Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’italiano prova a schivare il colpo del Covid con un braccio finto

Un funzionario italiano ha detto oggi che un uomo italiano che voleva ottenere un certificato per un vaccino contro il coronavirus senza subire un vero colpo ha cercato di potenziare il sistema presentando un braccio falso agli operatori sanitari.

Nonostante il tono della pelle realistico, nessuno si è lasciato ingannare dalle punte in silicone e l’uomo – sulla cinquantina – è stato segnalato alla polizia locale in seguito all’incidente di ieri sera a Biella, nel nord-ovest dell’Italia.

“Il caso sarebbe sull’orlo del ridicolo, se non fosse per il fatto che si tratta di un gesto molto pericoloso”, ha detto in una nota su Facebook il capo della Giunta regionale del Piemonte, Albert Serio.

Tale azione è stata “inaccettabile di fronte al sacrificio che la nostra intera società ha fatto durante la pandemia, in termini di vite umane e di costi sociali ed economici”, ha affermato.

L’incidente del braccio falso arriva prima che le regole venissero inasprite lunedì in Italia per le persone che non sono state ancora vaccinate contro il Covid-19.

Da agosto è necessario un “Corridoio verde” che mostri prove di vaccinazione, una recente guarigione dal coronavirus o un test negativo per mangiare al chiuso nei ristoranti, visitare musei, cinema e teatri e partecipare a eventi sportivi.

Ma dal 6 dicembre queste attività saranno limitate ai titolari del “Super Green Pass”, disponibile solo per coloro che sono stati vaccinati o hanno recentemente contratto il Covid-19.

Il vecchio corridoio verde è stato esteso nel mese di ottobre a tutti i luoghi di lavoro, ed è ancora in vigore per questo scopo, il che significa che i non vaccinati possono ancora andare al lavoro mostrando un recente test negativo.

READ  Tracciare il grafico dell'economia globale: la domanda degli Stati Uniti stimola i paesi guidati dalle esportazioni

Le nuove restrizioni – oggetto di piccole proteste nei centri cittadini di tutta Italia la maggior parte dei fine settimana – sono state introdotte dopo un’impennata di casi di Covid-19, esacerbata nei giorni scorsi dai timori per una nuova alternativa, Omicron.

L’Italia è stato il primo Paese europeo a colpire l’epidemia all’inizio del 2020, ma attualmente sta andando meglio di molti dei suoi vicini.

Giovedì sono stati segnalati 16.800 nuovi casi nelle ultime 24 ore, con 72 decessi.

Quasi l’85% della popolazione ammissibile (di età superiore ai 12 anni) è già stata completamente vaccinata e questa settimana l’opzione della dose di richiamo è stata estesa a tutti gli adulti.