Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che lo scoppio del coronavirus emergente in Europa è una “grave preoccupazione”, con i ricoveri ospedalieri raddoppiati in una settimana

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha avvertito che 500.000 persone potrebbero morire di COVID-19 in Europa e in Asia centrale nei prossimi tre mesi, con tassi di trasmissione del virus in aumento in tutta la regione.

Il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità in Europa, Hans Kluge, ha affermato che l’Europa è tornata nell'”epicentro” dell’epidemia, di fronte a una recrudescenza di casi, ricoveri e decessi.

Ha detto che i numeri dei casi si stanno avvicinando di nuovo a livelli record e che il ritmo di trasmissione nella regione sta causando “grande preoccupazione”.

“Nelle ultime quattro settimane, l’Europa ha visto un aumento del 55% dei nuovi casi di COVID-19”, ha affermato il dottor Kluge.

“Ora ci sono più casi segnalati – 78 milioni – nella regione europea che nel sud-est asiatico, nel Mediterraneo orientale, nel Pacifico occidentale e in Africa messi insieme”.

La regione comprende i paesi dell’Unione Europea, insieme a Regno Unito, Russia, Turchia, Israele e le ex repubbliche sovietiche di Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan.

Scarica

I tassi di ospedalizzazione per COVID-19 nella regione sono raddoppiati nell’ultima settimana.

Il dottor Kluge ha avvertito che se questo percorso continua, l’Europa e l’Asia centrale potrebbero vedere altri 500.000 morti a causa della pandemia entro febbraio 2022.

Gli operatori sanitari in dispositivi di protezione individuale (DPI) si prendono cura del paziente
Diversi paesi dell’Europa centrale e orientale stanno segnalando numeri record di casi e decessi di COVID-19. (Afp: Valentina Petrova)

“Copertura vaccinale insufficiente” nonostante la disponibilità

L’Organizzazione mondiale della sanità ha riferito questa settimana che il numero di casi COVID-19 è aumentato in Europa per la quinta settimana consecutiva, con aumenti osservati in “tutte le fasce di età”.

Il tasso di infezione è ora il più alto al mondo, con 192 nuovi casi ogni 100.000 persone.

La copertura vaccinale inadeguata e l’allentamento delle misure di salute pubblica e sociale sono responsabili della ripresa, ha affermato il dott. Kluge.

Il dottor Kluge ha affermato che i paesi della regione erano in “varie fasi di avvio della vaccinazione” e una media del 47% delle persone era completamente vaccinata.

Solo otto paesi hanno superato il 70% della copertura vaccinale, mentre il tasso in due paesi è rimasto al di sotto del 10%.

“Laddove la diffusione del vaccino è bassa – in molti Stati baltici, nell’Europa centrale e orientale e nei Balcani – i tassi di ospedalizzazione sono alti”, ha affermato.

“È imperativo che le autorità investano tutti gli sforzi per accelerare il ritmo della diffusione della vaccinazione”.

Il direttore delle emergenze dell’OMS Mike Ryan ha affermato che alcuni paesi europei hanno una “copertura vaccinale non ottimale” nonostante la loro disponibilità.

“È un avvertimento per il mondo vedere cosa sta succedendo in Europa nonostante la disponibilità della vaccinazione”, ha detto Ryan in una conferenza stampa.

Il Dr. Kluge ha sottolineato che i vaccini “fanno quello che avrebbero dovuto fare”.

“La maggior parte delle persone che oggi sono ricoverate in ospedale e muoiono di COVID-19 non sono state completamente vaccinate”.

Il dottor Kluge ha affermato che i paesi devono prendere in considerazione la reintroduzione di misure sanitarie pubbliche e sociali, affermando che il 95% dell’uso universale delle maschere potrebbe salvare fino a 188.000 vite nei prossimi mesi.

