Maggio 25, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Lo yacht più grande del mondo, legato al miliardario russo Usmanov, è stato sequestrato dalla Germania

Una foto d’archivio del 10 settembre 2018 mostra un mega yacht chiamato “Dilbar” di proprietà dell’uomo d’affari di origine uzbeka Alisher Usmanov che fa rifornimento da una petroliera a Mugla, in Turchia. La Germania detiene lo yacht del miliardario russo Usmanov nel porto di Amburgo.

Sabri Kesen | Agenzia Anadolu | Getty Images

Le autorità tedesche hanno dichiarato di aver confiscato lo yacht di lusso più grande del mondo dopo la conferma ufficiale che la nave aveva legami con il miliardario e uomo d’affari russo Alisher Usmanov.

Un funzionario tedesco ha confermato giovedì alla CNBC che lo yacht a motore era collegato a Osmanov e quindi soggetto a confisca dei beni. Mercoledì la polizia federale tedesca ha informato le autorità europee a Bruxelles che un’indagine approfondita aveva scoperto che la nave apparteneva alla sorella di Usmanov, Gulbakhur Ismailova.

Lo straordinario superyacht è stato inizialmente vietato dalle autorità tedesche di lasciare l’ancoraggio il 3 marzo, secondo un alto funzionario dell’amministrazione Biden che conosceva la questione.

Il funzionario, che ha parlato in condizione di anonimato, ha affermato che lo yacht non era stato sequestrato fisicamente in quel momento, ma non gli era stato permesso di spostarsi dalla sua posizione attuale nella città tedesca di Amburgo. La persona ha aggiunto che più misure saranno prese in un secondo momento.

Lo yacht, chiamato Dilbar in onore della madre di Usmanov, si estende per più di 500 piedi ed è dotato di due eliporti e della più grande piscina coperta installata su una nave privata. Il Tesoro stima che il valore attuale dello yacht di Usmanov sia di circa 735 milioni di dollari.

READ  Ultimo aggiornamento delle notizie: le infezioni da Covid-19 nel Regno Unito hanno raggiunto il massimo storico

Usmanov e il suo yacht di lusso sono finiti nel mirino degli Stati Uniti e dei loro alleati a marzo dopo aver coordinato le sanzioni globali contro le élite russe con legami con il Cremlino in seguito all’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio.

Un funzionario del Tesoro, che ha parlato in condizione di anonimato, ha affermato che qualsiasi azione intrapresa dalle autorità tedesche non includerebbe lo spostamento della nave negli Stati Uniti sotto sanzioni del Tesoro o dell’OFAC.

Le sanzioni statunitensi hanno elencato lo yacht di Usmanov come proprietà vietata, il che significa che qualsiasi transazione relativa allo yacht – inclusi manutenzione, noleggio dell’equipaggio e pagamento delle tasse di ormeggio – con persone statunitensi o dollari statunitensi è vietata.

Lo yacht è l’ultima nave sequestrata dall’invasione russa dell’Ucraina. Un mega yacht da 90 milioni di dollari di proprietà del miliardario Victor Vekselberg è stato confiscato in Spagna il 4 aprile con l’aiuto delle autorità statunitensi. Vekselberg è nato in Ucraina ma ha fondato l’enorme Renova Group con sede in Russia.

Il 2 marzo le autorità francesi hanno confiscato un mega yacht che si dice sia legato a Igor Sechin, il miliardario russo che è amministratore delegato della compagnia petrolifera statale Rosneft. In precedenza ha servito come vice primo ministro russo nel governo del presidente Vladimir Putin.

La signora M, nota per le proprietà del miliardario russo Alexei Mordashov, era stata precedentemente rilevata in Italia.

– Canale CNBC Brian Schwartz Reportage contribuito da New York.