Settembre 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Ungheria licenzia il meteorologo dopo che le previsioni obbligano alla cancellazione dei fuochi d’artificio | Ungheria

Il governo ungherese ha licenziato il capo e il vice del Servizio meteorologico nazionale, due giorni dopo aver posticipato uno spettacolo pirotecnico per celebrare una festa nazionale per paura dei temporali.

Il ministro della Tecnologia Laszlo Balkovic, sotto la cui giurisdizione ricade il National Weather Service (NMS), lunedì ha sollevato il presidente Cornelia Radeks e il vicepresidente Gyula Horvath dalle loro funzioni, ma non ha fornito una motivazione. Il ministero non ha risposto immediatamente a una richiesta dell’AFP per maggiori dettagli.

L’NMS prevede temporali e raffiche di vento nella capitale, Budapest, causando l’annullamento dei fuochi d’artificio sabato. Tuttavia, le tempeste hanno mancato la capitale.

L’agenzia NMS si è scusata domenica, citando “il fattore di incertezza insito nella professione”.

Uno spettacolo pirotecnico lungo le rive del Danubio è stato descritto come “il più grande d’Europa” per celebrare la “nazione millenaria dell’Ungheria” il giorno di Santo Stefano, ma si è rivelato controverso in alcuni ambienti, il che significa che le previsioni sono diventate una sorta di fulmine politico.

L’opposizione ha chiesto la cancellazione dello spettacolo, definendolo un “inutile spreco di denaro” in un momento in cui l’economia del Paese soffre e l’Ucraina è in guerra. Una petizione che chiedeva la sua abrogazione ha raccolto quasi 200.000 firme.

Domenica, i media filogovernativi hanno criticato NMS per le sue previsioni. Il quotidiano online Orego ha accusato l’agenzia di fornire “informazioni fuorvianti su quanto sia brutto il tempo, fuorviante il team operativo responsabile della sicurezza”.

In una reazione trasmessa sul social network Facebook, il liberale Andras Fekete-Gyor ha scherzato: “Non potevano produrre il tempo richiesto, sono stati cacciati. No, non è una dittatura dell’Asia centrale, è l’Ungheria”. [ruling party] ha detto Fidesz.

Lo spettacolo è stato riprogrammato per la fine di questa settimana.

Nel 2006, i festeggiamenti annuali sono stati colpiti da una violenta tempesta che ha ucciso cinque persone e ne ha ferite diverse centinaia, provocando il panico tra gli oltre un milione di persone che si sono radunate per osservare le rive del Danubio.

con AFP

READ  L'Europa è nei guai con l'oscurità dell'atmosfera economica