Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“L’Ordine, grande protagonista della salute”

primario
Il dottor Gregory Allaux, 44 anni, è stato eletto presidente dell’Ordine dei Medici di Tarn-et-Garonne. Un’occasione per questo anestesista della clinica Pont de Chaume, a Montauban, per gettare le basi del suo mandato. I medici iscritti all’albo sono 906, 679 attivi e 227 inattivi.

Il dottor Allaux, il nuovo presidente dell’Unione dei medici 82, succeduto alla dottoressa Marie-Christine Rossignol, ha risposto alle domande della Dépêche du Midi.

Perché hai chiesto questa responsabilità?

Sono stato Segretario del Sistema Sanitario per tre anni e prima ancora per sei anni come Consigliere Ordinale. È in continuità. Il sistema ha un ruolo molto importante per la comunità medica e per la salute pubblica in generale.

Che ruolo vuole giocare la tua organizzazione nella salute?

Vogliamo essere, come prevede lo statuto, un giocatore nella salute del Territorio. Dobbiamo consigliare alle autorità di fornire la nostra esperienza. Ciò richiede stretti rapporti con i servizi statali e le comunità locali. La signora Prefetto mi ha già ricevuto con scambi molto fruttuosi. Avremo anche un incontro di lavoro molto veloce con il procuratore generale a Montauban. Ci sono temi molto importanti come la violenza domestica ma anche quelli che prendono di mira gli operatori sanitari.

Come ti organizzerai con la tua attività in clinica?

Conosco la casa e sono fortunato ad avere una grande squadra. Un segretario generale molto efficiente, vicepresidente, mio ​​socio. Abbiamo profili molto diversi per età, specialità, distribuzione tra pubblico e privato e area geografica. È forza. Ho intenzione di delegare ma da solo avrò la mano.

Quali sono i tuoi obiettivi principali?

In primo luogo, sviluppare il consiglio nelle sue attività quotidiane. È la registrazione in bacheca (registrazioni, gestione dei reclami). Il legame con le autorità di vigilanza e soprattutto la gestione della demografia medica è chiaramente un argomento importante.

READ  Detersivo in polvere: amico o nemico dell'ambiente? | scienza | notizie | il Sole

A che punto sei in questo caso delicato?

È un file molto grande, lo sai. In Francia raggiungeremo il livello più basso nel 2028. Non bastano le misure prese dalle autorità pubbliche per correggere la situazione. Per tornare all’attuale insoddisfacente situazione, riteniamo che non sarà prima del 2032. Dobbiamo formare i medici, e avere le strutture adeguate. Siamo soggetti alle tendenze dei decenni passati. O piangiamo, non è il mio carattere. O ci sediamo tutti intorno al tavolo e cerchiamo di trovare la soluzione migliore. Tutto il nostro sistema sanitario oggi dipende dal medico di famiglia. Un comitato sarà responsabile di questo file. La priorità è l’accesso alle cure primarie del paziente. C’è una grave carenza di medici curanti. Ci sono preoccupazioni ovunque, nel dipartimento, con situazioni più delicate.

Quali sono le soluzioni?

Dovrebbe essere collettivo e provenire dai medici. Possiamo contare su meccanismi statali, ma dobbiamo essere gli attori al centro del reattore. Non ho a priori. Tutto dovrebbe essere usato se è fatto con l’approvazione del medico. Bisogna ascoltare gli attori in campo, in un dato territorio, che hanno le idee giuste su regole, codice etico e autonomia professionale.

Come attraete da noi i giovani medici?

È un argomento complicato. Non tutti i medici vogliono le stesse cose di un altro medico. Preferisco un medico con una buona pelle ai medici che sono esausti o depressi, e abbiamo sempre più colleghi che soffrono, con sempre più casi di stanchezza o depressione. Siamo lì per sostenerli. Dobbiamo attirare i giovani qui e fargli desiderare di elaborare strutture attraenti e modelli corretti di pratica.

Quanti sono i medici di medicina generale oggi?

READ  Come mantenere la salute di un astronauta nello spazio?

Ci manca circa il 10%. O una ventina. Oggi sono 188. Dobbiamo trovare soluzioni pratiche. Non esiste una soluzione magica, lo ripeto. È necessario fare su ordinazione.

Come hai superato l’emergenza covid?

C’è una grande flessibilità nella professione medica e negli operatori sanitari. Abbiamo dovuto affrontare un’enorme mancanza di preparazione sia a livello logistico che organizzativo. Nonostante questo, tutti sono rimasti bloccati. Con grande collaborazione tra il settore pubblico e privato. Valuteremo in seguito.

E la vaccinazione?

Oggi il 90% dei medici è vaccinato. Dobbiamo essere un esempio. La vaccinazione è importante, non pericolosa. Come fanno i caregiver a non voler essere vaccinati? Non capire. Devono mantenere la loro meravigliosa generosità quotidiana verso i malati vaccinandoli per proteggerli. Abbiamo una dinamica meravigliosa nei centri di immunizzazione in cui i medici sono originariamente con tutti gli operatori sanitari. Tutti, attivi e pensionati, sono stati coinvolti fin dall’inizio e continuano ad esserlo. Un vaccino non è un limite, è un fattore di libertà e questa crisi porterà a grandi cambiamenti strutturali che si applicano alla medicina. La salute è la prima priorità delle persone.

E quali sono i 200 medici assunti dalla regione che Carol Delga ha promesso durante la campagna?

Se necessità ed efficienza lo richiedono nelle aree meno servite, perché no? Se è polvere, non significa nulla.