Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’UNESCO ha lanciato un evento in Italia per proteggere gli oceani e promuovere un consumo responsabile

Roma, 27 nov (IANS): All’insegna del motto “Blue is the New Black”, la due giorni dell’UNESCO sul Lago di Venezia, in Italia, mira a promuovere la conservazione marina e un comportamento di acquisto responsabile.

Venerdì e sabato si è svolta la due giorni dell’UNESCO.

L’iniziativa “Blue Friday” è stata lanciata dalla Commissione marittima internazionale (CIO) dell’UNESCO per aumentare la consapevolezza sulla protezione dei mari e degli oceani e fornire un’alternativa al fine settimana del “Black Friday”, ha riferito l’agenzia di stampa Xinhua.

L’iniziativa, svoltasi a Palazzo Zorzi in collaborazione con il Comune di Venezia, “prevede diversi eventi nell’arco di due giorni, tra cui un panel sulla finanza blu e la moda sostenibile, incontri per promuovere un consumo e una produzione più sostenibili e uno spettacolo teatrale sulla storia del i mari”.

Dato il recente crescente interesse del pubblico per gli eventi legati alla protezione ambientale, gli esperti si sono detti entusiasti dell’impatto sul pubblico.

“Questa è certamente una tendenza che abbiamo visto negli ultimi anni in tutte le questioni relative alla crisi climatica”, ha detto a Xinhua Francesca Santoro, senior program officer presso il CIO-UNESCO.

Durante gli eventi di sabato, tavole rotonde con rappresentanti di aziende globali e locali di aziende del design e della moda hanno discusso degli effetti dei comportamenti dei consumatori e della produzione sulla salute degli oceani e dei mari e delle possibili alternative concrete.

Nell’intervista, Santoro ha osservato che il ruolo degli attori privati ​​è un’altra innovazione recente, in quanto le aziende sono sempre più sensibili all’ambiente e vogliono soddisfare la crescente domanda dei consumatori di prodotti ecologici.

READ  Il Toronto FC ottiene due gol da Osorio e due dall'Italia battendo il Nashville 4-3 | NanaimoNewsORA

Questi cambiamenti consentiranno agli scienziati di essere più efficaci, ha affermato.

“Anche se fino a pochi anni fa questi temi erano sostanzialmente discussi nella comunità scientifica internazionale, oggi possiamo facilmente lavorare con un approccio trasversale coinvolgendo giornalisti, comunicatori, artisti, designer ed esperti di moda”.

“Ci consente di comunicare più facilmente e di trasmettere un messaggio più chiaro e mirato”, ha commentato.

Secondo le stime pubblicate dal CIO-UNESCO prima dell’iniziativa, quasi l’80% degli indumenti e dei materiali acquistati è stato gettato via dopo uno o zero utilizzi.

Ma i consumatori hanno dimostrato di essere pronti al cambiamento, con quasi il 40% degli intervistati che afferma di essere disposto a pagare di più per prodotti attenti al clima e il 43% in più di probabilità di scegliere prodotti di marchi che utilizzano pratiche sostenibili. , spedizioni a emissioni zero, ecc.

Il cosiddetto “Black Friday” dà il via allo shopping natalizio l’ultimo venerdì di novembre di ogni anno. A causa dei forti sconti, questo è stato uno dei periodi di consumismo più intensi a livello globale.