Agosto 1, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’italiano Matteo Beretini raggiunge la prima finale del Grande Slam a Wimbledon

Londra – “Sì!” (Vai!), “Forza!” (Andiamo!) E “Andiamo, Amore Mio!” (Andiamo, mia cara!) Supportato tramite Centre Court Matteo Beretini Nella sua lingua sulla strada per diventare il primo finalista del Grande Slam maschile in Italia in 45 anni.

Fornendo 22 assi e un potente dritto per aiutare a compilare un totale di 60 vincitori, il seme numero 7 Beretini ha usato la corsa di 11 partite per guadagnare un grande vantaggio, quindi è arrivato 14°. Hubert Hercos 6-3, 6-0, 6-7 (3), 6-4 a Wimbledon venerdì.

Domenica Berettini affronterà il n.1 Novak Djokovic, 19 volte campione principale o n. 10 Denis Shapolov, Semifinali Slam per la prima volta.

Bertini ha ideato una partita domenicale a Londra per l’Italia. Quella notte, dopo aver giocato la finale di Wimbledon quel giorno – la prima partita per il suo connazionale in qualsiasi major da quando Adriano Panata ha vinto l’Open di Francia del 1976 – è stata la notte in cui l’Italia ha incontrato l’Inghilterra allo stadio di Wembley nella finale del campionato europeo di calcio.

Bertini, 25 anni, ha perso la sua precedente unica semifinale agli US Open 2019.

Ora ha vinto 11 partite sui Bull Courts, incluso un titolo nella band del Queen’s Club il mese scorso, diventando il primo uomo dopo Boris Becker a vincere il suo trofeo inaugurale all’evento nel 1985. Becker vinse Wimbledon quell’anno.

Il risultato di venerdì si è rivelato essere un inizio anticipato contro Hargas, che non aveva mai superato il terzo turno in uno slam, ma ha vinto il Wimbledon otto volte. Roger Federer E il numero 2 Daniel Medvedev.

READ  Softball USA: apertura olimpica di Tokyo contro l'Italia, streaming live, canale TV, tempo, contraddizioni

Un momento cruciale, stranamente, è arrivato in meno di 20 minuti, quando Hargas aveva un vantaggio di 3-2 e ha avuto un break point. Fu distrutto da Berettini – non a caso qui – da un vincitore di servizio a 130 mph, il suo “SI!”

Da lì, Hargas si è evoluto dal più grande battitore della sua carriera – in due set contro il suo idolo Federer nei quarti di finale – per tornare in Inghilterra dopo aver perso sei partite.

Ci sono voluti più di 50 minuti perché Bertini perdesse un’altra partita, che gli ha dato i primi due set e un vantaggio per 1-0 nel terzo.

Non poteva mancare. Hurgas non è riuscito a connettersi.

Nel primo set, ad esempio, Bertini, alto 6 piedi e 5, con il petto a botte, ha raccolto 21 vincitori – 11 dal suo diritto – e otto errori non forzati. Al contrario, Hurgas non ha ottenuto un vincitore a fondo campo in quell’intervallo.

Alla fine Bertini ha avuto 24 vittorie di diritto solo e 18 errori forzati. Il totale di Hurgas? Meno della metà dei vincitori, 27 – quattro dritti su quattro – e 26 bug forzati.

Gli uragani, che si erano radunati molto silenziosamente contro Federer due giorni prima, hanno alzato gli occhi al cielo dopo un’immagine di rabbia, sporgendosi in avanti o perdendone qualcuno.

Quando gli Hurricanes sono scoppiati per la prima volta in un pomeriggio nuvoloso, il 24enne polacco si è seduto per il turno successivo, tra il morso di una banana, ha detto al suo allenatore americano Craig Pointon di aggiustare la disposizione dei sedili, alcuni vogliono essere più vicini, altri vogliono essere più sparsi.

READ  CNN Alla ricerca dell'Italia Stanley Doozy Adventures in Europe

Quello è il problema.

Anche Hurgas ha un servizio formidabile, ma nonostante non sembri mai in grado di gestire i suoi avversari, Berettini ha ottenuto buone letture e bloccherebbe le entrate per iniziare un punto.

Ha funzionato bene e ha aperto la strada a sei break per Bertini, che ha salvato due occasioni del genere per Harrocks.

applaudito dallo stand della sua ragazza, Ajla Tomljanovic, Avanzando ai quarti di finale questa settimana, ha avuto due punti da quando ha vinto quattro volte nel terzo set, quando Bertini ha servito – due volte sul 5-4 (entrambi al Deuce), due volte sul 6-5 (al 30) al Deuce).

Ma Hurgas ha afferrato quei posti e poi ha allungato la partita catturando un tie-break, dandogli un vantaggio di 4-0 quando Bertini ha segnato quello che avrebbe dovuto essere un facile tiro al volo di diritto.

Andando negli spogliatoi dopo il secondo set, Hurgas è riuscito a riorganizzarsi un po’, e dopo il terzo, Bertini ha lasciato il campo. Quando il gioco è ripreso, Bertini ha iniziato il quarto inning e presto è tornato sulla strada giusta. Hargas ha salvato il punto di partenza di Berettini 5-3 con un vincitore del servizio a 134 mph.

Beretini e i suoi sostenitori hanno dovuto aspettare solo cinque minuti per una seconda occasione per chiuderla, e così è stato.