Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’italiana Meloni, a differenza di Truss, che impara dalla storia, sceglie di ‘accontentarsi’

Sembra probabile che Giorgia Meloni, il nuovo primo ministro italiano, presieda a un’economia relativamente resiliente, in cui i rapporti debito pubblico dovrebbero continuare a diminuire, e una possibile apertura a una tregua fiscale grazie all’aumento dei finanziamenti dell’UE nel 2023-25.

Nonostante quello che i funzionari definiscono un “ambiente molto difficile” e uno “shock straordinario” dall’inflazione russa alimentata dalla guerra, Il governo di destra Meloni Finora mantiene la continuità “prima la stabilità” con la precedente gestione di Mario Draghi.

La spinta è arrivata dalla mancanza di militanza dei sindacati italiani, senza alcun segno di una spirale salari-prezzi nonostante l’inflazione sia arrivata all’11,8% in ottobre, il tasso più alto in 37 anni. Questi i messaggi chiave dell’incontro del 16 novembre a Roma tra responsabili politici, investitori e accademici dell’OMFIF, organizzato con Assonime, il gruppo italiano di ricerca e affari societari.

Giancarlo Giorgetti, membro di spicco della Lega, il giovane socio di governo del partito Meloni Fratelli d’Italia che ha vinto le elezioni generali del 25 settembre, è diventato ministro delle Finanze il mese scorso. Finora si è attenuto a una politica economica costante volta a soddisfare i termini di afflussi su larga scala dal Next Generation Fund dell’UE.

I funzionari vorrebbero vedere il differenziale di rendimento tra i titoli di stato decennali italiani e tedeschi tornare ai livelli spagnoli, circa 1 punto percentuale, in linea con la posizione 12 mesi fa, dai 2 punti attuali. La Banca d’Italia ha stimato un ragionevole livello di spread a 1,5-2 punti percentuali, contro un massimo di circa 2,5 punti all’inizio di questo autunno e più di 3 punti quando è iniziata l’epidemia di Covid-19 nel marzo 2020.

C’è grande interesse a sapere se Giorgetti sostituirà il Direttore del Tesoro Alessandro Rivera, un funzionario rispettato a livello internazionale che ricopre il ruolo dall’agosto 2018. Data l’elevata sensibilità internazionale, Giorgetti dovrebbe assumere una posizione pragmatica.

READ  Mercato dei robot industriali valutato a 35,68 miliardi di dollari entro il 2029 |

Ci saranno paragoni con la mossa drastica di Liz Truss, l’ex primo ministro britannico di breve durata, di licenziare Tom Scholar, che era stato a capo del Tesoro britannico per sei anni, dopo essere entrato in carica due mesi e mezzo fa.

Truss e Meloni sono entrambi entrati in carica in un momento di tensioni sul mercato obbligazionario. La linea realistica della Meloni sulla politica economica sottolinea come erano lei ei suoi consiglieri Molto più abile nel leggere le lezioni della storia economica rispetto alla sua sfortunata controparte britannica.

È probabile che l’Italia, come la maggior parte dell’Europa, sia già entrata in una lieve recessione causata dagli alti prezzi dell’energia e dalla stretta monetaria globale. Tuttavia, dopo il previsto calo del PIL nel quarto trimestre, l’attività dovrebbe stabilizzarsi nel 2023, poiché il ministero delle Finanze prevede che il PIL reale aumenterà dello 0,6% l’anno prossimo, prima di riprendersi nel 2024 e nel 2025. Il PIL ha superato il PIL reale nel il terzo trimestre è la media del 2019 a causa dell’emergente crisi del virus corona (Covid-19) rispetto alle turbolenze finanziarie del 2007-2009. Il sostegno viene dal turismo, dall’export e dalle costruzioni, con la ripresa dell’attività in alcuni settori per compensare parte dell’inflazione che ha colpito il reddito disponibile.

