Maggio 23, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’ultimo colpo di Draghi potrebbe essere stato quello di incassare la società statale Alitalia – Politico

Clicca play per ascoltare questo articolo

Super Mario potrebbe essere al culmine di una delle sue vittorie più impressionanti: prendere profitti dalla compagnia di bandiera italiana.

Alitalia era un tempo motivo di orgoglio per l’Italia e simbolo di eleganza e innovazione. Per decenni è stata anche una fossa di denaro e una spina nel fianco di molti governi italiani.

Ma ora la vendita della compagnia aerea successore di Alitalia, ITA Airways, sta andando avanti, con diverse parti interessate alla compagnia. Tracciare una linea sotto una delle epopee aziendali più angoscianti d’Italia sarebbe un clamoroso successo per il governo guidato da Mario Draghi. La cosa più sorprendente, dicono gli esperti, è prenotare un guadagno sulla capitale che Roma ha investito per lanciare la nuova compagnia aerea statale.

“Data la storia di Alitalia, fare soldi con la privatizzazione di ITA sarebbe a dir poco storico”, ha affermato Andrea Giuricin, presidente della società di consulenza strategica TRA Consulting.

Il vettore tedesco Lufthansa ha collaborato con il colosso marittimo MSC per fare un’offerta per una partecipazione di maggioranza in ITA Airways. Hanno fatto un’offerta iniziale compresa tra 1,2 miliardi e 1,5 miliardi di euro, hanno detto a POLITICO due persone che hanno familiarità con la questione.

Persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che il governo, che controlla la compagnia aerea tramite il ministero delle Finanze, ha ricevuto anche altre due manifestazioni di interesse. Una delle offerte presentate da Certares per il private equity in partnership con Air France-KLM e per una partecipazione di minoranza in ITA; Un’altra potenziale offerta da un altro gruppo di private equity statunitense, Indigo PartnersE che investe in compagnie aeree low cost come Wizz Air.

Il duo MSC-Lufthansa sembra essere il leader. Una persona ha affermato che il loro approccio – cercare di ottenere una quota dal 70% all’80% con una minoranza detenuta dal governo – è più coerente di altri approcci con le ambizioni di Roma ed è più dettagliato. Governo decreto La cessione ha l’obiettivo strategico di raggiungere “partenariati e integrazioni con soggetti europei nel quadro di alleanze globali”, nonché l’intenzione di Roma di mantenere una quota di minoranza. C’è anche un altro vantaggio nel dare: permetterà al governo di trarre profitto dal suo investimento nell’ITA.

READ  Inizia il decimo raccolto di Salcheto

sotto la Commissione Europea risoluzioneIl governo italiano può iniettare nell’Ita fino a 1,35 miliardi di euro fino al 2023: 700 milioni di euro nel 2021, 400 milioni di euro quest’anno e i restanti 250 milioni di euro l’anno prossimo. L’assegno di quest’anno dovrebbe essere emesso entro la fine di questo mese, ma potrebbe cambiare a seconda dell’andamento della vendita.

I tre offerenti devono avere accesso ai dettagli ITA I dati finanziari sono nei prossimi giorni, aprendo la strada a possibili offerte vincolanti all’inizio di maggio e un tentativo di accordo a giugno. Questo calendario potrebbe consentire alla Roma di evitare un apporto di capitale per il 2023 di 250 milioni di euro.

Le parti in movimento sono tante e l’offerta MSC-Lufthansa non è vincolante, quindi è difficile stimare il potenziale ritorno per il governo. Una persona che ha familiarità con la questione ha affermato che potrebbe trattarsi di circa il 20-40 per cento del capitale investito a Roma.

MSC e Lufthansa non hanno risposto a una richiesta di commento. MSC ha affermato a gennaio che il suo interesse “deriva dal potenziale di consentire sinergie positive” per entrambe le società nel settore merci e passeggeri. A marzo, l’amministratore delegato di Lufthansa Carsten Spohr ha escluso di acquisire una quota di maggioranza nella compagnia aerea, ma ha sottolineato che mentre Lufthansa non avrebbe mai investito in Alitalia, nel caso di ITA sarebbe “utile dare un’occhiata”. “Sappiamo cosa stiamo facendo in Italia, non preoccuparti”, ha detto Spohr.

Un portavoce di Draghi ha rifiutato di commentare.

