Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico avverte che tassi di vaccinazione disuguali stanno mettendo a repentaglio la ripresa economica.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha dichiarato martedì che la ripresa economica globale dalla pandemia sta finalmente iniziando, ma ha ritrattato le sue previsioni per la crescita economica globale e ha avvertito che la ripresa sta avvantaggiando i paesi più ricchi più del mondo in via di sviluppo. Dove il vaccino è distribuito in modo non uniforme.

I paesi che hanno fatto grandi passi avanti verso la vaccinazione della maggior parte della loro popolazione si stanno riprendendo molto più rapidamente di quelli che ancora lottano per ottenere i vaccini, ha affermato l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, sollevando una serie di problemi economici correlati che colpiscono le catene di approvvigionamento globali e pongono un rischio per il futuro.

“Lo shock globale che ha portato il mondo nella peggiore recessione in un secolo sta ora svanendo e ora ci aspettiamo che la ripresa riporti la crescita alla sua tendenza pre-crisi”, ha affermato Lawrence Boone, capo economista dell’organizzazione. briefing sulle notizie

Boone ha aggiunto che i tassi di vaccinazione rimangono diversi e molti paesi a basso reddito e mercati emergenti, ad eccezione della Cina, sono ancora in ritardo. “La mancata vaccinazione a livello globale ci mette tutti a rischio”, ha affermato.

Gli avvertimenti sono arrivati ​​quando l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha pubblicato il suo rapporto semestrale Previsioni economicheHa abbassato le sue previsioni per la crescita globale, l’economia statunitense e i mercati emergenti, ma ha alzato le sue previsioni per l’Europa.

Le previsioni di crescita globale per il 2021 sono state riviste leggermente al 5,7% dal 5,8%.

L’organizzazione con sede a Parigi ha affermato che gli Stati Uniti cresceranno a un ritmo del 6%, in calo rispetto al 6,9% previsto a maggio, mentre l’eurozona dovrebbe espandersi del 5,3%, rispetto a una precedente previsione del 4,3%. . La crescita più lenta in Germania dovrebbe essere accompagnata da una ripresa più rapida del previsto in Francia, Italia e Spagna.

READ  Continua l'espansione di Primark con il primo negozio a Praga

È probabile che la crescita rallenti il ​​prossimo anno dopo una straordinaria ripresa dalla recessione, con l’economia globale che dovrebbe espandersi a un ritmo del 4,5% e gli Stati Uniti in crescita del 3,9%. Anche l’economia europea smetterà di raffreddarsi a un tasso previsto del 4,6%.

La Cina, la seconda economia più grande del mondo, avrebbe dovuto crescere dell’8,5% quest’anno, prima di rallentare a un ritmo del 5,8% nel 2022.

Ma i numeri forti mascherano problemi persistenti anche nelle economie più ricche, dove la ripresa ha beneficiato le persone in modo non uniforme.

Sebbene la crescita negli Stati Uniti sia tornata ai livelli pre-pandemia, l’occupazione rimane inferiore rispetto a prima delle restrizioni economiche. In Europa, che al culmine della crisi ha utilizzato miliardi per proteggere le sue imprese e i suoi lavoratori dalla disoccupazione di massa e dalla bancarotta, l’occupazione è stata ampiamente mantenuta.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha affermato che il virus e il rallentamento dei tassi di vaccinazione continuano a smussare il buon funzionamento dell’economia globale, ostacolando le catene di approvvigionamento.

“Ci sono alcune parti che non hanno lasciato le fabbriche in paesi con epidemie di virus”, ha detto la signora Boone. Di conseguenza, le scorte di molte aziende si stanno esaurendo e la produzione rallenta, il che a sua volta porta a prezzi più alti per una serie di beni.

Allo stesso tempo, la rapida ripresa della domanda ha aumentato drasticamente i prezzi del petrolio, che sono superiori dell’80% rispetto a un anno fa, mentre i costi di spedizione sono stati “esagerati”, ha aggiunto Boone.

Tali fattori hanno contribuito ad alimentare l’inflazione, che “è aumentata notevolmente” negli Stati Uniti e in alcuni paesi dei mercati emergenti, ma dovrebbe attenuarsi una volta che i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento si saranno chiariti, afferma il rapporto.

READ  Affari nel Southland per espandere il suo marchio shell

L’inflazione diminuirà più rapidamente degli attuali livelli allarmanti se i programmi di vaccinazione accelereranno.

“Se continuiamo a vaccinare e ad adattarci meglio alla convivenza con il virus, l’offerta inizierà a tornare alla normalità e la pressione si dissiperà”, ha affermato la signora Boone. “Ma per questo dobbiamo vaccinare più persone”.