Dicembre 5, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’uomo britannico Arne Suzuki ha un chip bancario impiantato in mano per effettuare pagamenti contactless

Ci sono poche cose più frustranti del rendersi conto di aver lasciato il portafoglio a casa dopo aver contattato il servizio di pagamento al supermercato.

Ma Arne Suzuki, padre di due figli, ha questo atteggiamento abbastanza bene: un piccolo scivolo di spinta è montato sotto la sua pelle.

Invece di cercare carte o contanti allo stesso tempo, il signor Zuk deve solo appoggiare il dorso della mano contro un lettore contactless.

Un assistente sanitario del SSN ha letto i dispositivi online e li ha installati a Colonia, in Germania, all’inizio di questo mese.

Ci sono voluti meno di 15 minuti per inserire il chip, delle dimensioni di una spilla da balia e meno di 0,5 mm, sotto la pelle del dorso della sua mano.

Un anestetico locale ha intorpidito l’area mentre un bisturi è stato utilizzato per fare una tasca per la lamina.

icona della fotocameraArnie Szoke, 40 anni, ha pagato A$ 357 per ottenere la nuova tecnologia nelle sue mani in Germania. a lui attribuito: Sconosciuto/Twitter

Il signor Szoke, 40 anni, ha speso A $ 357 per lo stesso dispositivo e altri A $ 232 per la procedura.

Il suo primo acquisto con la macchinetta è stato un paio di scarpe da ginnastica di AU $ 1,70 da un distributore automatico e ci sono voluti diversi tentativi prima che mettesse la mano nella giusta posizione.

Ma due settimane dopo l’installazione del chip, è diventato una specie di “vecchia mano”.

Zuke, di South Hall, a ovest di Londra, ha dichiarato: “Le reazioni dei lavoratori dei negozi variano dallo stupore alla paura. Alcuni sono rimasti piuttosto sbalorditi”.

Prima che il signor Suzuki ricevesse il chip, ha utilizzato uno smartphone per effettuare pagamenti contactless.

E non è il solo, poiché i pagamenti contactless hanno rappresentato il 75% degli acquisti con carta di debito a luglio, secondo la Financial Trade Authority del Regno Unito.

Ma mentre quelli con chip contactless sono ancora una piccola minoranza, le cosiddette “soluzioni di propulsione biometrica” ​​non sono una novità.

Gli spettatori hanno descritto un uomo come
icona della fotocameraI pagamenti contactless hanno rappresentato il 75% degli acquisti con carta di debito a luglio, secondo l’ente commerciale UK Finance. a lui attribuito: Sconosciuto/Twitter

Alla fine degli anni ’90, Nationwide ha sperimentato un bancomat in grado di scansionare i bulbi oculari per confermare l’identità, sebbene non sia mai andato oltre l’esperimento iniziale.

Oggi molti smartphone consentono agli utenti di effettuare pagamenti online con le dita tramite gli scanner interni al dispositivo.

Circa una persona su due in Europa e nel Regno Unito sta valutando l’utilizzo di un impianto di chip, secondo il servizio di emissione di carte Marqeta lo scorso anno.

Il signor Szoke è soddisfatto del suo nuovo gadget, che deve essere sostituito dopo otto anni.

Ma altri non sono ancora convinti.

“Mia moglie era molto ferma sul fatto che non avrebbe mai voluto farlo, e i miei amici hanno suggerito che i ladri potessero prendermi di mira bypassandoli con lettori di carte”, ha detto.

“Ci sono anche persone a cui non piace l’idea di essere rintracciati, ma dal momento che la maggior parte di noi porta i telefoni, succede comunque a tutti noi”, ha aggiunto.

READ  Il risultato elettorale danese tiene avanti i socialdemocratici | Danimarca