Agosto 3, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’OMS ritratta la teoria della fuga di laboratorio di Covid-19 in Cina

Giovedì il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha esortato la Cina a essere più cooperativa nella prossima fase delle indagini sulle origini dell’epidemia, chiedendo un maggiore accesso ai dati grezzi.

Parlando con i giornalisti a Ginevra, anche Tedros Adhanom Ghebreyesus ha riconosciuto che il pagamento anticipato per tutti tranne che per escludere la possibilità che il Covid-19 sia fuggito dal laboratorio fosse “prematuro”.

Relazionato: Il video mostra i pipistrelli vivi nelle gabbie dell’Istituto di Wuhan

Relazionato: Uno scienziato di Wuhan critica le affermazioni sull’origine del virus Corona

Relazionato: Trump ha intenzione di indagare sulla fuga di Covid-19

Ha affermato che l’OMS sta gettando le basi per andare avanti con nuove indagini sulla provenienza del Covid-19, aggiungendo: “Speriamo che ci sarà una migliore cooperazione per andare a fondo di ciò che è accaduto”.

L’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite sta affrontando un’intensa pressione per una nuova indagine più approfondita sulle origini del Covid-19.

L’Organizzazione mondiale della sanità è stata in grado di inviare un team di esperti internazionali indipendenti a Wuhan in Cina solo a gennaio, più di un anno dopo che il Covid-19 è apparso per la prima volta alla fine del 2019, per aiutare le loro controparti cinesi a indagare sulle origini dell’epidemia.

Il dottor Tedros ha riconosciuto giovedì che una delle principali sfide durante la prima fase dell’indagine è stata “l’accesso ai dati grezzi”.

I dati grezzi non vengono condivisi. E ora abbiamo progettato la seconda fase dello studio e in realtà stiamo chiedendo alla Cina di essere trasparente, aperta e cooperativa, soprattutto per quanto riguarda … i dati grezzi che abbiamo richiesto [in] I primi giorni dell’epidemia.

READ  Il bilancio delle vittime del crollo del condominio di Miami sale a nove

Perdite di laboratorio “comuni”

Il rapporto tanto atteso è stato pubblicato dopo la prima fase dell’indagine a fine marzo, poiché il team internazionale e le loro controparti cinesi non hanno raggiunto conclusioni definitive sulle origini dell’epidemia.

Invece, hanno classificato una serie di ipotesi in base alla probabilità che avrebbero creduto, scoprendo che molto probabilmente il virus è passato dai pipistrelli agli umani attraverso un animale intermedio, mentre la teoria che coinvolgeva il virus che fuoriusciva da un laboratorio era considerata “altamente improbabile”.

L’indagine e il rapporto sono stati oggetto di critiche per la loro mancanza di trasparenza e accessibilità e per non aver valutato più a fondo la teoria delle fughe di laboratorio: solo 440 parole del rapporto sono state dedicate alla discussione e alla disapprovazione.

A lungo derisa come teoria della cospirazione di destra e respinta con veemenza da Pechino, l’idea che il Covid-19 possa essere emerso da una fuga di laboratorio sta prendendo piede in particolare negli Stati Uniti.

Il dottor Tedros, che ha sottolineato che tutte le teorie sono rimaste sul tavolo subito dopo la pubblicazione del rapporto, ha sottolineato che erano necessarie ulteriori indagini sull’ipotesi della fuga di laboratorio.

“C’era un primo lotto [to rule out that theory]Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, un immunologo, ha sottolineato che lui stesso aveva precedentemente lavorato come tecnico di laboratorio, “e gli incidenti di laboratorio accadono”.

“È comune. L’ho visto accadere”, ha detto, sottolineando che “controllare cosa è successo, specialmente nei nostri laboratori, è importante”.

“Abbiamo bisogno di informazioni, informazioni di prima mano sulla situazione in cui si trovavano questi laboratori prima, all’inizio della pandemia”.

READ  La Cina piange la morte del maiale sopravvissuto al terremoto del 2008 | Cina

Il dottor Tedros aveva precedentemente espresso il suo rammarico per il fatto che il team internazionale non fosse in grado di accedere a tutti i dati preliminari necessari per condurre una valutazione adeguata.

Riferendosi agli oltre quattro milioni di morti ufficiali per Covid-19 in tutto il mondo, il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato: “Penso che sia nostro dovere sapere cosa è successo. Dobbiamo sapere cosa è successo per prevenire il prossimo”.