Novembre 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’italiana Meloni sta valutando un nuovo pacchetto di aiuti fino a 10 miliardi di euro

Contenuto dell’articolo

(Bloomberg) – Il primo ministro italiano Giorgia Meloni sta lavorando a un nuovo pacchetto di aiuti del valore di 9,6 miliardi di euro (9,6 miliardi di dollari) per aiutare famiglie e imprese fino alla fine dell’anno senza aumentare il deficit del Paese, secondo le persone che hanno familiarità con il suo caso.

Contenuto dell’articolo

Il sostegno ideato dal nuovo presidente del Consiglio, il cui governo di destra ha prestato giuramento in questa settimana, mostrerà una prima continuazione della saggezza finanziaria del suo predecessore Mario Draghi prima di dover ricorrere a più prestiti nel 2023, secondo persone che hanno familiarità con il importa. Materia.

Contenuto dell’articolo

Hanno rifiutato di pubblicare i loro nomi perché la questione è ancora in discussione. Un portavoce del governo ha rifiutato di commentare i piani finanziari dell’alleanza.

Il pacchetto sarà speso principalmente per ampliare le misure di aiuto all’energia e si baserà su una parte del cuscino di spesa di 9,6 miliardi di euro lasciato dalla precedente amministrazione. Anche il gettito fiscale aggiuntivo, favorito dall’aumento dell’inflazione e da una crescita economica migliore del previsto, sta rilanciando le finanze pubbliche.

Contenuto dell’articolo

La mossa sarà la prima prova tangibile dell’obiettivo dichiarato di Meloni di dimostrare un impegno per la sostenibilità fiscale del Paese nonostante la sua piattaforma di riduzione delle tasse.

Mentre l’Italia è alle prese con una montagna di debiti di circa il 150% della produzione, questo mese il nuovo primo ministro potrebbe guardare alla disintegrazione dell’amministrazione dell’ex primo ministro britannico Liz Truss sotto la pressione dei mercati finanziari come esempio di come le sovvenzioni potrebbero essere distorte .

READ  La maggioranza a Taiwan vuole una riforma politica: sondaggio

La sfida di Meloney si intensificherà solo quando il breve scatto di crescita economica svanirà, restringendo il suo margine per mantenere le sue promesse elettorali. Il governo prevede che la produzione economica aumenterà solo dello 0,6% il prossimo anno – in calo dal 3,3% nel 2022 – e molti analisti si aspettano una contrazione.

Contenuto dell’articolo

Visti i 66 miliardi di euro per proteggere l’economia finora, non sarà facile per i due milioni di italiani rinunciare al sostegno, soprattutto con l’arrivo dell’inverno e la crisi energetica ancora in pieno svolgimento.

Lo ha detto in un discorso ai legislatori martedì e ha previsto tempi difficili per il futuro. Pur promettendo un “enorme sforzo finanziario” per continuare a proteggere l’economia, il presidente del Consiglio ha aggiunto che questo “sforzerebbe una parte significativa delle nostre risorse, costringendoci a rimandare alcune delle misure che volevamo”.

Il risultato sarà più prestiti nel 2023 poiché il governo cercherà di aiutare le famiglie e rilanciare l’economia il prossimo anno tagliando anche le tasse, hanno affermato le fonti.

La sospensione da parte dell’UE delle regole che limitano i disavanzi e il debito fino alla fine del prossimo anno darebbe almeno a Meloney spazio per definire la politica fiscale senza tale limitazione.

Ma con la Banca Centrale Europea che continua ad alzare i tassi di interesse – forse di nuovo già giovedì – è improbabile che il controllo degli investitori sulle finanze pubbliche italiane diminuisca.