Questo potrebbe non sembrare un grosso problema per Super Mario, a cui è attribuito il merito di aver salvato l’euro come capo della Banca centrale europea e di aver unito un governo di unità nazionale che spinge attraverso un ambizioso pacchetto di riforme in Italia. Ma l’Alitalia ha sbalordito un susseguirsi di leader italiani. La storia del vettore negli ultimi decenni è piena di errori strategici, salvataggi falliti e pesanti perdite.

READ  Il settore delle costruzioni avverte che l'aumento dei costi influenzerà il piano di risanamento nell'Unione europea

Dal suo lancio nel secondo dopoguerra, Alitalia ha speso oltre 12 miliardi di euro in denaro da contribuenti e investitori, la maggior parte dal 2008, secondo le stime. Ugo Arrigo, professore associato all’Università Bicocca di Milano.

“Alitalia è una metafora del nostro Paese e della sua traiettoria, dalla ripresa e crescita del dopoguerra al declino di inizio secolo”, ha affermato Arrigo.

Alitalia Forever è stata costituita lo scorso ottobre, in sostituzione di ITA, lanciata il 15 ottobre come una società molto più piccola rispetto al suo predecessore. ITA ha 52 aeromobili e circa 2.500 dipendenti, meno di un quarto di Alitalia. Il suo decollo è stato già una vittoria importante per Draghi, il cui governo è riuscito a convincere lo zar della concorrenza dell’UE Margaret Vestager che il vettore incerto e il suo successore erano entità separate.

Ciò ha evitato all’Autorità per la tecnologia dell’informazione di rimborsare i sussidi governativi illegali concessi al suo predecessore. Invece, Bruxelles ha condannato la vecchia società Alitalia a restituire 900 milioni di euro di aiuti pubblici illegali concessi nel 2017, una somma che difficilmente la Roma recupererà perché la società non ha soldi. Aiuti da un altro paese dell’UE Indaginein un prestito di 400 milioni di euro concesso nel 2019, è ancora pendente.

In molti hanno visto all’opera il “fattore Draghi” nelle trattative con Bruxelles. Il piano iniziale per il lancio di una nuova compagnia aerea, che prevedeva 3 miliardi di euro di fondi di sostegno, è stato redatto dall’ex governo italiano guidato da Giuseppe Conte del gruppo 5Stars. Le autorità di regolamentazione della concorrenza della Commissione europea non erano contente di questo, ma quando Draghi è subentrato, Roma e Bruxelles sono riuscite rapidamente a trovare un terreno comune.

READ  UniCredit in Italia svela una nuova strategia al termine della ristrutturazione

ITA ha dovuto affrontare molte turbolenze nei suoi primi mesi: forte concorrenza in un mercato interno dominato da vettori low cost, la pandemia di coronavirus continua a limitare i viaggi e l’impatto della guerra in Ucraina. Ha registrato una perdita operativa di 170 milioni di euro nei primi due mesi e mezzo di attività, in linea con il piano originario. Nonostante i venti contrari, il piano aziendale rivisto prevedeva un pareggio operativo entro giugno del prossimo anno, tre mesi prima di quanto previsto nel piano industriale originale.

Date le sfide, alcuni esperti considerano ottimistica un’offerta compresa tra 1,2 miliardi di euro e 1,5 miliardi di euro.

Anche nel migliore dei casi, i prossimi anni saranno impegnativi, ha affermato Arrigo, aggiungendo che la performance finanziaria dell’ITA fino a quando non verrà raggiunto un potenziale accordo giocherà un ruolo chiave in quanto può guadagnare.

“Sebbene il governo possa passare attraverso il processo di privatizzazione, sono molto scettico sul fatto che l’azienda possa realizzare un profitto, anche se fa parte di un grande gruppo”, ha affermato.

“Il massimo che il governo può fare è smettere di pompare denaro in esso”.

Gli alti funzionari della società hanno chiarito che vuole concludere un accordo entro giugno. Gli esperti affermano che il loro senso di urgenza è giustificato.

“I politici non possono togliere le mani dall’azienda”, ha affermato John Strickland, direttore della società di consulenza sui trasporti JLS Consulting. “Questo è stato un problema storico con Alitalia”.

“Se c’è la volontà politica per un accordo in questo momento per smettere di pompare denaro statale, allora naturalmente l’amministrazione sarebbe ansiosa di perseguirlo rapidamente”.

Questo articolo fa parte di Politico Pro

La soluzione unica per i professionisti delle politiche che combina la profondità del giornalismo di Politico con la potenza della tecnologia


Scoop, idee esclusive e rottura


Piattaforma informativa sulle politiche personalizzate


Una rete di pubbliche relazioni di alto livello