Luglio 31, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Osservatorio Educazione e Salute dei Bambini vuole comprendere e ridurre gli effetti dell’epidemia sui giovani on

Come stanno i bambini a più di un anno dallo scoppio dell’epidemia? Non lo sappiamo davvero perché non possiamo sentirli. Ma sospettiamo che alcuni soffrano di significative ripercussioni psicologiche, sociali ed educative, il cui impatto può continuare a farsi sentire a lungo termine o altro.

“Un’assenza di tre mesi dalla scuola nella primavera del 2020, seguita da diverse chiusure di aule durante l’anno 2020-2021 può avere implicazioni per l’apprendimento e la letteratura scientifica che emerge su questo argomento mostra che questo è il caso tra i più vulnerabili, ” spiega Silvana. Cote, DirettoreL’Osservatorio per l’educazione e la salute dei bambini che ha appena ottenuto 5 milioni dollari dal Quebec Research Fund – Society and Culture (FRQSC).

Tuttavia, per conoscere le conseguenze dell’epidemia sull’apprendimento, è necessario valutare quest’ultimo. Mentre alcuni paesi hanno mantenuto esami standardizzati, questo non è il caso del Quebec, dove gli esami ministeriali sono stati annullati nel 2020 e nel 2021.

Crea dati

Silvana Cote

Credito: Vadim Daniel

Al fine di formare dati a fini comparativi, l’Osservatorio ha deciso, poi, che alcuni studenti dovessero sostenere l’esame ministeriale in lettura. Nel 2017, tutti i bambini che hanno frequentato l’asilo a tempo pieno in Quebec – o circa 80.000 studenti – hanno partecipato al Quebec Survey of Child Development in Kindergarten, condotto dall’Istituto di statistica del Quebec (ISQ). Furono dunque questi stessi ragazzi, al quarto anno della scuola primaria, a essere presi di mira per sostenere questo esame. Tutti sono stati invitati dai loro insegnanti.

“Volevamo assumere 300 insegnanti, ma almeno 600 hanno risposto alla chiamata; quindi, con il Ministero dell’Istruzione, stiamo cercando di accogliere tutti in modo che alla fine di giugno, quasi 12.000 bambini di nove anni in tutto il Quebec abbiano superato il prova di lettura ministeriale”, indica M.io Cote, MD, è professore presso il Dipartimento di Medicina Sociale e Preventiva presso la School of Public Health dell’Università di Montreal e ricercatore presso il CHU Sainte-Justine Research Center.

READ  In IMMAGINI - Drôme: Il centro sanitario di Saint-Rambert-d'Albon ha appena accolto i suoi primi pazienti

Ovviamente, questi test non contano per la pagella, quindi gli insegnanti motivano i loro studenti in altri modi. “La reazione delle scuole è straordinaria ei bambini sono orgogliosi di creare dati per la scienza”, afferma il ricercatore.

Una volta generati questi dati, possiamo confrontarli con i risultati dei test ministeriali 2019. “Questo ci permetterà di vedere dove si trovano gli studenti nelle diverse scuole e nei diversi tipi di classi di lettura, che è una competenza importante perché ha un impatto significativo sull’apprendimento in altre materie».

Intervenire meglio con i bambini

Mentre contemplavano il rilancio dell’economia post-pandemia nell’estate del 2020, il capo scienziato del Quebec, Rémy Kerrion, e il Ministero dell’Economia e dell’Innovazione del Quebec si sono resi conto che i bambini avrebbero avuto un disperato bisogno.

Silvana Cote osserva che “gli economisti eseguono simulazioni per valutare l’impatto delle perdite di apprendimento sul PIL dei paesi e le conseguenze possono essere significative”. Poiché l’epidemia non ha colpito tutti allo stesso modo, è anche possibile che le disuguaglianze sociali ed economiche si siano ampliate in modo significativo. Vogliamo limitare il più possibile gli effetti della pandemia adottando iniziative per sostenere lo sviluppo dei bambini».

Gli interventi possono essere di ogni tipo, come l’istituzione di servizi, l’attuazione di programmi di prevenzione, l’introduzione di innovazioni sociali, ecc. Ad esempio, il Ministero dell’Istruzione sta attualmente lavorando su varie misure correttive per i giovani, come l’orientamento. “Affinché gli interventi si adattino bene alle esigenze degli studenti e quindi siano efficaci, è necessario sapere dove e quanto sono grandi i problemi”, definisce M.io il lato.

lavoro multidisciplinare

Per affrontare queste importanti sfide sociali, il team dell’Osservatorio lavora su quattro aree principali: istruzione, salute mentale e benessere, infezione e immunità, nonché stili di vita sani. Gli assi presi in esame sono lo sviluppo economico e l’innovazione sociale. Quindi esperti di diverse discipline e diverse università si uniscono.

READ  Reazione del suo ex direttore e capo di Science-Po Lille

“Con i ricercatori in scienze delle infezioni, immunologia, biostatistica, istruzione, economia, psicologia e psicoeducazione in particolare, l’interdisciplinarietà è davvero fondamentale per il nostro lavoro”, afferma il direttore.

L’Osservatorio sta inoltre lavorando a stretto contatto con il governo, compreso ISQ, per rendere accessibile e fruibile un insieme di dati con l’obiettivo di migliorare lo sviluppo degli interventi.

“Abbiamo la fortuna di poter contare in Quebec su dati amministrativi che riguardano l’intera popolazione, e quindi senza pregiudizi, ad esempio sulla condizione alla nascita, sulle cure e sui servizi forniti, ecc.”, osserva il maestro.io il lato. La comunità scientifica e i responsabili politici desiderano da tempo utilizzare questi dati per migliorare la salute della popolazione e la pandemia ha intensificato tale bisogno. C’è urgente bisogno di muoversi».

A lungo termine, questa attività può essere di grande valore. “Potremo confrontare i percorsi di vita delle persone esposte all’epidemia, e quindi comprendere meglio i fattori di resilienza e quali interventi hanno funzionato. È un lavoro prezioso per ora e per i decenni a venire”.