Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Lo ha rivelato il tentativo fallito del Tottenham di riunire Antonio Conte con il dinamico centrocampista italiano Nicolò Parilla

Il Tottenham Hotspur ha chiesto all’Inter la possibilità di ingaggiare Nicolò Parilla in estate, è stato rivelato – ma non sono andati molto lontano.

È stata un’estate impegnativa nella finestra di trasferimento con il Tottenham Hotspur. Con Antonio Conte alla guida, i club spesso anticipano grandi cambiamenti nelle loro squadre. Dopo una finestra già produttiva a gennaio, gli Spurs non sono stati tranquilli nemmeno in estate.

Sono arrivati ​​diversi giocatori per sostenere la squadra di Conte. Le aggiunte principali furono Richarlison, Yves Bisoma, Clement Lenglet, Jed Spence e Ivan Perisic.

Quest’ultimo proveniva dall’Inter, ultimo datore di lavoro di Conte prima di essere nominato dal Tottenham lo scorso anno. Ma Perisic non è stato l’unico giocatore che, dopo il suo ex allenatore, sarebbe potuto finire nella capitale inglese.

Infatti, Tottenham Ha passato un po’ di tempo a lavorare su un potenziale accordo per il difensore Alessandro Bastoni. Alla fine è stato molto complicato, perché il giocatore ha preferito restare a San Siro.

Ora, è emerso che un altro giocatore dell’Inter che gli Spurs stavano adocchiando è Nicolò Parilla. secondo Il Corriere dello SportLa squadra di Conte ha chiesto informazioni sulla disponibilità del centrocampista della nazionale italiana.

Parilla ha dimostrato di essere un acquisto intelligente per l’Inter da quando lo ha portato dal Cagliari nel 2019. Ha superato la barriera delle 100 presenze in Serie A con il club e ha consolidato il suo posto come titolare nelle squadre italiane di Roberto Mancini.

Ovviamente è diventato anche il vincitore dello scudetto con l’Inter di Conte nella stagione 2020-21.

READ  Zlatan Ibrahimovic: L'attaccante del Milan è molto vicino alla firma di un nuovo contratto, dice Paolo Maldini notizie di calcio

Forse era comprensibile che l’Inter non fosse pronta all’idea di mollare il Barilla, che ha ancora un contratto fino al 2026. Con questo in mente, ha respinto le anticipazioni degli Spurs e gli è stato detto di non disturbarli più.

Nicolò Barella avrebbe potuto essere una promozione per il Tottenham

Non è chiaro esattamente quando si è verificato questo approccio. Gli Spurs potrebbero aver risposto acquistando Bisoma, o forse voleva Parilla in aggiunta a quello.

Hanno sicuramente perso l’ultima possibilità e sembra improbabile che riescano in ulteriori tentativi di accogliere il 25enne. Potrebbe essere un duro colpo per il Liverpool, Chi potrebbe avere le proprie speranze di firmare con la Barilla Nelle ultime settimane.

Il cagliaritano ha giocato da titolare tutte e cinque le gare di Serie A dell’Inter in questa stagione. In totale, ha raccolto 140 in tutte le competizioni per il club.

Di quelle partite, ha contribuito con 12 gol e 36 assist. Potrebbero esserci altri in arrivo, mentre il Tottenham dovrà fare affidamento su altri giocatori.

Finora in questa stagione Conte è stato coinvolto a centrocampo per Pierre-Emile Hojberg, Rodrigo Bentancourt e Bissoma. Avrà a sua disposizione anche Oliver Skip.

In tutta onestà, Parilla sarebbe stato il migliore se il Tottenham avesse potuto ottenere i suoi servizi. Ha una capacità maggiore rispetto al resto.

Detto questo, anche altri hanno fatto conoscere la loro presenza. Hojbjerg è stato un acquisto intelligente durante l’era di Jose Mourinho, mentre Bentancur ha ricevuto valutazioni migliori in Premier League rispetto alla Serie A con la Juventus.

Gli speroni dovrebbero essere in grado di superarlo senza un’opzione aggiuntiva nei prossimi mesi. Ma se sentono ancora di aver bisogno di maggiore profondità o qualità, forse è un’area che possono riconsiderare a gennaio.

READ  Gran Premio di Gran Bretagna, qualifiche, risultati, griglia, Jack Miller, Paul Espargaro, come guardare

Probabilmente Barilla è fuori lista.

Leggi di più: Barracci stordito dall’impatto della firma del Tottenham che può giocare “tre posizioni”, tra pronostici audaci