Il tasso di disoccupazione di circa l’8% è il più basso degli ultimi 10 anni, tuttavia l’aumento della partecipazione dei lavoratori dal 2020 (a circa due terzi dei lavoratori disponibili) contribuisce alla mancanza di pressione sui salari. La maggior parte degli accordi salariali centrali sono stati conclusi lo scorso gennaio, prima che la maggior parte dei prezzi dell’energia aumentasse. Quindi nel nuovo anno potrebbero verificarsi alcune compensazioni per i modesti aumenti salariali per il 2022. Il governo prevede che la retribuzione per dipendente aumenterà solo del 3,2% quest’anno e del 2,9% nel 2023. La mano ferma del governo sulla politica economica non presuppone alcun duro inasprimento da parte della Banca centrale europea. Dopo il ritorno dei tassi di interesse di riferimento quasi alla normalità alla fine del 2022.

READ  Le elezioni presidenziali italiane potrebbero plasmare il futuro dell'Unione Europea

Il rapporto debito pubblico/PIL italiano dovrebbe diminuire dal 154,9% nel 2020 e dal 150,3% nel 2021 al 145,7% nel 2022 e al 144,6% nel 2023, sostenuto dalla crescita reale e dall’inflazione. Crescita del PIL nominale del 7,3% nel 2021, del 6,8% nel 2022 e del 4,8% previsto nel 2023, in un momento in cui i tassi di interesse sono ancora relativamente bassi, abbassando i rapporti debito/PIL in un paese con un governo indebitato – come affermano i funzionari In Germania, il il più grande creditore della zona euro, lo ammettete prontamente.

Le pressioni sul debito sono rimaste sotto controllo con una scadenza media del debito di circa otto anni. La BCE non sta più aumentando il suo stock complessivo di titoli di stato dopo aver completato i suoi acquisti netti di obbligazioni a marzo. Inoltre, l’Italia non ne beneficia più Acquisti sproporzionati di debito italiano nel reinvestimento da parte della Banca centrale europea dei bond rimborsati.

Un grande fattore che aiuterà l’Italia a evitare le tensioni sul mercato obbligazionario saranno gli afflussi dal NGEU nell’ambito del piano italiano di ripresa e resilienza, che dovrebbero salire a 40,9 miliardi di euro l’anno prossimo e 46,5 miliardi di euro nel 2024 da 15 miliardi di euro nel 2022 e 5,5 miliardi di euro nel 2020-2021. In questo contesto, la possibilità che l’Italia faccia ricorso al nuovo meccanismo antiframmentazione della Banca Centrale Europea, e Strumento di protezione della trasmissionesembra “molto lontano”, secondo un alto funzionario.

Un tema importante per i politici italiani è che la sostenibilità del debito richiede una crescita più forte, dal momento che “la dissolutezza fiscale non è stata la causa prossima dell’accumulo del debito pubblico”. Se l’Italia avesse mantenuto il suo tasso di crescita del PIL negli ultimi 15 anni dal 2000 al 2007, il rapporto debito/PIL dell’Italia sarebbe sceso sotto il 100% dal 2017, secondo la simulazione della Banca d’Italia.

READ  Paolo Del Brocco di RAI Cinema parla per la prima volta di Venezia - Scadenza

I mercati finanziari realizzano questi miglioramenti – con l’aiuto di La trasformazione in area positiva del polo netto degli investimenti internazionali per l’Italia Alla base delle recenti pressioni c’è lo spread dei titoli italiani a 10 anni. I funzionari sono molto interessati al dialogo con le agenzie di rating.

Un’ulteriore riduzione della prevalenza richiede un follow-up affidabile nonostante le promesse pre-elettorali. Il governo Meloni è in luna di miele, ma i primi segnali sono incoraggianti. Questi punti di vista coincidono con quelli di Ignazio FiescoGovernatore della Banca d’Italia. Nella sua trasmissione del 3 novembre da OMFIFHa detto che il nuovo governo “non sembra essere su una strada diversa” da quella di Draghi.

La ricezione e l’assegnazione di oltre 200 miliardi di euro in potenziali fondi NGEU in Italia, che secondo i funzionari è molto più “caricata sul back-end” rispetto alle proiezioni precedenti, sarà fondamentale.

I potenziali moltiplicatori fiscali potrebbero aggiungere circa 1 punto percentuale alla crescita del PIL nel primo anno, accumulando 3,6 punti percentuali entro il 2026. spazio” per migliorare il potenziale di crescita nel medio termine.

David Marsh è presidente del consiglio di amministrazione e Neil Williams è capo economista di OMFIF.