Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Unione europea avverte la Cina: nessun accordo sugli investimenti commerciali se le sanzioni continuano | Notizie dall’Unione europea

La Cina ha imposto sanzioni a funzionari e istituzioni europee a marzo dopo che l’Unione Europea – insieme a Regno Unito, Canada e Stati Uniti – ha imposto sanzioni a funzionari cinesi per violazioni dei diritti umani nella regione dello Xinjiang.

Giovedì il Parlamento europeo ha avvertito la Cina che non ratificherà un accordo di investimenti commerciali tanto atteso fintanto che persistono le sanzioni contro i legislatori dell’UE.

I legislatori dell’UE hanno adottato una risoluzione che condanna le “sanzioni infondate e arbitrarie” imposte da Pechino a individui e istituzioni europee a marzo.

Alla critica del Parlamento europeo ha fatto eco il vicepresidente della Commissione europea Valdes Dombrovskis, che ha affermato dopo una riunione dei ministri del Commercio dell’UE che le sanzioni cinesi non hanno creato un ambiente favorevole a un accordo.

“Non possiamo vedere questo processo di ratifica al di fuori del contesto più ampio delle relazioni tra l’Unione europea e la Cina”, ha detto.

Il Parlamento europeo ha affermato che le sanzioni di Pechino equivalgono a “un attacco alle libertà fondamentali e sollecitano le autorità cinesi a revocare queste misure restrittive totalmente ingiustificate”.

Il testo è stato approvato con 599 voti favorevoli, 30 contrari e 58 astensioni.

Tra gli obiettivi c’erano cinque membri del Parlamento europeo: Reinhard Botecover, Michael Galler, Raphael Glucksmann, Ilhan Kyushyuk e Miriam Lexman.

La Cina ha agito sulle sanzioni dopo che l’Unione Europea, il Canada, il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni coordinate contro i funzionari cinesi per violazioni dei diritti umani nella regione più occidentale dello Xinjiang.

È probabile che la posizione dura del Parlamento europeo ritarderà la ratifica del patto di investimenti multimiliardario che è stato concordato in linea di principio a dicembre e necessita dell’approvazione dei legislatori per avere effetto.

READ  Un epidemiologo avverte che una modifica al sistema di test di Howard Springs aumenta il rischio di COVID

Oltre a revocare le sanzioni, i legislatori hanno affermato che terranno conto della situazione dei diritti umani in Cina quando decideranno di dare il via libera all’accordo multimiliardario.

L’Unione europea spera che l’accordo, noto come Comprehensive Agreement on Investment (CAI), aiuterà a correggere gli squilibri nell’accesso al mercato e creerà nuove opportunità di investimento per le società europee in Cina, assicurando che siano in grado di competere su un piano di parità quando operano nel nazione. Le aziende dell’UE devono affrontare la concorrenza delle società statali cinesi, che possono ricevere il sostegno del governo e un facile accesso ai finanziamenti.

Stavamo per affrontare lo squilibrio commerciale. “Se vedete cosa è successo negli ultimi mesi, siamo molto preoccupati per le violazioni dei diritti umani, soprattutto se guardate al lavoro in schiavitù”, ha detto il ministro del Commercio estero olandese Sigrid Kaag. “Ci sono molte aziende che investono nello Xinjiang e non è chiaro come avvenga la produzione e se venga utilizzato il lavoro forzato”.

Secondo i dati dell’Unione europea, la Cina è ora il secondo partner commerciale del blocco dopo gli Stati Uniti e l’Unione europea è il principale partner commerciale della Cina. Il volume medio degli scambi tra Cina ed Europa è di oltre un miliardo di euro al giorno.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha detto mercoledì che l’accordo è “un accordo equilibrato, reciprocamente vantaggioso e vantaggioso per tutti, non un dono da una parte all’altra”.

“In secondo luogo, le sanzioni imposte dalla Cina alle istituzioni e ai dipendenti dell’Unione europea competenti che hanno a lungo diffuso bugie e false informazioni sulle questioni dello Xinjiang e danneggiato gravemente la sovranità e gli interessi della Cina sono necessarie per proteggere i suoi interessi nazionali”, ha detto Zhao in una conferenza stampa periodica su Mercoledì.

READ  Avvertimento Il Regno Unito deve affrontare 100.000 casi di Covid al giorno entro luglio

“E ‘anche una risposta necessaria, legittima ed equa al fronte delle sanzioni da parte europea”, ha detto Zhao. “È chiaro chi ha causato per primo problemi irragionevoli e chi ha dovuto prendere una risposta legittima”.