Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Unione Europea svela un piano per ridurre i rifiuti di circa un quinto entro il 2030

L’Unione Europea mira a ridurre i propri rifiuti di quasi un quinto entro il 2030 con regole di riciclaggio e riutilizzo che richiederanno il compostaggio di sacchetti di plastica leggeri e la ricarica di almeno l’80% delle tazze di caffè.

La proposta di 150 pagine pubblicata mercoledì ha incontrato una feroce resistenza da parte delle industrie dell’imballaggio e della plastica che affermano che le regole ignorano le realtà pratiche della gestione dei rifiuti e non riescono a riconoscere le conseguenze ambientali della produzione di contenitori più riutilizzabili.

Ma gli esperti ambientali hanno respinto le affermazioni, affermando che l’unico modo per ridurre gli sprechi è ridurre e riutilizzare gli imballaggi. Diversi gruppi hanno indicato che, a causa della pressione dell’industria, il comitato aveva allentato gli obiettivi di riutilizzo durante il processo di formulazione.

I rifiuti di imballaggio nell’Unione europea sono aumentati di circa il 20% tra il 2009 e il 2020 – un tasso molto più rapido della crescita economica per la massa – fino a una media di 177 kg pro capite, nonostante un aumento Raccolta differenziata.

“Il sovraimballaggio è irritante per noi ed è sempre più dannoso per il nostro ambiente”, ha affermato Frans Timmermans, vicepresidente della Commissione europea per la politica verde. “Non possiamo riciclare la nostra via d’uscita dal crescente flusso di rifiuti”.

Le nuove norme mirano a garantire che tutti gli imballaggi siano riciclati entro il 2030 e a ridurre i rifiuti nel blocco del 5% rispetto al valore di riferimento del 2018. Ciò equivarrebbe a una diminuzione del 19% se l’UE continuasse a produrre rifiuti all’attuale tasso per i prossimi otto anni.

Il comitato ha affermato che la riduzione delle emissioni di gas serra sarebbe pari alle emissioni annuali della Croazia.

READ  Santa Fe Importers Italian Daily festeggia 75 anni di attività - Durango Herald

Per raggiungere l’obiettivo, Bruxelles ha fissato obiettivi specifici per il riutilizzo dei pacchi ritenuti più suscettibili di essere inviati alla spazzatura. Ha detto che molti Stati membri non hanno ancora obiettivi di riciclaggio, nonostante i miglioramenti nella tecnologia di riciclaggio.

Secondo la proposta, l’80% dei contenitori per bevande da asporto deve essere riempito entro il 2040 e il 15% delle bottiglie di vino sarà riutilizzato. Un elenco di cinque tipi di articoli in plastica monouso, tra cui mini bottiglie da toilette per hotel e sacchetti di ketchup, sarà vietato.

Ian Ellington, Head of Soft Drinks Europe di UNESDA e Senior Vice President di PepsiCo, ha affermato che mentre era “fuori dai sentieri battuti”, il riutilizzo “non è sempre stata la soluzione migliore dal punto di vista ambientale”.

“La quantità di materiale utilizzato più l’impatto del trasporto e del lavaggio delle bottiglie spesso si traduce in imballaggi riutilizzati che hanno un’impronta di carbonio maggiore rispetto ad altri sistemi circolari, come il riciclaggio”.

Gli obiettivi di riutilizzo hanno anche suscitato una reazione rabbiosa da parte del governo italiano, che ha affermato che colpirà nuovi investimenti negli impianti di riciclaggio.

“Se un modello nazionale funziona (come è il caso del sistema italiano di gestione degli imballaggi…) deve essere supportato da normative Ue, e non sostituito da uno la cui efficacia è incerta”, ha affermato il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica di Roma. un permesso.

Le proposte arrivano in un momento difficile per i produttori dell’UE che devono far fronte a bollette energetiche altissime, costringendo molti a tagliare la produzione. Le aziende sostengono che stanno già tentando di ridurre i rifiuti e che un’ulteriore regolamentazione ai sensi della rivoluzionaria legge sul clima dell’UE minerebbe la loro competitività globale.

READ  Uno YouTuber danese, Albert Derlund, è morto mentre girava un video nelle Alpi

Ma i gruppi ambientalisti affermano che, nonostante le dichiarazioni pubbliche, i produttori di imballaggi stanno facendo ben poco per ridurre i rifiuti.

Larissa Copello, sostenitrice del consumo e della produzione presso Zero Waste Europe, ha affermato che alle aziende è stata concessa una “corsa gratis” per aver inquinato il pianeta con la plastica monouso.

“Abbiamo urgentemente bisogno di staccarci dallo ‘status quo’ facendo affari come al solito basati sullo smaltimento”.

Mercoledì la commissione ha anche annunciato un quadro iniziale per la regolamentazione e la convalida processi di rimozione del carbonio e per definire le bioplastiche, entrambe parte di uno sforzo più ampio per creare un’economia più circolare in linea con la massa Obiettivi climatici. Mira a ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990.

Ulteriore segnalazione di Giuliana Riccuzzi a Roma

capitale climatica

Dove il cambiamento climatico incontra affari, mercati e politica. Scopri la copertura del Financial Times qui.

Sei curioso di conoscere gli impegni di sostenibilità ambientale del Financial Times? Scopri di più sui nostri obiettivi basati sulla scienza qui