Settembre 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Lo storico Niall Ferguson ha messo in guardia gli investitori

Il famoso storico Niall Ferguson ha avvertito venerdì che il mondo sta dormendo in un’era di turbolenze politiche ed economiche simile a quella degli anni ’70, solo peggio.

Parlando alla CNBC al Forum Ambrositi in Italia, Ferguson ha affermato che gli eventi scatenanti si erano già verificati per ripetere quanto accaduto negli anni ’70, un periodo caratterizzato da shock finanziari, scontri politici e disordini civili. Tuttavia, questa volta, è probabile che l’intensità di questi shock sia maggiore e più sostenibile.

“Gli ingredienti degli anni ’70 sono davvero lì”, ha detto Ferguson, un membro anziano della famiglia Millbank presso la Hoover Institution della Stanford University, a Steve Sedgwick della CNBC.

“Gli errori di politica monetaria e fiscale dell’anno scorso, che hanno portato all’arresto di questa inflazione, sono molto simili a quelli degli anni ’60”, ha affermato, paragonando i recenti aumenti dei prezzi all’elevata inflazione degli anni ’70.

“Proprio come nel 1973, è in corso una guerra”, ha continuato, riferendosi alla guerra arabo-israeliana del 1973 – nota anche come guerra dello Yom Kippur – tra Israele e una coalizione di paesi arabi guidata da Egitto e Siria.

Come con l’attuale guerra russa in Ucraina, la guerra arabo-israeliana del 1973 ha portato al coinvolgimento internazionale delle grandi potenze dell’epoca, l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti, provocando una crisi energetica più ampia. Solo in quel momento, il conflitto durò solo 20 giorni. L’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia è giunta al suo sesto mese, il che suggerisce che qualsiasi ricaduta sui mercati energetici potrebbe essere molto peggiore.

READ  Esortare le persone a evitare di viaggiare fuori dall'Arabia Saudita a causa dell'omicron

“Questa guerra dura molto più a lungo della guerra del 1973, quindi lo shock energetico che provoca sarà effettivamente più sostenibile”, ha detto Ferguson.

Il 2020 è peggio degli anni Settanta

Politici e banchieri centrali stanno gareggiando per mitigare gli effetti peggiori delle ricadute, aumentando i tassi di interesse per combattere l’inflazione e ridurre la dipendenza dalle importazioni di energia russe.

Ma Ferguson, che ha scritto 16 libri, incluso il suo più recente “Death: The Politics of Disaster”, ha affermato che non ci sono prove che suggeriscano che le crisi attuali possano essere evitate.

“Perché non può essere così brutto come gli anni ’70?” Egli ha detto. “Ho intenzione di uscire su un arto: pensiamo alla possibilità che il prossimo decennio sarà peggio degli anni ’70”.

Il famoso storico Niall Ferguson ha affermato che il mondo è sull’orlo di un periodo di turbolenze politiche ed economiche simile agli anni ’70, ma peggiore.

Posta mattutina della Cina meridionale | Getty Images

Tra le ragioni di ciò vi sono una minore crescita della produttività ora, livelli di debito più elevati e una demografia meno favorevole rispetto a 50 anni fa, ha affermato.

“Negli anni ’70 almeno c’era una distensione tra le grandi potenze. Non vedo molta distensione tra Washington e Pechino in questo momento. In effetti, vedo il contrario”, ha detto, riferendosi a Scontri recenti su Taiwan.

L’errore delle crisi globali

Agli esseri umani piace credere che gli shock globali si verifichino con un certo grado di ordine o prevedibilità. Ma Ferguson ha detto che questo è un errore.

In effetti, invece di diffondersi uniformemente nella storia, come una curva a campana, i disastri tendono a verificarsi in modo non lineare e simultaneo, ha affermato.

“Le distribuzioni nella storia non sono realmente normali, specialmente quando si tratta di cose come guerre, crisi finanziarie o epidemie”, ha detto Ferguson.

“Inizi con la peste – o qualcosa che non vediamo molto spesso, una pandemia globale davvero grande – che uccide milioni di persone e sconvolge l’economia in tutti i modi. Poi la colpisci con un enorme shock di politica monetaria e fiscale e poi aggiungi lo shock geopolitico”.

Questo errore di calcolo, ha detto, porta gli esseri umani a diventare eccessivamente ottimisti e, in definitiva, impreparati ad affrontare grandi crisi.

“Nella loro mente, il mondo è un mucchio di medie, e non è molto probabile che ci saranno risultati negativi. E questo porta le persone … ad essere un po’ troppo ottimiste”, ha detto.

Ad esempio, Ferguson ha affermato di aver condotto un sondaggio tra i partecipanti ad Ambrosetti – un forum in Italia a cui hanno partecipato leader politici e l’élite degli affari – e ha scoperto che basse percentuali a una cifra si aspettano un calo degli investimenti in Italia nei prossimi mesi.

“Questo è un paese che sta andando in recessione”, ha detto.