Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’italiano Diesel Jeans Billionaire Fashion Front sembra essersi unito

Il miliardario fondatore di Diesel Jeans è impegnato nel compito di convincere molti dei piccoli attori italiani della moda a lavorare insieme.

Renzo Rosso, il 65enne fondatore di Diesel Spa, ha dichiarato in un’intervista che alcune piccole aziende “non possono permettersi i costi della crescita digitale e non stipulano contratti con i grandi siti online”. “Alcune aziende di moda dovranno accettare alleanze e queste alleanze daranno loro un carattere senza precedenti”.

Renzo Rosso

Fotografo: Stefano Kintani / OTP Team

Rosso è stato recentemente nominato rappresentante della lobby aziendale Confindustria Con il mandato di elevare il marchio Made in Italy, colonna portante dell’industria del lusso del Paese. Sarà una sfida per gli imprenditori italiani della moda Maverick lavorare insieme e costruire un fronte unito.

Sebbene abbia una gamma impressionante di marchi famosi, l’Italia non è un campione nazionale del settore del lusso, a differenza della Francia, dominata da LVMH Moyd Hennessy Louis Vuitton SE e Gering SA.

Ciò ha portato all’acquisizione di marchi iconici da parte di giocatori stranieri, incluso l’acquisto del designer Gianni Versace a Michael Kors 2018.

Si vocifera da anni di accordi che coinvolgono i restanti indipendenti, come Giorgio Armani Spa e Salvador Ferragamo Spa, ma Rosso afferma di ritenere che le misure adottate ora aiuteranno a mantenere alcune di queste società in mani italiane.

Il miliardario italiano dei jeans diesel è associato alla cucitura sul davanti della moda

Sede del Gruppo OTB vicino a Praga, Italia.

Fotografo: Daniel Dominically / OTP Team

“Risultati insieme”

Sarebbe utile il modello francese, dove “gli imprenditori lavorano insieme, il governo è coinvolto”, ha detto Rosso. In passato, l’industria italiana era “un disastro, le persone erano ostili tra loro”.

Ora c’è un ambiente migliore, ha detto. “Ermenikildo Jegna, Remo Roupini di Mangler, Patricio Bertelli e Luigi Maramotti e io stiamo prendendo decisioni strategiche insieme”.

READ  L'italiano Sonego incontrerà il campione in carica Dijer nella finale di Cagliari

Bertelli è co-fondatore di Prada Spa e responsabile di Maramotti Max Mara.

Il governo del Primo Ministro Mario Tracy potrebbe anche essere più aperto rispetto alle precedenti amministrazioni nel fornire supporto all’industria. Il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giergetti ha affermato che la cosiddetta protezione del Golden Power – misure governative per prevenire o gestire la proprietà straniera di imprese strategiche – potrebbe estendersi ai settori automobilistico e siderurgico, suggerendo che le aziende di beni di marca potrebbero essere le prossime.

LVMH ha aumentato la sua partecipazione in Todd’s Spa al 10% il mese scorso, scatenando la voce che il complesso potrebbe diventare un obiettivo per le acquisizioni dei produttori di scarpe italiani. La casa di moda francese ha già etichette bulgare e Fendi.

Il fondatore di Armani Giorgio Armani non voleva firmare un contratto con la sua azienda in Italia ma non lo ha rifiutato. Continuare come entità indipendente “non è assolutamente necessario”, ha detto Armani Voga Edizione di marzo. “Si può pensare di contattare un’importante azienda italiana”, ha detto.

Come Rosso, Armani potrebbe vedere le cose in questo modo. Dal punto di vista del fondatore del diesel, la fusione delle attività di prodotti a marchio italiano le rende più competitive ed è essenziale per il loro sviluppo tecnologico e la capacità di produrre prodotti sostenibili.

Dichiarazione di non responsabilità inviata / riconosciuta il 6 maggio 2021

Stilisti della collezione Victor & Rolf Primavera Estate 2021.

Fonte: OTB Team

Cambiamento costoso