l’aria, afferma che esistono “sistemi e processi specifici” per garantire che i fornitori di vaccinazioni inseriscano informazioni accurate sulla vaccinazione di una persona.

Una portavoce ha affermato che il fornitore di servizi è responsabile di garantire che le informazioni siano corrette.

Il dipartimento ha affermato di aver preso sul serio tutti i problemi di qualità dei dati e ha riconosciuto “la necessità di dati accurati e aggiornati sul record di immunizzazione di un individuo”.

“Stiamo lavorando a stretto contatto con il Dipartimento della Salute per fornire supporto ai fornitori di vaccinazioni, rendendo il più semplice possibile comunicare all’aria informazioni di qualità”, ha affermato la portavoce. Per aumentare l’accuratezza delle registrazioni in onda, sono stati apportati miglioramenti ai sistemi aerei online per includere la valutazione “in tempo reale” dei dati sull’immunizzazione forniti dai fornitori di vaccinazioni.

I servizi australiani non hanno risposto alla domanda se avessero ricevuto segnalazioni diffuse di errori presso Air.

Registrazioni accurate della vaccinazione contro il Covid-19 saranno probabilmente importanti quando il mondo inizierà ad aprirsi. È probabile che i paesi adottino passaporti per i vaccini alle loro frontiere e limitino anche coloro che possono partecipare alle attività sociali e al lavoro in base al loro stato di vaccinazione.

Tuttavia, studi precedenti su Air hanno scoperto che è soggetto a tassi di errore significativi. Uno studio del 2018 che ha esaminato l’accuratezza dei registri aerei per l’immunizzazione dei bambini ha rilevato che il 14% è impreciso.

Guida veloce

Come ricevere le ultime notizie da Guardian Australia

mostrare

Foto: Tim Robberts/pietra RF

Grazie per il tuo feedback.

Il tasso di errore variava dal 3% nel Victoria al 29% nel New South Wales.

L’errore più comune è stato la mancata trasmissione all’aria delle informazioni sulla vaccinazione dal software utilizzato dal reparto di formazione. Circa il 26% di questi casi è derivato da errori nell’inserimento dei dati da parte del personale nelle cliniche.

Anche i record duplicati, gli errori del sito Web e l’uso di record cartacei hanno causato informazioni imprecise nel registro.

READ  Un condominio di 12 piani è crollato a Surfside, USA