Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’ospedale di Port Moresby seppellisce i corpi non reclamati in una fossa comune dopo che un video virale mostra l’obitorio allagato

Le autorità sanitarie della Papua Nuova Guinea hanno condotto una sepoltura di massa di 92 corpi non reclamati, tra cui 40 bambini, dopo che un video è diventato virale mostrando l’eccesso di obitorio del Port Moresby General Hospital immagazzinato in un capannone.

Attenzione: questa storia contiene dettagli che potrebbero sconvolgere alcuni lettori.

Nel video, i corpi vengono visti immagazzinati in quello che sembra essere un capannone all’aperto nell’edificio dell’ospedale, con le mosche che sciamano l’una intorno all’altra.

L’ospedale ha affermato che tra i 92 corpi sepolti mercoledì ce n’erano alcuni che non erano stati reclamati dallo scorso marzo.

Un video in diretta su Facebook pubblicato dal quotidiano locale Sunday Bulletin mostrava un escavatore che scavava una grande buca in cui erano sepolte dozzine di scatole di legno.

Il presidente della National Association of Physicians, James Neibaw, ha dichiarato in una dichiarazione che l’obitorio dell’ospedale era in uno “stato triste”.

“L’intero obitorio ha rivelato che i parenti dei morti non seppelliscono i morti”, ha detto il dottor Nybo.

“L’obitorio è stato costruito per i 400.000 abitanti della città a quel tempo, e ora la popolazione della città supera 1,3 milioni”.

Questa non è la prima volta che l’obitorio cronicamente sovraffollato ha spinto le autorità della Papua Nuova Guinea a eseguire sepolture di massa.

Una sepoltura simile è avvenuta l’anno scorso e un’altra nel 2021 durante la crisi del COVID-19 nel Paese.

Il Port Moresby General Hospital, in una dichiarazione pubblicata sui social media prima della sepoltura di massa, ha affermato che c’erano 295 corpi nel suo obitorio.

La sepoltura di massa di mercoledì è stata per tutti i corpi e parti del corpo non reclamati da marzo a luglio dello scorso anno, afferma la dichiarazione.

Un’altra sepoltura di massa dei corpi da agosto a dicembre dello scorso anno è prevista per febbraio.

L’amministratore delegato ad interim dell’ospedale, la dottoressa Connie Soby, ha affermato che l’obitorio era stato originariamente costruito con una capacità di 64 corpi.

L’espansione è stata fatta con l’aggiunta di container refrigerati, di cui due negli ultimi quattro mesi, ha affermato il dott. Soby.

Tuttavia, la popolazione della città stava crescendo rapidamente, il che esercitava un’enorme pressione sui servizi sanitari.

“Poi, quando la percentuale di corpi non reclamati si accumula per mesi, ciò mette più pressione sulle capacità che abbiamo al momento”, ha detto.

READ  'Non credevano che arrivassero i soccorsi': Un mese dopo lo tsunami di Tonga - in foto | Tonga