La mano del paziente è vista mentre il paziente è sdraiato sul letto d'ospedale
La Romania ha riportato un record di 591 decessi giornalieri per COVID-19 questa settimana. (AP: Andrea Alexandru)

Registrazione di casi mentre i paesi inseguono l’adozione del vaccino

L’avvertimento arriva dal momento che molti paesi dell’Europa centrale e orientale segnalano quotidianamente nuovi record di coronavirus.

Ucraina, Croazia, Slovenia e Slovacchia hanno registrato il maggior numero di casi giornalieri di sempre, mentre altri hanno registrato il maggior numero di infezioni da mesi.

La maggior parte dei paesi dell’Europa centrale e orientale ha vaccinato circa la metà o meno della loro popolazione, che è al di sotto della media dell’Unione europea del 75%.

Anche le restrizioni anti-virus sono variate poiché i governi hanno cercato di aumentare i tassi di vaccinazione piuttosto che reimpostare i blocchi e altre misure draconiane che sono ampiamente impopolari e potrebbero danneggiare l’economia.

Questa settimana la Romania ha registrato un record di 591 decessi giornalieri per COVID-19, mentre continua a combattere un grave focolaio che ha travolto il suo sistema sanitario.

Anche la Bulgaria ha registrato questa settimana il più alto numero di morti giornaliere per COVID-19, dopo che 310 persone sono morte in 24 ore.

Solo il 28,5% dei 7 milioni di abitanti della Bulgaria è stato completamente vaccinato.

Le persone sono in fila per la vaccinazione
Molti croati si sono precipitati nei centri di vaccinazione a Zagabria durante l’escalation di COVID-19. (Afp: Darko Bandik)

In Croazia, le autorità hanno segnalato un record giornaliero di 6.310 nuove infezioni e 32 decessi, poiché i medici hanno avvertito che la pressione sugli ospedali stava aumentando.

I funzionari croati hanno affermato che annunceranno un uso più ampio dei permessi per il vaccino COVID ma non effettueranno una chiusura.

Allarmati dall’ondata, molti croati si sono precipitati nei punti di vaccinazione nella capitale, Zagabria, per farsi pugnalare o ricevere iniezioni di richiamo.

Nella vicina Slovenia, l’agenzia di stampa statale STA ha affermato che gli ospedali si stanno riempiendo rapidamente e giovedì è stato riportato un nuovo record di 4.511 infezioni giornaliere.

Gli ospedali del Paese di 2 milioni di persone hanno già cancellato gli interventi non urgenti per fare spazio ai malati di COVID-19.

Il paese ha introdotto i permessi di vaccinazione COVID-19 per la popolazione attiva, ma il governo ha affermato che un picco di infezioni potrebbe forzare il blocco.

Il personale medico in tute protettive spinge un paziente in terapia intensiva con coronavirus
Alcuni pazienti COVID-19 sono stati trasportati in aereo dalla Romania alla Germania per essere curati, poiché il sistema sanitario rumeno lotta per far fronte a un aumento del virus.(dpa via AP: Gregor Fisher)

Il team di crisi epidemiologica del governo serbo si è riunito giovedì quando gli esperti medici hanno chiesto un blocco di 10 giorni.

Il governo populista serbo è stato riluttante a rafforzare le normative sulla pandemia, concentrandosi sulla vaccinazione di più persone.

In Serbia, come in Slovenia, i tassi di vaccinazione superano di poco il 50%.

Il paese balcanico di 7 milioni ha registrato finora più di 1 milione di casi di infezione e più di 10.000 morti.

Giovedì sono stati registrati circa 6.100 nuovi casi, mentre 64 persone sono morte.

La Slovacchia, il paese con uno dei tassi più bassi di vaccinazioni contro il coronavirus nell’Unione europea, ha annunciato nuove restrizioni, dopo aver segnalato 6.713 nuove infezioni.

Da lunedì hotel, bar, ristoranti e palestre in quasi la metà delle contee del Paese saranno costretti a chiudere.

ABC / filo

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 6 minuti 19 secondi

Come eseguire un test rapido dell’antigene

Scarica il modulo…

READ  Donna boliviana trova un dito mozzato in un hamburger